SONO MORTA. Ecco come mi hanno ucciso. P.S. NON SONO MORTA PER NIENTE.

SONO MORTA. 

Sono almeno sei mesi che mi rifiuto di affrontare la questione, un po’ per orgoglio personale, un po’ per non dargliela vinta.

Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 mi hanno ucciso. Qui, all’hotel Alpinist. Ho avuto anche un vero e proprio crollo fisico.

Ora credo sia necessario che affronti la questione. Devo elaborare la mia morte.

UCCIDONO LE PERSONE LASCIANDOLE VIVE. Vive, si fa per dire. Le lasciano che respirano.

Lo so da molto tempo. Non mi ricordo se era il 2011 o già prima. E’ difficile ricordare se sei … faccio ancora fatica a dirlo, ad ammetterlo… se sei morto. Ho usato la “O” come se non riguardasse me, non la “A”. E’ proprio dura… Io sono una donnA. “A“. Lo sono sempre stata, la donna più femminile che ci poteva essere in giro, nonostante ho sempre fatto delle scelte molto maschili. Già, non ho mai rinunciato a essere quella che sono per competere con i maschi. Senza malizia. Né pose, né ridicole maschere per soddisfare l’immaginario distorto di un maschio che vive nella putrefazione imperialista. Solo l’orgoglio, la felicità di essere quello che sono, una donna.

Una donna intelligente, orgogliosa e determinata nelle sue scelte.

Capii che chi non aveva tradito, chi non l’avrebbe mai fatto, chi era moralmente e intellettualmente onesto era stato ucciso. Ero in stato confusionale, avevo difficoltà a esprimermi, a organizzare le idee, a parlare, ma ero viva e osservavo i compagni di una vita di lotte e quelli che se ne erano andati dal partito, già la prima cosa che avevano fatto era cercare di causare una scissione, per indebolire il partito, per dividerci. Avevano lavorato sul malcontento, l’insoddisfazione. Sull’ambizione. Non c’è nessuno più ambizioso di un Comunista. Noi vogliamo cambiare il mondo, far fare un passo in avanti all’umanità. A testa alta. Vogliamo che l’umanità alzi la testa, si metta in piedi e prosegua la sua strada verso un futuro che eliminati i lacciuoli, le catene di una società come questa, sarà grandioso. Non esiste ambizione più grande e più sana.

Questo compito storico c’è l’ha il proletariato internazionale. I lavoratori.

Non sarei mai diventata comunista se non mi fosse stato chiaro che la società futura sarà composta da persone che possono esprimere il meglio di se stessi in un lavoro collettivo e in una società ricca.  Se qualcuno storce il naso, usi il cervello e si guardi intorno, già oggi il lavoro è sociale, collettivo. Chi costruisce le case, le macchine, i televisori, chi cuce i nostri abiti e ogni cosa, non lo fa da solo, ma lo fa accanto un altro lavoratore in un lavoro collettivo.

Marx nel Capitale scrive che l’uomo medio sarà a livello di Leonardo, di Galilei… e poi ci saranno i geni. E non sarà necessario a ognuno più di due ore al giorno di lavoro. Liberate le persone e le forze produttive dalle catene che ne frenano lo sviluppo, l’umanità sarà composta di giganti. Giganti sazi. La ricchezza prodotta, immensa, già oggi potrebbe risolvere tutti i problemi legati alla povertà se non fosse sprecata, da chi se ne appropria, in armamenti, guerre, droga, e mille altre cose dannose e inutili. Amo le cose belle, i quadri, i libri antichi, i vestiti, l’architettura, il design, il buon cibo, non sarei mai stata disponibile a lottare per … la miseria.

Osservavo i compagni, sembravano degli zombi. Gente brillante, intelligente a cui avevano tolto ogni speranza, moralmente, psicologicamente distrutti. Oppure corrotti.

Quando sono arrivata qui, un uomo, aveva evidentemente il compito di controllarmi, mi disse con un certo stupore: “Pensavo eri morta tanto tempo fa. Tu sei viva. Tu ami la vita.”.

Peccato che se ne sono accorti.

La persecuzione di oltre un quindicennio era finalizzata a questo scopo. Uccidermi. Uccidermi moralmente e se non fosse bastato, forse anche fisicamente.

Distruggere l’immenso amore che avevo per la vita, la grade empatia verso il resto dell’umanità e che nonostante tutte le efferate violenze che ho subito mi aveva permesso di non morire come persona.

Un altro uomo incontrato qui, probabilmente dell’Intelligence inglese o americano, un liberale, mi disse: “Dobbiamo togliere la speranza ai lavoratori. La speranza genera malcontento…!” Rimasi senza parole, non avevo mai sentito un’enormità simile. Neanche i preti sono così bestie, crudeli e scemi. Le religioni alimentano la speranza, speranze fasulle, ma speranze.

Io ho passato la vita a diffondere speranze. Era bello, quando spiegavo a un lavoratore che cambiare questa società non era solo storicamente necessario, ma anche possibile, cosa vedevo accendere nei loro occhi, la luce della comprensione e sì, della speranza. Ma non c’erano ancora tutte le condizioni necessarie. Se fosse solo una semplice questione di volontà, accendo o spengo la speranza, il mondo l’avremmo cambiato da un pezzo!

Peccato per il “teorico” liberale, che nella sua testa vuota, piena d’ideologie borghesi, (ideologia=falsa visione del mondo) non sa che quello che genera il malcontento non è la speranza, ma le reali condizioni di vita e di lavoro, il rapporto capitale-lavoro, le relazioni internazionali che mutano, le guerre, i duri fatti materiali sono quelli che muovono le masse, quelli che fanno pensare, non le idee più o meno campate per aria o qualche emozione.

Oltretutto, tu puoi togliere la speranza a una persona, a 100, a 1000, a 10000, ma non puoi toglierla a miliardi di lavoratori, si può togliere la speranza a qualcuno per un po’, ma non per sempre, perché le condizioni materiali cambiano. Tutto è in movimento e in continua mutazione, dalle cellule del nostro corpo alla storia. Pantarei. Tutto scorre. 

“Se sottoponiamo alla considerazione del nostro pensiero la natura o la storia umana o la nostra specifica attività spirituale, ci si offre anzitutto il quadro di un infinito intreccio di nessi, di azioni reciproche, in cui nulla rimane quel che era, dove era e come era, ma tutto si muove, si cambia, nasce e muore.

Questa visione primitiva, ingenua, ma sostanzialmente giusta del mondo è quella dell’antica filosofia greca e fu espressa chiaramente per la prima volta da Eraclito:
tutto è ed anche non è, perché tutto scorre, è in continuo cambiamento, in continuo nascere e morire.

(Engels, Anti-Dühring)

Puoi corrompere 10, 100, 1000 lavoratori, ma non tutti i lavoratori anche solo di un’azienda, perché non te lo puoi permettere, ti costerebbe troppo e il gioco non varrebbe più la pena. Puoi illudere qualche lavoratore, anche migliaia, come è successo negli anni ’80/90 in momenti di grande ricchezza e forza del Capitale, che la soluzione è individuale, che ti puoi arricchire, che tutti possono diventare dei borghesi, una stupidaggine, è impossibile, chi produce la ricchezza sono i lavoratori… e da allora sono passati quarant’anni e di lavoratori diventati borghesi, borghesi veri, non lavoratori con la partita IVA, un altro bel sistema per illudere e fregare i lavoratori, ne ho visti ben pochi..

Puoi distruggere, uccidere moralmente o anche fisicamente persone come me, ma non hai risolto nulla. Sono le condizioni materiali stesse della società capitalista che generano, producono continuamente altre persone che hanno chiaro la necessità di cambiare.

Io sono una donna espressione del mio tempo. Lo sono veramente, non come mi disse un compagno, un traditore, all’inizio de 2016 “…siamo uomini del nostro tempo” evidentemente tra di loro cercavano di giustificare il tradimento. No, voi siete dei traditori e stop. Nel vostro tempo c’è un sacco di gente che non ha tradito, alcuni non hanno capito niente, ma non hanno tradito. 

C’è una poesia scritta da Primo Levi, è la denuncia della ferocia borghese e delle paure subite nel lager, paure che non possono essere dimenticate, paure che vivranno per sempre in chi le ha vissute. Per chi ha subito le torture, le aberrazioni, le privazioni dei lager, non c’è modo di dimenticare, neppure al caldo, tra gli affetti, con il ventre sazio. Chi ha visto e subito l’orrore, chi ha conosciuto il lato oscuro, disumano, impietoso dell’animo umano, sa che non c’è tregua che tenga, che guerra è sempre, che finito il racconto si ricomincerà a sentire il grido nemico. L’unico modo per prolungare la tregua è continuare a ricordare.

E’ esattamente quello che voglio continuare a fare. Una mia zia, sconvolta, mi disse che ero pazza quando affermai che non volevo dimenticare. No, non voglio dimenticare, ho lo stesso dovere della memoria di Primo Levi.

Qualcuno anni fa, un miserabile, affermò: “… anche dalle cose peggiori si può imparare”. Può ringraziare che ero uno zombi, con una lentezza spaventosa a elaborare ciò che ascoltavo, ci arrivai ore dopo. E m’infuriai, quanto m’infuriai… negai per anni: da una schifezza simili non s’impara nulla è solo merda, distruzione, annientamento umano, dicevo a me stessa.

Ora dopo anni di riflessione o capito che c’è un fondo di verità. Non quella che pensava chi lo affermava. No. Quello che mi è successo, tutte le violenze che ho subito, i traumi continui, la disperazione, mi hanno tolto solamente le poche illusioni che avevo ancora su una società come questa.

E’ come mi avessero levato un velo dagli occhi, ora la realtà è più chiara.

E non sono morta. Sono una donna ferita che guarda al mondo con maggiore lucidità. Con disincanto. Con la certezza di Eraclito e di Engels: “Tutto scorre, tutto muta e si trasforma, in continuo  nascere e morire”.

Il tradimento di chi sarebbe dovuto restare al mio fianco, mi ha ferito, ma non mi annientato, perché non mi sono mai fatta illusioni sugli individui singoli, ho sempre avuto fiducia nella specie umana nel suo complesso. Al di là delle illusioni dei singoli, religiose, materiali, sentimentali o ideali, noi apparteniamo ad una specie sociale e quello che conta alla fine è la produzione e la riproduzione della vita, della specie umana e le forme economiche, politiche e sociali se diventano un freno allo sviluppo delle forze produttive, è solo una questione di tempo, saranno spazzate vie dalla storia e come diceva Marx finiranno nella pattumiera della storia con le società ormai inutili che le hanno precedute.

Amo la vita come l’ho sempre amata.  La luce i colori, la neve di questi giorni, il sole di oggi, i bimbi della scuola materna che due giorni fa, dalla mia finestra guardavo rotolare felici nella neve, sono la vita che ogni giorno urla la sua bellezza e mi fa sorridere e guardare al futuro della specie umana con fiducia.