Primo Levi, l’Holocaust e la repressione dei lavoratori durante il Nazismo e Fascismo.

31 gennaio 2018

Negli ultimi giorni ho guardato su youtube una serie di video dedicati a Primo Levi, soprattutto interviste.

Il 27 gennaio ogni anno si ricorda la Shoah, lo sterminio degli ebrei nei lager nazisti E in sott’ordine qualche giornale evidenzia la morte di Rom, omossessuali e disabili. Sono anni che com’è stata impostata la Memoria del massacro compiuto dai nazisti e fascisti, mi irrita e molto, perché falsificano parte della storia. E non sto parlando dei Revisionisti di destra, quelli che negano la Shoah.

Primo Levi era torinese come me. Non l’ho mai conosciuto personalmente. E’ uno scrittore che amo molto e per molte ragioni. Un suo libro anni fa mi salvò la vita.

Ho letto molte sue opere, ne preferisco tre in particolare: Se questo è un uomo, pubblicato nel 1947, sulla sua vita di prigioniero nel lager di Auschwitz, vittima e testimone dello sterminio nazista.  E’ un libro che ogni persona dovrebbe leggere, se vuole restare tale. Ho letto più volte questo libro, non mi ricordo se la prima volta ero alle scuole medie o già alle superiori. L’ho riletto vent’enne, poi ancora un’altra volta. L’ultima 7/8 anni fa mentre ero perseguitata per le mie idee politiche e lì mi salvò la vita. In quel libro ci sono degli insegnamenti terribili, alcuni sono fondamentali per la sopravvivenza in condizioni estreme come può esserlo la vita in un lager o la sopravvivenza a una feroce persecuzione politica.

Il secondo è La Tregua, dedicato al lungo viaggio di ritorno verso casa, dura un anno, dopo la liberazione dal Lager grazie ai soldati dell’Armata Rossa.

Il terzo è La chiave a stella, bello e divertente libro dedicato all’orgoglio per il lavoro, la soddisfazione per il lavoro ben fatto, in cui racconta la storia dell’operaio specializzato Giovanni Fausone, piemontese e trasfertista in cantieri italiani in giro per il mondo. L’ho letto mentre ero in Germania e seguivo il mio ex compagno, tecnico specializzato e trasfertista in giro per l’Europa.  In quel libro vedevo i colleghi del mio ex. La descrizione è precisa, ho riso molto mentre leggevo. Levi descrive esattamente il tipo “medio” di questi lavoratori!

C’è un quarto libro molto interessante, Il sistema periodico. In una bella mostra, se non sbaglio nel 2007, a Palazzo Madama in Torino, dedicata a Primo Levi, su dei pannelli c’era la trascrizione di uno degli elementi del sistema periodico Il Carbonio, è una delle cose più belle che ho letto, la conoscenza, l’ironia e la lucidità nell’osservare il mondo di Levi, ebreo e ateo, mi ha incantato.

Tra l’altro proprio mentre ascoltavo la prima intervista a Primo Levi una persona che ho conosciuto qui, è passata da casa e mi ha annunciato che tra un mese parte per Israele. E’ un ebreo del Caucaso, si trasferisce per varie ragioni, problemi famigliari e per un senso d’insicurezza che sente qui. Mi ha solo detto: “E’ meglio che vada”. Mi sono stupita, pensavo che qui gli ebrei potessero sentirsi al sicuro. Anche perché in questo momento trasferirsi in Israele con i problemi che ci sono lì e in Medio Oriente non credo sia una grande idea. Sicuramente qui ci sono dei neonazisti, ma pensavo che… comincio a credere seriamente che non capisco niente di questo paese. Parlo pochissimo la lingua e questo m’impedisce di comprenderne le sfumature.

In un’intervista, Levi parla dell’urgenza di scrivere subito dopo la sua liberazione, in realtà aveva già iniziato nel lager, mettendo a rischio la sua vita, perché scrivere era considerato spionaggio ed era proibito. È liberato dal lager di Auschwitz il 27 gennaio 1945 dai russi dell’Armata Rossa e portato verso Est, perché a Ovest c’era ancora la guerra. Comincia così un avventuroso viaggio in treno e a piedi con altri ex deportati che durerà quasi un anno, raccontato vent’anni dopo nel suo secondo libro  La Tregua. Ritorna a casa, a Torino, nell’ottobre del 1945. Mio zio, Barba Berto, soldato e prigioniero militare dopo il settembre del 1943, fece un viaggio ancora più lungo e ritornò a casa nel 1946 dopo 7 anni di guerra e 2 anni di lager.

Mi sono chiesta per decenni com’era stato possibile, non me lo spiegavo, non capivo com’era stato possibile condurre al macello 6 milioni di ebrei nei lager nazisti. Lasciando un momento sullo sfondo gli altri, i milioni di lavoratori morti nei campi. Me lo sono spiegato dopo quello che è successo a me, dopo la persecuzione di cui sono stata soggetta. La causa è il tradimento dei capi e il fideismo dei molti, la fede politica che diventa cecità e stupidità.

Sono comunista e internazionalista, il mondo è diviso formalmente in popoli, la divisione reale è un’altra: la divisione in classi. Esistono una borghesia e un proletariato internazionale con interessi contrapposti. Oggi e da decenni la questione posta a molti: difendo lo stato ebraico o lo stato palestinese?  Non ha più nessun senso. 

I comunisti da Marx a Lenin e fino alla decolonizzazione degli anni ’60 del Novecento hanno appoggiato l’autodeterminazione dei popoli. Le lotte di liberazione nazionale. Le rivoluzioni democratico-borghesi. Lo facevano con uno scopo preciso, appoggiavano le borghesie nazionali nella conquista del loro potere politico perché questo avrebbe significato la formazione di un mercato nazionale, lo sviluppo industriale e quindi l’aumento di milioni di proletari in quel paese in ogni settore. Aumentava l’esercito dei lavoratori nel mondo, era un passo verso l’emancipazione dell’umanità, la possibilità concreta di costruire una società futura, senza classi, senza sfruttamento dell’uomo sull’uomo, senza guerre e miseria. Appoggiavano consapevolmente i loro nemici. Ora quel tempo è finito. Il capitalismo, l’imperialismo è diffuso in ogni paese, le lotte nazionali sono un elemento di divisione e servono ad arricchire pochi predoni. Oggi serve l’unità del proletariato internazionale: lavoratori ebrei con lavoratori palestinesi, lavoratori russi con lavoratori americani e cinesi, lavoratori europei con lavoratori africani e così per ogni lavoratore nel mondo.

Detto questo, la storia degli ebrei prima e poi anche la storia dei valdesi mi ha sempre affascinato, fin da bambina li guardavo con ammirazione per il loro coraggio e le difficoltà affrontate nei secoli per difendere le loro idee religiose contro il dominio della chiesa cattolica.

In una delle interviste, Levi rimarca la necessità di testimoniare la barbarie vissuta. Il dovere della memoria.

Credo sia doveroso ricordare la Shoah e l’Holocaust, e gli ebrei hanno tutta la mia solidarietà, ma è il com’è fatto che non condivido, perché maschera le ragioni di fondo di quel macello. La causa. La causa è la crisi profonda del Capitale. Nel Novecento le due crisi profonde del capitalismo causarono le due Guerre Mondiali, la prima costò venticinque milioni di morti, la seconda cinquanta milioni di morti. Studi di Think-Tank ipotizzano per la futura Guerra Mondiale tra i 500 e gli 800 milioni di morti, nella prima metà del Novecento il mondo economicamente sviluppato era piccolo, ora il “materiale infiammabile” è esteso a tutti i paesi.

Se guardate su Internet, o se leggete i giornali quando affrontano la questione, mettono in evidenza i 6 milioni di ebrei, poi come comunità più colpite i rom, poi gli omossessuali e poi i disabili. Sembra che nei lager non ci fosse nessun altro. Mai una volta che qualcuno scriva i morti totali. Questa divisione puzza lontano di falso. Il 27 gennaio dopo aver letto un po’ di articoli su internet ho deciso di togliermi la curiosità di chi erano realmente i morti e quanti erano.

Ho fatto una breve ricerca, senza neanche andare lontano: Wikipedia e qualche sito specifico sull’argomento.

Fino a prima di questo post pensavo che i morti del Nazismo e Fascismo nei lager fossero circa 11milioni su 12 milioni d’internati, solo 1 milione era sopravvissuto, avevo letto questo dato negli anni ’80.

Ora ho letto in Internet che L’ United State Memorial Museum stima tra i 15 e i 20 milioni i morti nell’ Holocaust dal 1933 al 1945. E può essere che il dato degli 11 milioni sia comunque esatto, perché il nuovo dato 15/20 milioni include i morti fuori dai campi, ad esempio quelli gasati su speciali autocarri nell’Est Europa o sparati con un colpo in testa a centinaia di migliaia e sepolti nelle fosse comuni.

Inventarono la morte con il gas perché era meno traumatico per gli assassini. Sparare un colpo in testa a centinaia di migliaia di persone, credo possa far venir dei dubbi sulla bellezza, la giustezza e la necessità di un’idea che stermina parte della specie umana anche al peggiore imbecille fanatico nazista o fascista o simpatizzante liberale.

Il primo campo di concentramento fu aperto nel 1933 a Dachau, vicino a Monaco di Baviera, fu aperto per reprimere comunisti e socialisti oppositori politici del Nazismo, morì oltre un milione di lavoratori tedeschi. Nei campi, gli ebrei furono internati dal 1938. 

Tornando alla conta dei morti: 6 milioni di ebrei, 400 mila disabili, dai 220 ai 300 mila Rom/Zingari, dai 3 ai 9 mila omosessuali, questa è il conto che fanno quando parlano dell’Olocausto. Siamo “solo” a sei milioni e 700 mila morti… e gli altri 10/15 milioni di morti, dove sono finiti? Chi sono? Perché non se ne parla mai? E i tre milioni di prigionieri di guerra russi, lavoratori e contadini? E i quattro milioni di lavoratori e contadini Polacchi? E quanti lavoratori Ucraini, Serbi e di altri paesi dell’Est Europa?

E il 1,5/2 milioni di lavoratori  oppositori politici al nazismo/fascismo, di cui 1 milione di comunisti e socialisti tedeschi che negli anni ’20/’30 si opposero strenuamente al nazismo dove sono finiti? Dov’è finita la Resistenza dei lavoratori tedeschi al nazismo? L’altro milione era composto dagli oppositori politici degli altri paesi europei, tra cui 20/30 mila italiani.

Se si evidenziasse anche questo dato, non reggerebbe più la favola del “popolo” tedesco, in massa complice con Hitler. Quando parlano di Resistenza tedesca di solito descrivono il tentativo di uccidere Hitler organizzato da un gruppo di ufficiali nel 1944, momento in cui era ormai evidente che la guerra era persa. Nel 1944! I lavoratori erano dagli anni ’20 che si opponevano al nazismo! Circa 200 persone tra gli ufficiali tedeschi, figli dell’aristocrazia o della borghesia finirono nelle mani del boia, contro un milione di lavoratori tedeschi assassinati e chissà quanti erano quelli che non hanno ucciso, ma torturato e internato per la loro opposizione al nazismo. E’ evidente la mistificazione.

Serviva un capro espiatorio, il “popolo” tedesco, per nascondere i veri colpevoli: Chi organizzò e volle la guerra per ridefinire le fette da spartire del mercato europeo e mondiale. Cioè le borghesie di tutti i paesi coinvolti nella guerra.

Le vittime sono per la maggioranza lavoratori e contadini. Tra i Tedeschi, gli Ebrei, i Polacchi, i Russi, gli Ucraini, tra i soldati, tutta gente che prima della guerra e dopo sarebbe tornata a lavorare nelle fabbriche, negli uffici e nei campi. Mio zio, soldato italiano sopravvissuto a sette anni di guerra e a due anni di lager, era un ferroviere. 

Qualcuno potrebbe domandarsi perché questa conta dei morti? Perché sono così sensibile di fronte allo Sterminio e alla 2a Guerra Mondiale?

Per amore della verità storica.

Per onorare la memoria delle decine di milioni di lavoratori di ogni paese morti, feriti, costretti alla guerra, ad uccidere i loro simili, oltre tutto per interessi non loro, ma per l’accumulazione del Capitale. Per i lavoratori comunisti deportati nei lager di cui, in questi tempi sempre più tetri, nessuno mai parla.

Perché è parte della storia della mia famiglia: non solo mio zio fu costretto alla guerra e poi fu deportato in un lager nazista; il paese d’origine e la casa della mia famiglia furono bruciati dai nazi-fascisti; ho passato l’infanzia ad ascoltare i racconti degli anziani su cosa furono costretti a subire sotto il fascismo;  famigliari di gente che conoscevo bene, furono torturati e assassinati; parecchia gente del paese fu costretta ad andarsene all’estero perché socialisti, anarchici, antifascisti; mio padre quando aveva 8 anni fu ammassato con centinaia di donne e anziani in fondo al paese con le mitragliatrici puntate, stavano per essere tutti assassinati, poi un contrordine… forse la fine della guerra alle porte, o forse il cervello e il cuore di un ufficiale tedesco gli salvò la vita, si limitarono a bruciare il paese. La stessa fortuna non toccò a centinaia di persone in altri paesi del Piemonte, della Liguria e della Toscana. Mia nonna, vedova con 5 figli, un maresciallo di ferro in gonnella, fu così traumatizzata dalla guerra che prima di morire, quasi 45 anni dopo, a seguito di un ictus, la sera voleva andare a dormire vestita perché “Doveva essere pronta a scappare quando arrivavano i soldati tedeschi”. Nel suo cervello danneggiato dall’ictus, il ricordo e il terrore della guerra sepolto per decenni, tornava prepotente a galla rendendo amare e spaventose le ultime notti della sua vita.

Perché sono una sopravvissuta alla feroce repressione borghese avvenuta in Italia e in Europa negli ultimi venti anni.

E perché ci siamo di nuovo…

 

*La foto in evidenza è del sito Cultura.biografieonline.it

Repressione. 3. Ufficio dei rifugiati, militari, neonazisti e stupri di guerra.

Ad agosto 2017 dopo mesi che ricevo minacce su Facebook, dove mi prospettano sequestri, omicidi e un processo già in corso in Italia, nel quale sono accusata di qualcosa d’infamante, cerco di mettermi in contatto con un avvocato noto per il coraggio dimostrato nei processi contro dei carabinieri e poliziotti in pestaggi finiti in omicidi. Non ci riesco. Cade subito la linea. Non riesco a parlare con nessuno dei miei conoscenti in Italia. Non so ancora oggi se è vero che hanno costruito delle false accuse e un processo fasullo per screditarmi o non c’è nessun processo, ma era tutto orchestrato per terrorizzarmi.

Sono spaventata, sono sola, non so cosa fare. Decido di andare a chiedere informazioni all’Ufficio dei Rifugiati dell’ONU di Bishkek. Penso se proprio marca male almeno so come fare a chiedere rifugio politico.

E qui imparo qualcosa d’altro sul sistema in cui viviamo, molte illusioni mi erano già cadute in Italia: mi accolgono a braccia aperte, spiego cosa mi è successo, gentilissimi, appena dico che facevo parte di un partito di lavoratori, … comunisti, la trasformazione è immediata da dottor Jekyll a mister Hyde, “ah, partito di lavoratori… Comunisti”. Sanno perfettamente cosa avviene in Europa ai membri di partiti di opposizione. Vi risparmio il resto della trafila e l’attesa di un interprete di lingua italiana. L’interprete una donna kazaka, quando racconto sono stata stuprata da un gruppo di uomini dopo che tre mesi prima mi avevano detto che dovevo smettere di fare attività politica si è messa a ridere…

Già ha riso, come quel militare in borghese entrato nel mio studio Bibliografico con la scusa di voler acquistare un libro, un paio d’anni prima, mi disse sogghignando: “…ha rimosso…”, poi se ne andò. Sì, non mi ricordo nulla… probabilmente il mio cervello mi ha graziato. Mi hanno talmente massacrato che non mi ricordo nulla… provo solo un dolore immenso.

Preciso più volte che ora non voglio chiedere asilo, ma sono interessata a conoscere le procedure. Mi hanno minacciato più volte, se mi costringeranno, chiederò asilo per salvare la mia vita. Alla fine mi diranno che in quel momento non danno rifugio politico a nessuno. Però posso chiedere aiuto allo stato Kirghiso, mi dovrei rivolgere all’ufficio immigrazione e poi mi danno un indirizzo di un’associazione, una onlus immagino finanziata dagli occidentali. Non farò niente di tutto questo. Credo sia stato un errore, visto quello che è successo nei mesi successivi.

A titolo di pura informazione, nel 2017, il responsabile internazionale dell’ufficio dei rifugiati dell’ONU è italiano.

Intanto per sicurezza cambio hotel, dopo che ho scoperto che la titolare ha i parenti emigrati in Italia.

Mi trasferisco all’Hotel Alpinist. Resto lì dieci mesi. Lì sono stata narcotizzata e violentata. Credo che in questo hotel si sia saldato criminalità comune, corruzione e nazismo agli interessi della repressione europea e alla lotta tra frazioni del capitale in Italia.

Quando ero in Italia due persone differenti mi dissero che le violenze che ho subito sono “stupri di guerra”.

Stupro di guerra. Peccato che lo sapevano solo loro di essere in guerra.

Sarà che sono sempre stata una persona tranquilla, ma non capisco e mi rifiuto di capire certi metodi.  Metodi inutili in una fase storica come questa. Se ci fosse una guerra in corso o una guerra civile non lo capirei lo stesso, ma me lo spiegherei.

Dopo quello che mi è successo negli ultimi anni sono profondamente convinta che la causa dell’estremizzazione dei mussulmani in Europa oltre alle condizioni economiche e sociali pessime, sono i militari e civili annidati in associazioni sovversive e paramilitari, coperte dai servizi segreti locali e della propaganda finanziata per alimentare la paura e nascondere i problemi reali degli europei: disoccupazione, bassi salari, peggioramento delle condizioni di vita. Costruiscono dei nemici immaginari, una volta sono i mussulmani, un’altra volta gli ebrei, un’altra gli immigrati, un’altra ancora i sindacati o i comunisti,  su cui i frustrati e spaventati europei possono scaricare la rabbia invece di difendere i loro interessi. Sono una minoranza, ma una minoranza che fa rumore. Sono quelli che urlano forte per zittire i confusi.

Essendo italiana e non più giovane ho ben presente cosa fecero tra gli anni ’60 e gli anni ’90 del novecento, gruppi sovversivi di estrema destra, gruppi paramilitari come Gladio-Beyond, finanziati dalla Nato, dagli americani e servizi segreti “deviati”. Diventano sempre “devianti” quando si fanno beccare. Fecero tentativi di colpo di stato, stragi, misero bombe nelle piazze, sui treni, nelle banche, uccisero carabinieri e poliziotti e uccisero Moro. Moro fu ucciso dalle brigate rosse, terroristi controllati e manovrati dai servizi segreti italiani.

A me questa gente  fa veramente schifo. Quelli di ieri e quelli di oggi.  Di alcuni mi spiego il perché delle loro scelte, me le spiego con la forza delle ideologie borghesi, con l’incertezza economica diffusa, con la propaganda, con il mondo che è entrato in una fase storica nuova, quella generalizzata dell’acciaio dei cannoni e dei missili, con la necessità borghese di controllare le masse dei lavoratori.

In un mondo globalizzato, dove il nazionalismo è fumo negli occhi per nascondere la realtà dell’internazionalizzazione del capitale e serve a riempire le tasche di qualche predone, questi miserabili passano il tempo riempiendosi la bocca con la Patria, la Nazione…

E questo mi fa veramente incazzare: Miserabile immondizia umana, le centinaia e centinaia di persone morte nelle stragi, sui treni, nelle piazze, nelle banche, nei locali cos’erano e cosa sono? Ve lo ricordo: erano negli anni ’60/’80, italiani, i vostri compatrioti e oggi sono europei. 

Quello che scrivo in Italia è noto a tutti quelli della mia generazione.

Negli ultimi dieci anni hanno fatto circolare in Italia la voce che ” … forse, la strage di Bologna, 85 morti e decine di feriti, rovinati vita natural durante, è opera dei terroristi palestinesi!E’ un altro insulto ai morti e alle loro famiglie.

E’ sufficiente conoscere gli storici rapporti italiani con il Medio Oriente e gli arabi per sapere che è un’idiozia. Questo è buono per mistificare la storia e nascondere i crimini e confondere le idee ai giovani che la storia non l’hanno vissuto e non la conoscono.

Sono appassionata di storia, e lo studio della storia mi ha insegnato che i militari spesso sono degli emeriti imbecilli, ignoranti e disonesti oltre che pecore, ne ho avuto conferma in quello che mi è successo. E’ gente che non ragiona. A loro è richiesta l’obbedienza. Stop. E quando hanno dei margini di decisione individuale, sono degli imbecilli. Feroci imbecilli. Forse tra le poche eccezioni ci sono l’esercito Napoleonico e l’Armata Rossa, due eserciti espressione di due rivoluzioni. Una borghese e l’altra proletaria.

Un esempio per tutti: Quest’anno ricorre il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Nel 1917 i soldati italiani furono accusati dagli Stati Maggiori e da tutti i giornali complici, di essere i responsabili della Disfatta di Caporetto, una battaglia con un costo in vite umane spaventoso, quasi 80.000 morti su i due fronti italiano e austriaco, decine di migliaia di feriti, centinaia di migliaia di prigionieri e oltre un milione di sfollati. E’ ingiurioso e falso, i responsabili furono gli ufficiali dello stato maggiore, arroganti macellai incompetenti, incapaci di impostare una tattica e una strategia mandarono al macello decine di migliaia di soldati. (E questo non lo dico io, sono stati scritti molti libri, denunciarono quegli imbecilli incompetenti e onorarono la memoria di chi a Caporetto aveva combattuto e perso la vita).

Torniamo all’hotel Alpinist.

Continua nel post successivo.

Repressione in Italia. 2. Come riuscire a farsi inseguire dai servizi segreti di mezzo mondo…

Inizio questo post con una precisazione: nell’ultimo anno mi è stato suggerito più volte di comprare un passaporto falso e sparire.

Mi sono chiesta perché? Ho due risposte: 1) Chi mi fa quella domanda registra la mia risposta, e anche un “potrebbe essere un idea” detto da me per capire dove vuole andare a parare chi mi consiglia questo, se il verme poi lo gira alle forze dell’ordine locale, mi fa passare automaticamente per criminale. 2) Vogliono effettivamente farmi sparire. Eliminano un testimone. Mi uccidono. Fanno sparire il mio cadavere. Nessuno mi cerca. E nessuno si preoccupa perché fanno sentire la registrazione e dicono “eh, si quella ha fatto un passaporto falso, ed è sparita”. Chissà in quale paese è andata?” NON HO NESSUNA INTENZIONE DI SPARIRE. Non ho nessuna intenzione di acquistare passaporti falsi, anche perché non saprei come fare. Non ci penso proprio.

Un’altra cosa: può sembrare bizzarro, ma questi ultimi vogliono indurmi a chiedere asilo politico. Perché? Semplice: così non posso rientrare in Italia e testimoniare. Sì, perché è vero che sono traumatizzata, e se mi massacrano di nuovo, come pare hanno intenzione, mi fanno impazzire, però devono aver capito che in quel caso sarò ancora più determinata a far giustizia. E magari cambio metodo e potete stare certi che l’avrò giustizia. Effettivamente essere una mammoletta con dei feroci predoni criminali non è una buona idea.

Parto il giorno dopo che mi hanno violentato così tanto da danneggiarmi un’anca. Non mi ricordo nulla, ma sto così male e oramai so, conosco il loro modus operandi perché si sono presi il disturbo di venire a dirmelo. Per umiliarmi secondo loro.

Peccato per loro, io la mia dignità non la tengo in mezzo alle gambe, ma è nelle mie scelte di vita, nei decenni di lotte, nel rifiutare di tradire, nel voler migliorare la condizione umana.

Più avanti spiegherò perchè è successo di nuovo e nonostante le mille attenzioni non ho potuto difendermi dalle violenze.

Quando ero in Italia tre persone differenti, perfettamente al corrente, mi dissero che il mio stupro era uno stupro di guerra. Sono dei veri psicopatici. E che “…con lei hanno fatto un vero e proprio lavoro da manuale…”. Uno di questi manuali era su internet fino al 2014. Ci sono manuali in cui spiegano i metodi per annientare gli oppositori politici. Li uccidono, lasciandoli vivi. Uccidono le persone mentalmente, con violenze e torture. Le destrutturano.

Una persona, mi chiese: “…Ti ricordi ancora com’eri?”, sottointeso, prima di tutte quelle violenze.

No, ho scritto una parola sbagliata, quella non è una persona, di umano non ha più nulla.

Stordita, traumatizzata, sembro uno zombie, metto 4 vestiti in valigia e un libro “La realtà non è come ci appare” di Carlo Rovelli, e parto, non pianifico nulla, voglio solo andare via e basta. Vado al mare, dopo una settimana decido di andarmene dall’Italia. Mi dirigo all’aeroporto di Milano, faccio un biglietto aereo per Parigi. Comincia il mio viaggio.

Ero tornata solo dieci giorni prima da un viaggio in Turchia. E questo è stato ” il primo errore”. Per tutto il tempo sono stata sotto controllo, in hotel erano in tre, subito ho pensato sarà normale, con i problemi che ha la Turchia con il terrorismo, controlleranno gli alberghi, dove si fermano gli stranieri, poi da una serie di cose capirò che il loro obiettivo ero io. Comunque non mi succede nulla, a parte un cane che cerca di mordermi alle porte del Mar Nero!

Vado a Parigi, dove resto oltre due mesi, vorrei fermarmi lì, ma la città è troppo cara, decido di continuare il viaggio. Vado in Belgio, ad Antwerpen, dove avevo vissuto anni prima. Il mio viaggio inizia in luoghi che avevo vissuto o già visitato in passato. Luoghi dove c’erano stati momenti belli nella mia vita, non so cosa sto cercando, voglio solo andare e basta.

“2° errore”: Non mi rendo conto che il mio viaggio passa attraverso paesi dove di recente ci sono stati attentati terroristici, Turchia, Francia, Belgio, Germania o paesi come l’Estonia e la Lettonia al confine dell’Europa, dove stanno dispiegando le armate NATO a mostrare i muscoli alla Russia e viceversa. Attraverso il Kazakistan dove c’è una forte repressione dei lavoratori. Ed io ho incollato alla schiena la patente di sovversiva.

La repressione nei confronti dei comunisti è internazionale. Quando ho chiesto il passaporto prima di partire me l’hanno fatto aspettare un po’, quando telefono per sollecitare mi rispondono “…dobbiamo fare un lavoro…”.

Ho poi capito qual era il “lavoro”, in ogni paese in cui sono entrata sono sempre stata tenuta sotto controllo dai servizi segreti locali, però dato che non sono tutti stupidi e in giro c’è gente onesta in tutti gli ambienti, in qualche paese dopo avermi controllato a lungo, mi hanno fatto sapere “Ci avevano detto che eri qui per reclutare gente per il tuo partito!” e altre cose simili. Evidentemente avevano concluso che era una stupidaggine. Com’è in realtà.  Sono sola, isolata, indifesa, talmente traumatizzata da stare appena in piedi e senza aver mai fatto nulla d’illegale, ma come si premurò di dirmi uno dei bastardi a cui devo la situazione attuale “…non conta che non fate niente d’ illegale, se vi sentono come un pericolo vi massacrano…” E così hanno fatto.

Grazie a questo biglietto da visita ho avuto un sacco di problemi.  Non so cosa hanno scritto nel mio “curriculum” ma deve essere pesante, il controllo è pesante, manco fossi una “primula rossa”.

“3° errore”: Vado in Russia. San Pietroburgo, poi Mosca. A Mosca una mattina vado per prelevare del contante, il mio conto è bloccato. Mi vengono i sudori freddi, ho solo 500 euro in tasca, cosa faccio? sono in un paese straniero, non parlo la lingua, non conosco nessuno. Mi dico calma, è venerdì, c’è il week end di mezzo. Riprovo lunedì. Niente, non posso prelevare.

Il lunedì mi telefona “casualmente” un vecchio “amore” o vecchio “amico” che un paio di anni prima dopo che mi avevano massacrato e dopo che ero andata in Procura per denunciare cosa mi era successo, ricompare dopo  25 anni, “casualmente”.

Per oltre un anno mi aveva fatto raccontare cosa mi era successo, cosa sapevo, chi erano i colpevoli, concluso che quello che sapevo non era dannoso per loro era ritornato nell’ombra. In quell’anno lì avevo capito che il mio vecchio amore era dei servizi segreti italiani e che qualche decennio prima me l’avevano messo nel letto per capire se ero legato al terrorismo, appurato che non centravo nulla con quegli squinternati, era sparito.

“4° errore”: Per telefono mi chiede come va, glielo spiego e concludo ” …trovarsi, da sola, migliaia di km da casa, senza soldi, disperata, fa veramente incazzare, sto pensando se è il caso di chiedere asilo politico ai russi”. Poche ore dopo il conto è di nuovo attivo. Ricevo un messaggio: “Sei sempre più imprevedibile. Cominci ad essere pericolosa”. (Una cosa simile).

Io intanto cambio il mio programma, volevo arrivare in Cina con la Transiberiana, ma con tutti questi problemi, non faccio più in tempo a prendere il visto cinese, ho il visto russo in scadenza. Decido di seguire il Volga. Entrare in Kazakistan, e poiché l’Uzbekistan non è lontano, voglio prendere il visto e andare a Samarcanda.

E da qui in poi comincia la seconda carrellata di guai.

Sono traumatizzata e manco della lucidità sufficiente a comprendere la situazione in cui sono.

Ci arriverò mesi dopo: Ho detto a uno dell’Intelligence italiano, che sto pensando se il caso di chiedere asilo politico ai Russi, in un momento in cui sono in corso sanzioni, scontri diplomatici, movimenti di truppe ai confini, anche se solo dimostrative.

Effettivamente è stata un’idiozia. Io ho l’attenuante di essere in stato confusionale, seguo distrattamente la politica internazionale, sto male e basta, ma il bastardo, ex amore non ne ha nessuna. Quell’uomo mi conosce da quando avevo 19 anni. Due anni prima aveva passato un anno a sentire cosa mi avevano fatto, la mia disperazione, il mio dolore e se fosse stato un uomo come si deve, ci avrebbe pensato due volte, invece, huao, aveva qualcosa da vendere, per riprendere punti.

E sì perché uno degli informatori o dei servizi che ogni tanto m’incollavano alle calcagna in Italia facendo “l’amico”, vanno tutti alla stessa scuola, agiscono tutti allo stesso modo, capito uno, capito tutti, mi disse senza fare nomi: “Il tuo “amico” aveva dovuto andarsene dall’Italia.” Ripensando alle cose che mi raccontava della sua vita mentre cercava di far parlare me, capii perché se n’era dovuto andare. (Ovviamente non mi ha mai detto di essere dell’Intelligence,  sapevo che fin da giovane  lavorava per il Ministero degli Esteri e lavorava come “tecnico” in giro per il mondo).

Probabilmente aveva un po’ di onestà: un diplomatico parente stretto di un politico aveva commesso dei crimini, lui incaricato d’indagare aveva fatto una relazione che era stata di corsa insabbiata e lui era stato costretto ad andarsene a lavorare in qualche paese di secondaria importanza per la diplomazia italiana, l’avevano trombato per troppa onestà. Con me, evidentemente, coglie l’occasione per dimostrare di essere come tutti gli altri. Un servo.

Da problema dello Stato italiano divento il problema degli Europei e di tutti gli occidentali antirussi, Americani compresi.

Mi ritrovo coinvolta in una guerra che non mi riguarda, non m’interessa e non me ne frega niente. La guerra feroce, diplomatica e non, tra le Potenze imperialiste.

“5° errore”: Attraverso il Kazakistan paese con una dittatura presidenziale. Non molto tempo prima c’era stata una forte repressione di lotte con richieste salariali. Grandi imprese italiane come ENI, AGIP e altre minori sono tra i principali partner privati del Kazakistan.  Il Kazakistan ha uno dei più alti PIL pro-capite nel mondo e i lavoratori kazaki hanno stipendi da fame. Oltretutto lavorano nei grandi impianti dell’estrazione e trasformazione del petrolio e del gas, possono mettere a confronto i loro salari con gli alti salari dei loro colleghi occidentali. Ed io sono una comunista italiana ex membro di un partito di lavoratori.

Arrivo in Kirghizistan. Prendo qui il visto per l’Uzbekistan.

Sono sempre più sfinita, vorrei fermarmi da qualche parte per provare se riesco a riprendermi. Giro per la città come uno zombie. Con il mio “curriculum”, immagino ora cosa si chiedevano: gira per la città, starà cercando contatti, informazioni o chissà che altro…

“6° errore”: La prima volta resto in Kirghizistan 15 giorni. Sono ospite di uno “strano” ostello cittadino, una sera chiedo a un ingegnere americano (Chissà chi era? La domanda è ironica.) se può provare ad aprirmi un file che non riesco ad aprire, qualcuno me l’ha inviato, un file video utile in un eventuale processo. Poi cambio idea non glielo faccio aprire.

I miserabili coglioni (scusate il grecismo, ma quando ci vuole, ci vuole) mi avevano inviato 3 volte, negli ultimi 4 anni, dei file, per spaventarmi e per ricattarmi. I miserabili mi violentano, filmano gli stupri e i poveri deficienti pensano come probabilmente hanno fatto con altre compagne o compagni (hanno violentato anche dei ragazzi) di minacciarmi di far vedere in giro cosa hanno filmato e pensano, loro, di sputtanarmi. Ho sempre ringraziato i deficienti, perché mi avevano fornito delle prove. Mi sono entrati in casa più volte, mi hanno distrutto il telefonino due volte. Mi hanno cancellato e danneggiato due computer. Tutto per riprendersi o cancellare i file.

Due mesi dopo, a gennaio 2017, quando torno qui in Kirghizistan, mi faranno sparire il file dal telefonino con una serie di Sim del telefono e quattro chiavette USB.

Due sere dopo aver parlato del file con l’ingegnere americano, sono in partenza per l’Uzbekistan. Vado alla stazione degli autobus in anticipo, cosa insolita per me, sono sempre in ritardo, ho perso mille autobus, treni e anche qualche aereo, ma lì arrivo in anticipo e posso capire la situazione.

Un vero e proprio commando tenta di sequestrarmi, solo per pura fortuna evito il sequestro. Uno sembra un russo o un tedesco, altri sembrano kazaki, c’è anche una donna asiatica, forse kirghisa.

Quando sei impegnata a salvarti la vita non hai paura, ti cade addosso quando sei fuori pericolo. Per qualche giorno resto in ostello. Ho paura, non so cosa fare. Alla fine prenderò un aereo per Osh, al confine con l’Uzbekistan.

Il 7° errore è la scelta di fermarmi per l’inverno a Bishkek, in Kirghizistan. Piccolo paese di 6,2 milioni di abitanti, un’economia arretrata, ma importante per i rapporti geopolitici mondiali. E’ al centro di quello che è stato definito “Il Nuovo Grande Gioco”. Qui siamo al confine con la Cina, e il Kazakistan, a due passi dall’Afghanistan e dal Pakistan, i Russi hanno una base militare a due passi dalla città, fino a quattro anni fa c’era una base americana d’appoggio per la guerra in Afghanistan; l’aeroporto cittadino era utilizzato da quasi tutti gli occidentali di stanza in Afghanistan. I Turchi hanno qui tradizioni e storia comune, buoni rapporti economici, finanziano università e hanno costruito una moschea immensa.

In città ci sono mille enti per la cooperazione, Europei, Americani, Giapponesi, Svizzeri, Russi, Cinesi, Tedeschi, Francesi, Canadesi, c’è l’università americana, quella turca, biblioteche e centri studi francesi e tedeschi, associazioni varie, uffici per la cooperazione e sicurezza internazionale; i Cinesi stanno ricostruendo la rete stradale; i Cinesi, Tedeschi, Russi e Svizzeri sono partner in miniere o industrie di trasformazione, o sono importanti partner commerciali. Cascate di milioni di dollari, per sviluppare l’agricoltura, la sicurezza, per “i diritti umani”, per “la democrazia”, insomma qui girano soldi a palate. E come continuano a ripetermi tutti, molti kirghisi con rassegnazione, il problema grave non è il terrorismo ma la Corruzione.

Una cosa è certa se vuoi mettere tutti d’accordo, i rappresentanti del capitale, nascosti nelle ambasciate, negli enti per la cooperazione internazionale, negli uffici della comunità europea, negli uffici per i rifugiati politici,  italiani, francesi, tedeschi, svizzeri,  russi, kazaki, turchi, kirghisi è sufficiente giri la voce che sei:  comunista ! E tutte le porte si chiudono come per magia. Ti fanno terra bruciata intorno. Per un espatriato sono estremamente importanti i contatti con gli altri espatriati, per non essere solo, avere informazioni per inserirti in un nuovo paese, ecco io sono stata isolata.

Fino a sei mesi fa ho vissuto in hotel, se affittavo un alloggio avrei risparmiato 4/5 di quello che ho speso, ma avevo paura per la mia incolumità e quella di chi avrebbe diviso con me l’alloggio. Conosco i metodi che usano e volevo evitare che rovinassero la vita a qualcuno che non centrava niente. Pensavo se sto in hotel, c’è un sacco di gente, sono visibile è più difficile farmi sparire. E in parte è vero, ma non avevo considerato la corruzione che c’è in questo paese.

Continua nel prossimo post.

Incontro con un maniaco… No, con un ruffiano o una spia di…

Oggi ero in un caffe come capita spesso, a scrivere sul computer il libro su cui sto lavorando. Mi si avvicina un uomo che avevo già visto qui e al caffe Sierra vicino all’ambasciata russa dove si ritrovano gli occidentali di Bishkek, è anche il caffè più controllato della città, perché lì si trovano turisti di passaggio, impiegati di vari uffici occidentali e spie.

Da quando sono arrivata in questa città, ho imparato un sacco su come agiscono le spie in questo paese al centro di quello che è chiamato “Il Nuovo Grande Gioco”. Se in un paese vai quindici giorni in vacanza non ti accorgi cosa succede, se come me sei qui da due anni, vivi in hotel e ostelli a lungo, frequenti i ritrovi degli occidentali cominci a capire.

Si avvicina, mi dice di essere ucraino, russo-ucraino. Mi parla in russo, che capisco poco, mi dice che fa il giardiniere, bidello, guardiano, assistente agli anziani e se posso cercargli un lavoro su internet. Ha un aspetto dimesso, ordinato, pulito. Il viso sembra quello di una persona normale. Io, ovviamente dico va bene. Ho lavorato tutta la vita per un partito di lavoratori, sono più che disponibile.

Cerco, su job.kg, gli trovo due lavori, per uno serve la registrazione e l’email, che lui non ha. Gli apro una casella di posta su gmail, gli scrivo sulla sua agendina l’indirizzo e la password. Mentre ero presa nella mia opera di “assistente sociale”, porco schifo, avevo notato uno strano movimento, ma ero troppo presa, non ho prestato attenzione. Per mia fortuna, gmail ha un problema. Penso che forse non prenda i dati in caratteri cirillici, allora vado a chiedere al personale del caffè, se mi danno un indirizzo di un altro motore di ricerca kirghiso o russo. Mi danno mail.ru, torno a sedermi al tavolo… e quell’uomo si tocca i genitali …  finalmente capisco.

Il miserabile bastardo si toccava e lo faceva ben in evidenza, qui di fronte c’è una bella telecamera che registra tutto il giorno, come in tutti i caffè di Bishkek. Appena capisco, gli dico di andarsene e racconto a tutti nel locale cosa è successo. Mi dicono è un MANIACO.

Non credo sia casuale.

Me ne sono andata dall’Italia dopo essere stata massacrata per le mie idee politiche e ho tentato di denunciare cosa era successo a me e non solo a me e i metodi che usano contro gli oppositori politici in Italia.

Andandomene pensavo di potermi ricostruire una nuova vita, ma mi sono illusa parecchio. I miei problemi politici mi hanno seguito. Qui non c’è un’ambasciata italiana, ma i tedeschi e i francesi fanno i loro interessi. Non so se è peggio essere perseguitati da fascisti dell’apparato repressivo italiano, da sbirri neonazisti tedeschi, da fascisti francesi o nazisti kirghisi o russi nipoti di ex aristocratici inviati qui da Stalin. La persecuzione che ho subito in italia è continuata qui, si è intrecciata e complicata dalla corruzione diffusa tra i kirghisi,  lo racconterò in un altro post.

Che cosa fai se vuoi screditare qualcuno che in Italia ha tentato di denunciare di essere stata violentata per ragioni politiche? Cerchi di farla passare per puttana, per matta e poi se non ti riesce per prostituta.

Il maniaco, ruffiano bastardo, è quello che voleva fare, davanti alle telecamere del caffè cosa fa, si tocca più volte, mentre gli cerco un lavoro su internet. Secondo voi chiunque avrebbe detto ok, ti aiuto, ti cerco il lavoro, ti apro un indirizzo di posta elettronica perdendo del tempo con un perfetto sconosciuto senza lavoro?

No, solo un pirla comunista come me!

E poi tira fuori in bella evidenza la sua agendina su cui io ho scritto il suo nuovo indirizzo e mail, come se gli avessi scritto chissà che. Insomma cercava di farmi passare per puttana.

Cosa fa un occidentale tutti i giorni seduta in un caffè al computer?

Un occidentale come me, SCRIVE. 

SCRIVO SCRIVO QUELLO CHE MI E SUCCESSO E MI SUCCEDE QUI OGNI GIORNO PERCHE’ SE MI CAPITA DI PEGGIO VOGLIO CHE SI SAPPIA LA CAUSA!

SONO COMUNISTA E FIERA DI ESSERLO. E VENGO DA 15 ANNI DI FEROCE PERSECUZIONE.

VENGO DALL’EUROPA “PACIFICA” “BENIGNA” “PATRIA DEI DIRITTI UMANI” dove lasciano morire nel Mediterraneo migliaia di persone che fuggono dalla guerra e dalla miseria e dove massacrano gli oppositori politici.

Ecco chi sono!

 

Tra mistero, paganesimo, pendoli e cacciatori di tombe. La chiesa di S. Caterina di Karja. Isola di Saaremaa.

La Chiesa di Santa Caterina di Karja è uno dei posti più strani che mi è capitato di vedere…

Dopo aver visitato i Mulini a vento di Angla, avevo qualche ora di tempo prima di prendere l’ autobus per tornare indietro a Saaremaa. Ero indecisa se andare fino a Leisi quasi a picco sul mare, 6 km a piedi e prendere lì l’autobus, ma mi ero dimenticata l’orario di ritorno. Rischiavo di restare a piedi, e 35 km per tornare a piedi fino a Saaremaa erano un pò tanti! Troppi.

I mulini di Anglia.

Chiedo informazioni nel piccolo Museo di storia locale,  c’è qualcosa d’altro di bello da vedere qui in zona? Una donna mi dice a 2,5 km c’è la Chiesa di Karja.

La Chiesa di Karja.

Ero proprio indecisa. Arrivo in fondo al prato dei Mulini dove c’è l’incrocio per Karja, mi piazzo in mezzo all’incrocio…dove vado? La chiesa di Karja è stata costruita tra la fine del 1200 e l’inizio del 1300, ma chiese del genere ne ho viste in quantità nella mia vita.

Decido per Karja.

E’ una bella giornata di sole.  La strada attraversa grandi prati e campi con file di pali della luce, e boschetti; mentre con il naso per aria seguo il volo di una farfalla un grosso serpente mi passa tra i piedi, per lo spavento faccio un salto olimpionico…quando torno indietro per capire se è velenoso o no è ormai scomparso nell’erba alta.

La chiesa si vede da lontano bianca, alta, tra il verde degli alberi e nel sole. Però senza una ragione precisa più mi avvicino più mi sento inquieta. 

Karja è una località (küla) di 234 abitanti nella contea di Saaremaa, in Estonia. Fa parte del borgo di Leisi.

La chiesa di Karja, dedicata a Santa Caterina e un tempo anche a S.Nicola protettore dei naviganti, un misto di stile gotico e romanico, è una chiesa-fortezza, forse costruita alla fine del Duecento. Serviva da rifugio agli abitanti del villaggio vicino, durante invasioni, guerre e scorrerie. Sull’isola molte chiese avevano questa funzione e supportavano i baroni tedeschi, conquistatori di queste terre in epoca medioevale. Questo uso è evidenziato nella Cronaca di Henrik il Lituano, la più essenziale e completa storia delle conquiste Tedesche dei paesi Baltici nel Medioevo . 

Al mio arrivo, fuori dalla chiesa, su una panchina è seduto un uomo. Un uomo che ho già incontrato altre volte nei miei giri sull’isola. Un tipo strano. Altissimo, magro, i capelli arruffati. E ogni volta resta lì a fissarmi con insistenza.

I paesi baltici sono gli ultimi ad essere cristianizzati in Europa. Dalla 1a Crociata del Nord iniziata nel 1199 al 17°secolo, anche dopo la cristianizzazione  i popoli baltici continuarono a praticare i loro riti tradizionali, in una secolare coesistenza e sovrapposizione. Ci  furono 5 crociate, una 1206-1261 contro l’isola di Saaremaa.

Questo dà un’idea dello spirito di ribellione e della determinazione degli estoni e degli abitanti di Saaremaa in particolare a difendere la propria cultura e la propria terra! Isola quasi al centro del Mar Baltico, chiude il golfo di Riga, strategica per il controllo delle terre e della navigazione verso i Paesi Baltici, la Russia, la Finlandia e verso il Mare del Nord per millenni fu campo di battaglia e preda ambita dai vichinghi, danesi, germani, russi,  finlandesi. 

Entro nella chiesa, mi siedo su un banco a metà navata, dove c’è luce. Alte, strette bifore con vetri colorati illuminano l’interno.  Comincio a guardarmi intorno e sorpresa scopro che è un posto speciale. Normalmente le sculture, gli affreschi nelle chiese sono piene di simboli, ogni figura è legata alla teologia, alla storia della chiesa, molti sono criptici, comprensibili solo ai teologi, a specialisti di storia dell’arte.

Affresco-donna con le mani sul seno e tra le labbra un foro. Chissà cosa significa?

Ma qui ai classici simbolismi cristiani si aggiunge qualcosa di molto, molto più antico. Nei capitelli, sugli affreschi, sulle volte a crociera, sopra l’altare ci sono strane gargouille,  triscele colorate, pentagrammi o pentacoli, diavoli senza pantaloni (scoprirò  che la chiesa in cui sono finita casualmente è famosa per gli antichi affreschi apotropaici, ossia scaramantici, utili ad allontanare forze maligne) oltre ai semplici disegni decorativi medioevali sui muri in parte erosi dalla muffa e dall’umidità. Un vero peccato, rischiano di perdere una rara testimonianza di un passato remoto della storia umana di cui si è persa memoria e rimangono solo poche tracce.

Sono un miscuglio di simbolismo cristiano e simboli precristiani, indoeuropei, mediorientali. Una meraviglia!

Affresco.

Giro per la chiesa osservando curiosa e tanto per non cambiare quando trovo qualcosa di molto interessante ho giusto scaricato le batterie della macchina fotografica e del telefonino…una maledizione! Per cui ho 4 foto dell’interno e 2 dell’esterno.

Lo spilungone entra e si siede ad un banco sulla fila opposta alla mia. Mi guarda. Esce. Intanto la guardiana della chiesa, una dimessa donna di mezza età spunta  in piena luce dietro le sbarre di una porta, infondo al buio di una stanza laterale.  Sento che mi osserva, la guardo, più continua a fissarmi, più diventa agitata. Non penso, dico Boh?

Capitello.

Entrano una coppia con una bambina piccola. Io mi risiedo e quello che sento lì mi innervosisce. Penso: Boh?

Però incuriosita voglio conoscere la storia della chiesa. All’ingresso c’è un banchetto con dei libri , a parte una brossura scritta in inglese con quattro insignificanti informazioni storiche, i pochi altri sono in estone. Compro quello più corposo, dai disegni mi dice che è uno studio sui simboli. Intanto la guardiana mi gira intorno sempre più agitata. Mi chiede se sono da sola. Ad un certo punto esce dal portale dell’ingresso e chiama qualcuno, vedo nei prati dall’altra parte della strada un cane bianco correre avanti e indietro come un siluro. La guardiana mi dice che sta chiamando suo figlio.

Lo spilungone si è riseduto sulla panchina. La donna lo guarda nervosa e poi gli intima più volte di andarsene. Lui non fa una piega e poi gli dice qualcosa in finnico. Io li guardo con la faccia di una che non capisce la situazione. Lei alla fine mi dice è un bad man. Non gli do più retta, torno dentro a guardare i libri.

Entra anche lei e mi dice a gesti che deve chiudere, ok, ma fammi vedere ancora questo libro.  Comincia a chiudere un’anta del doppio portale…e in un secondo capisco che vuole chiudermi dentro. Spingo l’altro battente e M’infilo tra le due porte, lei cerca d’impedirmi d’uscire. Mi sparo fuori dalla chiesa come un bulldozer e nella stupenda luce del pomeriggio respiro. Intanto mi chiedo che cavolo di situazione è questa? La donna si allontana e continua a chiamare qualcuno.

Giro attorno alla chiesa su un lato ritrovo la coppia che discute sul significato delle antiche pietre tombali. Mentre osservo arrivo in un punto dove sento qualcosa d’inquietante, mi sposto di qualche metro…affievolisce…ritorno e riprovo per un pò di volte…sempre la stessa forte, intensissima sensazione. (Ipotesi: nel terreno,  rocce, minerali impregnate di magnetismo terrestre particolarmente intenso…Non sono un fisico).

Continuo a camminare, a un certo punto alzo gli occhi ad un’altezza di 25 metri c’è una finestra con due grosse sbarre di ferro piegate, sembra che un gigante abbia preso tra le mani le sbarre e con tutte le forze abbia cercato di piegarle per uscire…o entrare…! Rimango lì a bocca aperta.

Ho finito il giro. La coppia se ne andata. Per tornare sulla strada principale devo passare davanti allo spilungone. E’ in evidente attesa …di me…

Decido che la miglior difesa è l’attacco…non aspetto che mi parli… chiedo “Chi sta chiamando la guardiana?”…lui  ” Suo figlio.” invece spunta il cane bianco, si allontanano insieme verso delle baracche nel boschetto dietro la chiesa. L’uomo dice: “Suo figlio!” Io pensò, orca… un’altro matto!

Lo saluto cordialmente e cerco di allontanarmi…lui si alza e mi segue.

O merda… sono sola in mezzo alla campagna, non passa una macchina manco a pagarla, una squinternata con un cane-figlio ha appena cercato di chiudermi dentro un’antica chiesa piena di simboli esoterici, uno strano spilungone ha deciso che sono la cosa più interessante che ha visto da un sacco di tempo, non posso neanche scappare perchè ha le gambe lunghe il doppio delle mie….

….decido di…fare conversazione!

Quando voglio so essere amabile…soprattutto se voglio tenere le distanze!

Mi racconta che è ………(Europa occidentale),  arrivato un’estate sull’isola, vent’anni fa, e non se ne più andato. Arriviamo ad un’incrocio mi dice “Poco più avanti c’è un cimitero…se vuoi te lo faccio vedere…ho passato lì la notte!”

O cazzo, penso io…Dato che ho letto anni fa che  i matti non vanno contraddetti..con un bel sorriso gli faccio “ah però…interessante! Che ci facevi nel cimitero?”

Lui: Scavavo tombe!

Ehh!? Gli guardo le mani…effettivamente ha le mani sporche di terra…

Si, in quel cimitero ci sono almeno 4 strati di tombe antiche, l’uno sull’altro, sono sepolti gli antichi baroni tedeschi che occuparono l’isola nel medioevo.

Io, riprendo colore e la mia voce torna normale,  comincio a capire…

Rifiuto l’invito,  nonostante sono molto curiosa…non mi sembra proprio il caso! Mi propongo di tornarci da sola un’altro giorno. A curiosare…

Intanto mi racconta la storia delle conquiste medioevali tedesche dell’isola.

Sono stata per anni una libraia antiquaria, un bellissimo lavoro, affascinante, interessantissimo, impari continuamente qualcosa di nuovo, ma un lavoro altamente a rischio per i soldi che girano e per i matti. Si, i collezionisti sono dei veri matti squinternati, c’è chi si fa di cocaina e chi si fa di libri o magari tutti e due ed è disponibile a fare follie per una cosa che gli interessa, infatti ho sempre evitato con cura di acquistare e vendere certi libri come ad esempio i libri di magia ed esoterismo, avevo inquadrati i   personaggi…comunque non mi ha evitato problemi con questi pazzi da legare.

Lo spilungone mi dice che il giorno prima lui e un suo amico isolano che sa usare un pendolo sono andati a caccia di antichi reperti nei dintorni. Non hanno trovato nulla. (Non chiedetemi come sia possibile che con un pendolo da rabdomante si possono trovare antichi oggetti di metallo,non ne ho la più pallida idea…).

Anche in Italia ci sono persone che cercano oggetti antichi sui luoghi di antiche battaglie, anni fa un mio cliente mi regalò, dei bottoni di epoca napoleonica e delle palle da fucile che aveva raccolto su uno dei tanti campi di battaglia napoleoniche italiane. Vanno in giro per campi e prati con rilevatori di metalli a caccia di monete e oggetti vari.  Non ho idea se tutto questo è legale.

Poi ci sono quelli più ricchi e organizzati che fanno rilevazioni aeree e trovano oggetti preziosi. Poi ci sono i classici tombaroli, toscani, romani, calabresi, siculi…mi hanno raccontato che al Sud negli anni ’60 molta gente si è arricchita scavando tombe e vendendo anfore, oggetti vari agli americani, ai tedeschi e agli svizzeri. Questo sicuramente è illegale!

Lo spilungone mi dice che quando sono passati davanti alla chiesa il pendolo del suo amico aveva cominciato a vorticare paurosamente… “c’è una strana energia lì… sono venuto qui altre volte…”

Sono di Torino. A Torino ci sono un sacco di squinternati che fanno messe nere,  ci sono strane associazioni, e un sacco di favole sul triangolo magico Torino-Lione-Praga e il Santo Graal che pare sia nascosto chi dice alla Gran Madre chi in qualche cantina del centro storico, lì viveva Roll famoso sensitivo, e massoni che fanno orge e riti satanici per ingraziarsi qualche “spirito” e fare migliori affari e molte altre assurdità del genere.

Ogni tanto finiscono sui giornali per qualche fattaccio. Mi raccontava un vecchio collega che dopo uno di questi “incidenti” si sono immersi e sono molto cauti, viaggiano sotto traccia, è vero che sono coperti dal loro denaro, ma non devono esagerare se non vogliono finire nei guai (leggi galera) come tutti gli altri comuni mortali….

Quando leggevo qualche notizia nella cronaca cittadina ho sempre pensato : sono dei frustrati, dei veri poveracci mentalmente parlando, che o nella vita hanno combinato poco o non capisco niente del mondo in cui vivono o sono molto superstiziosi e compiono ridicoli riti per migliorare la loro misera vita. Ora penso siano anche pericolosi e fuori di testa.

Lo spilungone mi segue come un cagnolino, deciso a farsi adottare.  C’è gente che ha le pulci, io invece raccolgo cani smarriti a due zampe, di solito, con il tempo, si rivelano brutti cani rognosi, e nonostante l’esperienza di vita, in fondo mi fa un pò di tenerezza. Alla fine lo semino promettendogli che forse il giorno dopo ci rivedremo alla stazione per vedere le grandi scogliere del nord dell’isola e se invece parto per Tallin, tornerò sull’isola e verrò a cercarlo.

Lui mi invita a passare l’inverno a casa sua…è randagio ma ha una casa… Anzi al suo paese possiede un intero villaggio…il suo interesse per i baroni aveva un senso…la storia della sua famiglia.

Forse aveva solo bisogno di una coperta per l’inverno!

Meglio la Russia!! Vado a Tallin a fare il visto per la Russia.

P.s. In un prossimo post racconterò cosa penso dei Sensitivi. Della superstizione, del ciarpame costruito intorno per fare bussiness.

Dell’ignoranza e a volte credulità delle persone, il voler credere in spiriti, dei, angeli, come diceva Marx é “… il sospiro della creatura sopraffatta…” e che rinunciare a questa consolazione illusoria “esige che si deve rinunciare a una situazione che ha bisogno d’illusioni…” qui si riferisce alla religione “oppio dei popoli” e alla necessità di cambiare una società che per miliardi d’individui è sfruttamento, miseria, guerra, 12 ore di lavoro 7 giorni su 7, oppure disoccupazione, bassi salari e pressione continua per mantenere gli Standard di vita in Occidente. Le persone sopraffatte  e disperate si creano illusioni per sopportare il presente.

E si creano illusioni di fronte a fenomeni naturali che non hanno nulla di misterioso, di divino, di spirituale…come qualcuno mi ha detto qualche tempo fa …è Vita…semplicemente vita. Pura Materia e Pura Fisica.  Dna e centinaia di migliaia di anni di storia dell’Homo Sapiens.

P.s. E’ evidente da una serie di cose successe sull’isola  che lì c’è ancora gente che pratica antichi riti…(vedi: Wikipedia/neopaganesimo baltico ed europeo).

P.s. L’immagine in evidenza non è una mia fotografia. L’ho presa dal sito di Wikipedia.

Berlino (2)

A luglio vagavo per Berlino. Giravo per la città e non riuscivo ad afferrarla, a comprenderla.

Quando ero stata lì la prima volta era tutto chiaro, evidente: erano saltati i Patti di Yalta che avevano sancito la nuova spartizione del mondo dopo la 2a Guerra Mondiale, e soprattutto avevano diviso la Germania in due per ridurne la forza. L’impero Russo era crollato su se stesso. Dalle sue macerie si stava formando una nuova geografia politica.  Il Muro di Berlino era caduto e la Germania si era riunificata. E a Berlino era un ribollire…di tutto. Era un cantiere, era musica, era il mondo che cambiava…era splendida!

img_3087  img_3092

Ovviamente dopo tanti anni era cambiata. La zona centrale intorno a Friedrich Strasse tirata a nuovo con i suoi grandi palazzi, i grandi e costosi negozi, piena di vita di giorno, ma desolata la sera. Come in molte altre città nel centro ci sono uffici, negozi ma la gente vive altrove.  Poi i quartieri come Kreuzberg, un pò decadente ma pieno di vita, di musica che mi ricorda un pò Barriera di Milano o San Salvario a Torino.

Per capire ho fatto chilometri a piedi, dal Memoriale degli ebrei, a Postdamer Platz ,  dalla Porta di Brandeburgo lungo il viale Unter den Linden fino ad Alexander Platz camminando per le vie che la circondano, Rosa Luxemburg Platz, Il quartiere medioevale ricostruito intorno alla Chiesa di San Nicola,i quartieri oltre la Sprea, intorno al giardino zoologico, Keuzburg,  il Museo della storia tedesca del ‘900; sono andata in autobus all’Orto Botanico uno dei più grandi nel mondo…

Cercavo di vedere la Berlino Ovest, praticamente un’isola, all’interno di Berlino, all’interno della Germania Est con un corridoio aereo per i rifornimenti, divenuta un simbolo, caposaldo dell’Occidente dietro la Cortina di Ferro. Caposaldo della democrazia contro il “socialismo reale” che non esisteva. Tutta demagogia e propaganda, ma è servita per oltre 40 anni per mistificare la Storia!!

img_3093

 img_3077

La Germania è il paese più ricco in Europa, però a Berlino la situazione è ben diversa. Osservi, lo vedi e lo senti. Mi trasmetteva tristezza e un senso d’inquietudine… Nel resto della Germania i lavoratori hanno i migliori salari europei, qui no. Qui è Est Europa. I salari sono bassi. La vita costa meno, anche l’ostello,  il City Hostel al centro di Berlino, è un ottimo ostello ed è uno dei meno costosi dell’Europa Occidentale!

img_3067

Un giorno sono partita dal Check Point Charlie seguendo il percorso del Muro, tra le case nuove e vecchie, attraversando giardini e ponti. Dove non c’è più il Muro. Sono arrivata fino alla Stazione di quella che era Berlino Est, ho attraversato la strada e proseguito lungo il pezzo di muro continuo conservato per la memoria storica, sarà lungo un chilometro e mezzo.

Da un lato è una galleria a cielo aperto, è coperto da opere di artisti di tutto il mondo, dall’altro, verso il fiume Sprea,  a luglio c’era una mostra fotografica temporanea sulle vittime della guerra in Siria.  Gigantografie.  Con una breve, sintetica, descrizione del momento in cui sono stati bombardati e i successivi soccorsi insufficienti tipici di una zona da anni in guerra, le operazioni chirurgiche ripetute, i mesi d’ospedale, il denaro che alcune Ong  elargiscono, del quale non ho capito il criterio.

Uomini, donne, bambini, menomati dai bombardamenti. Le foto non hanno nulla di sgradevole, non c’è compiacimento, ma sono sconvolgenti.  Sono la documentazione senza nessuna forzatura delle persone colpite dalle bombe. Non sangue, niente fasciature. Persone in piedi o sedute mutilate nei loro vestiti sobri o colorati. Ma gli occhi sono terribili.

Una ragazza, sui quindici anni,  il viso devastato, una gamba amputata sopra il ginocchio ha negli occhi il senso d’impotenza e la rabbia. Unica sopravvissuta con la zia di una famiglia di 11 persone. Per un momento mi sono messa nei suoi panni:  a quale giovane verrà mai in mente di corteggiarla, di chiederla in sposa…?

Un bambino di forse 6 anni, senza gambe, invece ha gli occhi sorridenti, lo sguardo  fa pensare che lui ce la farà, accanto due fratelli poco più grandi con lo sguardo spento.

Una donna anziana, un pò cicciona, alla quale una bomba a strappato le carni da un braccio, ha un piede malamente riattaccato (avranno pensato, nella fretta, tanto è vecchia), sembra che un grosso animale a morsi le abbia dilaniato le carni. Lo sguardo di questa donna che deve aver molto vissuto, esprime forza, neanche questa volta la vita è riuscita ad abbatterla.

Una giovane donna, bella, senza una gamba e senza un occhio, a fianco il marito che dalla postura, dallo sguardo, si capisce sarà sempre al suo fianco, ma il volto di lei è sconvolgente, ha un viso bello, la testa altera, dallo sguardo si capisce che forse non si riprenderà mai più.

E così decine di foto e di storie, intervallate da grandi vedute della loro città bombardata. Com’era la via o la strada prima e dopo i bombardamenti. Sembra impossibile che case belle, importanti di vari piani possano essere ridotti a tronconi, brandelli, mucchi enormi di macerie e nient’altro.

Quando me ne sono andata ero piena di tristezza e rabbia. Tristezza per quelle persone mutilate che di certo non hanno scelto la guerra. Rabbia contro tutti i fautori delle guerre. Rabbia per la disinformazione diffusa in Italia. E’ vergognoso il conformismo, il servilismo di certa stampa.  Da noi, mostre simili non esistono. L’altro giorno girando su facebook sono finita nella pagina di un giornalista torinese: Sosteneva, riferendosi al bimbo siriano con la maglia rossa, morto nel naufragio del suo gommone mentre attraversava il mediterraneo, non bisognasse mostrare delle foto così inquietanti. Per fortuna qualche volta qualcosa sfugge alla censura.

Eh si, bisogna mantenere la gente all’oscuro, così è più facilmente manovrabile. Gli illuministi sostenevano giustamente che il sonno della ragione genera mostri. 

Penso a tutte quelle brave persone, con i pingui conti in banca,  la pancia e il cervello coperti dal grasso dell’abbondanza, soprattutto sopra i ’50, tenute all’oscuro della realtà, sottoposti ad una propaganda massiccia che li rende timorosi per il futuro delle loro pensioni o dei loro posti di lavoro, di fronte ad un’economia che  erode i loro conti, se fossero correttamente informati inserirebbero il cervello e probabilmente sarebbero solidali invece di essere con la bava alla bocca nei confronti di quelli che identificano come nemici.

E’ dalla prima guerra del Golfo, 1991, che è cambiato il modo di fare informazione nei reportage o nelle informazioni sulle guerre. Da quando l’Italia per la prima volta dalla 2a guerra mondiale è stata coinvolta ufficialmente in una guerra. Niente immagini schioccanti, niente morti, niente feriti da quando teorizzavano “le operazioni chirurgiche” degli aerei inviati a bombardavano gli ex iugoslavi, cioè operazioni mirate che in teoria non dovevano fare morti. Invece causarono centinaia di morti e feriti.

Il caso vuole che 2 o 3 anni dopo mi trovassi in Germania in un corso intensivo di tedesco per stranieri. C’erano russi o Est europei di origini tedesca che venivano incentivati ad andare in Germania a lavorare, la vecchia madre patria aveva bisogno di manodopera ( sono troppo intelligenti questi tedeschi!); rifugiati politici curdi, turchi e siriani; pakistani, ragazze polacche e dell’ex Iugoslavia, tutti molto socievoli e disponibili fuorché una ragazza. Sentivo la sua muta ostilità, mi guardava in modo che più di una volta mi ero chiesta “questa che vuole”, avevo cercato di parlarle ma si allontanava sempre, o faceva quella che non capiva. Io non conoscevo ancora il tedesco, aspettai di avere un minimo di basi della lingua e poi con molta gentilezza l’affrontai e scoprì le ragioni della sua ostilità: quella ragazza di 22 anni era stata sotto le bombe a Sarayevo, quando gli aerei italiani facevano le “operazioni chirurgiche” e due suoi famigliari erano morti sotto le bombe.

Non sapevo cosa dire, tanto mi vergognavo di fronte al suo composto dolore. Cosa potevo dirgli? l’unica cosa che mi venne in mente fu di dirle che molti italiani ed europei erano contro la guerra, io con migliaia d’altri avevamo partecipato alle manifestazioni contro la guerra e per quello che poteva servire ero profondamente dispiaciuta.