Vi racconto Bishkek. Bazar (4). La frutta… fresca e secca. Orto Sai Bazar.

Un’altra delle belle sorprese di questa città, nel bollente inizio d’estate è la …FRUTTA. Nel tardo pomeriggio di solito passavo attraverso l’Orto-Sai Bazar, ma senza far troppo caso alla merce sulle bancarelle, finché un giorno la mia attenzione è stata attratta dal colore delle albicocche e inchiodo come un cane da caccia che ha fiutato la preda!

Era il colore giusto!

Sono anni che non mangio albicocche perché in Italia fanno veramente schifo, totalmente insipide. Sono raccolte acerbe chissà dove, messe nei frigo e spedite nei mercati e supermercati. Negli anni ogni tanto facevo un tentativo…totalmente inutile. Già il colore tradiva la loro insipienza.

DSCN0149

Timidamente ne acquisto quattro o cinque, memore delle fregature italiane. Mi allontano di un passo e le annuso…siiiii, hanno quell’odore dolce, ne mangio una… sono gustosissime, hanno il sapore delle albicocche…quelle della mia infanzia, quelle che raccoglievo da un albero di albicocche in un campo di mia nonna.

E da lì inizia la mia immersione serale nella frutta locale…Faccio l’assaggiatore di frutta kirghisa! Squisita.

Intanto ci sono almeno 5 tipi diversi di albicocche. Un tipo senza la pelle porosa e morbida bensì con la pelle liscia e il colore con sfumature rosate e gialle sa di albicocca e liquirizia.

Le ciliegie di varie qualità sono enormi, succose. I primi giorni le acquistavo a 100 sum ora le vendevano anche a 200, però sono le ciliegie più grandi e gustose che abbia mai visto.

DSCN0190.JPG
More.

 

Le fragole, profumate, non molto grandi, mentre passavo tra i banchi immersa nel profumo di fragole… mi facevano camminare dieci centimetri da terra, come Snoopy e ne ho fatte scorpacciate, per fortuna non sono allergica come mia sorella altrimenti non mi sarebbe venuta un’eruzione cutanea, ma un’eruzione vulcanica!

DSCN0134
Squisite, profumate fragole.

 

Una sera ho comprato mezzo kilo di “Ampoule” (franco-provenzale) i lamponi, erano talmente colorate, grosse, sode e gustose che me le sono mangiate quasi tutte per strada.

E dopo la frenesia dei primi minuti…come il solito….mi sveglio, “Shit”, anche questa volta ho mangiato la frutta senza lavarla! Praticamente non l’ho mai lavata.

DSCN0143
I primi grappoli d’uva.

 

Ogni frutto, le prugne, le pesche….ha il suo sapore originale. Finora, mai una volta, ho mangiato un frutto insipido. Un paradiso!

Poi è cominciata la stagione delle angurie e dei meloni e si vedono grandi cataste di angurie.  Da una ventina di giorni sono arrivate l’uva bianca e nera. Ora si sono aggiunte le pesche.

DSCN0180
Angurie e Meloni.

 

Per tutto l’inverno avevo mangiato mele e banane. Ci sono tante varietà di mele. Le mele originarie provengono da qui, dal Kirghizistan e dal Kazakistan.

Nei Bazar e nei supermercati ci sono immensi banchi di frutta secca. Grandi contenitori strabordanti di gherigli di noci, mandorle, albicocche – famose quelle uzbeche – fichi secchi, prugne, datteri, uvetta – almeno di tre tipi diversi- mele, arachidi , noci, mele a fette….., e molto altro.

In tutta l’Asia Centrale è molto diffusa, già in Russia la gente nelle lunghe ore di viaggio sui treni russi mangiava pane, frutta secca e pesce affumicato.

DSCN0026
Frutta secca.

 

Così ho preso l’abitudine di comprare la frutta secca. Buona, è molto nutriente, leggera e occupa poco spazio. Con piccole quantità vanno avanti giorni. Quando vado in montagna porto solo quella. Lo zaino è leggero e sei subito sazio. D’altronde i nostri nonni in tutto il mondo, quando viaggiavano o andavano al lavoro, spesso mangiavano pane e qualche frutto secco.

Tempo fa in un altro Hotel conversando con un esportatore europeo avevo scoperto alcune cose interessanti: il Kirghizistan è un grande esportatore di noci, mandorle frutti di bosco e funghi in tutta Europa e Russia.

Sulla tavola imbandita sempre a fine pranzo, è offerta frutta secca. E’ di buon augurio.

Molte volte nei lunghi viaggi in treno, in Russia, Kazakistan e in Uzbekistan la gente mi ha offerto pane e frutta secca.

 

DSCN0177
Frutti di bosco.

 

Le foto sono del mese di agosto 2017. Non ho foto di giugno e luglio perchè a fine maggio ho dimenticato la macchina fotografica su una panchina e naturalmente quando sono tornata ne ho trovate….due! Negli stessi giorni in un caffè vado in bagno, appoggio il cellulare, torno dopo 15 minuti… ovviamente non c’era più.  Avrò avuto anche dei buoni motivi per essere distratta,  ma lì ho deciso che dovevo “curare ” la mia sbadataggine e per due mesi non ho ricomprato nè il cellulare, nè la macchina fotografica…e mi sono persa un mucchio di foto favolose perchè a giugno e luglio la luce è stupenda, non ho mai visto dei tramonti così belli…ma quando ci vuole, ci vuole!