La bufala dell’archetipo della Grande Madre, libro di cucina e repressione.

Venere di Willendorf

Devo ammetterlo sono stata sempre affascinata dalle statuette paleolitiche delle Veneri o dee o donne tettone, panciute e con dei fianchi che neanche mia nonna aveva. Non da sempre, ma da quando cercavo di avere un figlio, mi intenerivano, erano l’antichissima rappresentazione della maternità, della riproduzione della specie.

Mi piacevano i megaliti maltesi con le sculture femminili ciccione, sospetto che Botero per le sue figure sia partito da lì! La Venere di Willendorf, la Venere di Lespugue, mi parevano bellissime. Passavo quasi ogni giorno in una viuzza del centro storico, mi fermavo sempre davanti alle vetrine di un negozio d’oggettistica che aveva in vetrina una piccola Venere, non so quale, era stupenda.

E quando lessi, molti anni fa, dell’archetipo della Grande Madre mi piaceva un sacco. Non avevo capito gran chè su quali ideologie si appoggiava il mito. Più o meno consapevolmente mi sembrava una rivincita delle donne e una conferma del Matriarcato. Di quella fase della storia umana in cui il ruolo della donna era centrale nelle società di cacciatori e raccoglitori. Con lo sviluppo della proprietà privata le donne non ebbero mai più un ruolo simile. Non fa testo la singola donna. La questione femminile irrisolta non è la soluzione individuale più o meno vincente di una singola donna, ma il ruolo delle donne in generale in una società.

Quando su internet ho letto che la storiella dell’Archetipo della Grande Madre era una bufala e che l’archeologa Marija Gimbutas nascondeva o faceva sparire le statuette maschili per evidenziare la scoperta delle Veneri o figure femminili paleolitiche o neolitiche per confermare le sue tesi, un po’ ci sono rimasta male… alla faccia della serietà scientifica!

Se è vero, gli mancava qualche rotella o era una donna disgustosa.

Credo di aver capito e rifiutato il ruolo che questa società impone alle donne a sei anni, quando mia nonna mi prese dalle mani un libro che mi avevano regalato, e di cui ero fierissima, per darlo a mio cugino, maschio, di tre anni più vecchio di me. Io strillai, protestai, lei mi disse: “Lui è un maschio”. Andai piangendo da mia madre, che per mia fortuna s’incazzo come una belva con mia nonna e mandò mio padre a recuperare il libro.

In quel momento capiì alcune cose fondamentali: I maschi erano dei privilegiati. Io valevo quanto loro se non di più.

Mi confrontavo con mio cugino di cui ero segretamente innamorata e concludevo che lui per quanto bello e simpatico di sicuro non valeva più di me e di sicuro non avrei permesso un’altra volta che mi portassero via un libro. Potevano portarmi via una bambola, ma mi strapparono dalle mani un libro… avevo una curiosità e una sete di conoscenza infinita e mia nonna fece il più grosso errore della sua vita nel cercare di tarparmi le ali. Mi confermò con forza e determinazione ad andare per la mia strada. E capii che ci sono donne che accettano la loro oppressione, per ignoranza, per cultura, per paura.

Intorno ai vent’anni avevo letto diversi libri sull’origine della famiglia, delle forme sociali, sul ruolo della donna, sull’oppressione femminile e ne avevo tratto una serie di conclusioni. La questione femminile non è solo un problema femminile, ma di classe. La condizione femminile è il risultato dello sviluppo storico e ed è legato strettamente alla forma sociale in cui viviamo, quindi o cambi la società o non risolvi la condizione di oppressione delle donne. Per cui mi ci sono dedicata tutta la vita. Sono diventata marxista-leninista partendo dalla condizione femminile, e dal dolore che sentivo nella gente intorno a me (ma questa è ancora un’altra storia). E se per un po’, pur consapevole di questo, mi ero detta: ”Va bè, la condizione femminile non è risolta, ma io la mia personale condizione di donna me la risolvo” E così feci. Vita interessante, attività politica, bel lavoro, viaggi, crescita personale senza grandi limiti.

Poi FULLSTOP.

Finisco nelle maglie dell’apparato repressivo del mio paese perchè membro di un partito di lavoratori e la prima cosa che fanno mi massacrano come donna. Violenze, torture fisiche e psicologiche, calunnie, terra bruciata intorno  perchè mi sono rifiutata di tradire i miei ideali.

Dopo decenni la conferma: ho passato la vita a fare quello che pensavo fosse giusto e che volevo, per qualche decennio non le donne in generale, ma alcune donne come me, molte donne, si sono tenute strette una serie di conquiste e libertà ottenute con le lotte degli anni ’60, poi cambiano i tempi storici e la prima cosa che fanno con la scusa che sei un oppositore del sistema, ti massacrano, cercano di annientarti come donna. Su di te si accaniscono particolarmente, come mi ha detto qualcuno “con te hanno proprio esagerato un po’….” perchè vuoi cambiare il mondo, ma soprattutto sei una donna ribelle, che non vuol dire sei una che fa casino, sei arrogante, No: SEI UNA CHE VA PER LA SUA STRADA e non te ne importa un fico di cosa dice un uomo, se non ti dimostra che le sue affermazioni sono intelligenti e motivate.

Sei doppiamente colpevole: donna e comunista.

Sto scrivendo un libro di cucina, o perlomeno era iniziato così, dopo avever scoperto che qui in Kirghizistan non c’è un libro di cucina italiana, veramente ci sono pochi libri in generale. Credo sia da imputare all’origine nomade di questa gente. Bishkek la capitale ha solo 125 anni di vita, ci sono biblioteche, ma quelle che ho visto sono scarsine. Non so cosa diventerà questo libro, cucina, memorie, diario di vita e di viaggio, però sicuramente è un buon sistema per riflettere.

Volevo scrivere le ricette tradizionali italiane, descrivere i piatti semplici della cucina di montagna della mia infanzia, i piatti che ho mangiato in giro per l’Italia  e in questo viaggio. Questa mattina volevo cucinare gli gnocchi alla sorrentina per farli conoscere alla mia coinquilina kirghisa e perché sto provando tutti i piatti che inserisco nel libro. Alcuni non li cucino da anni, altri non li ho mai cucinati e solo mangiati, ma ne ho memoria del gusto, dei profumi e dei colori.

Ho cominciato a preparare gli gnocchi, mi mancava il basilico fresco, quello secco non mi piace, al grande supermercato sotto casa, tra i più forniti della città, non avevano il Parmigiano, poi la cucina a gas a cominciato a crearmi problemi, alla fine ho messo il sedano e le erbe di Provenza, mozzarella e un formaggio russo non abbastanza stagionato, ho spento il forno e li ho rimessi in padella e alla faccia della ricetta originale sono venuti buoni!

Ho sempre pensato di avere un fondo di me tradizionalista, conservatore, la cosa fa ridere visto la vita che ho condotto. Questa parte per fortuna finisce in mare alla prima occasione, quando mi limita. Come la ricetta degli gnocchi. Ho sempre messo in discussione tutto. Senza risparmiare niente a me e a tutti gli altri che ho incrociato nella vita. Ho sempre pensato che la verità è rivoluzionaria, chi vuole cambiare il mondo, non ha niente da perdere a solo da guadagnare da un mondo nuovo, e non ha bisogno di nascondere niente a se stesso e agli altri, non ha niente da conservare di una società  come questa che mistifica tutto, storia, idee, realtà per la sua conservazione. In cui la gente senza prospettive si stordisce in mille modi per non vedere lo schifo che la circonda. E visto che una come me fa quello che crede giusto, incredibile ma vero, non ha niente da nascondere, ne da vergognarsi. E sa inquadrare cosa le capita nella vita per quello che sono,  non una questione personale, ma politica.

Sì, sono una di quelle stronze coerenti. E pensavo fosse doveroso e normale, fino a due o tre anni fa, poi ho compreso che non lo era e che la mia coerenza a fatto incazzare un sacco di gente e non sto parlando solo di nemici.

Nella specie umana c’è un forte istinto alla conservazione dell’esistente, superato solo nei momenti in cui l’esistente mette a rischio la sopravvivenza della specie, o ne frena lo sviluppo e allora ci sono i grandi ribaltoni storici come la Rivoluzione francese o l’Ottobre russo.

Ho letto molti libri, tra quelli di narrativa che mi sono piaciuti molto, c’è il libro di Roy Lewis “Il più grande uomo scimmia del Pleistocene”, nell’introduzione un diplomatico inglese dice che per il gran ridere ha rischiato di cadere dal cammello mentre viaggia in un deserto dell’Africa settentrionale! Avevo vent’anni quando lo letto, non sono caduta da un cammello, perché ero a Torino, seduta sul mio letto, ma mi sono scompisciata dalle risate.

Quel libro raccontava con ironia lo sviluppo della specie e mi rappresentava. Descriveva il confronto/scontro tra il conservatore e l’innovatore. Com’è accaduto spesso nei momenti cruciali della specie umana ha vinto l’innovatore, ma appena ha compiuto il suo ruolo di far progredire la specie umana: scopre il fuoco e mille altre cose, i suoi stessi figli lo uccidono perché lui vorrebbe andare ancora avanti, ma per il momento il traguardo raggiunto è sufficiente all’Orda; mi viene in mente Robespierre, rivoluzionario borghese conseguente, dopo il cosiddetto Periodo del Terrore che costo 2000 morti all’Aristocrazia, fu fermato dalla stessa borghesia che aveva ormai raggiunto il suo scopo: conquistare il potere politico, e liquidare l’aristocrazia. Per togliersi dai piedi chi guardava al futuro e cominciava a intravvedere un’altra prospettiva fece più di 15000 morti.

Tornando al Matriarcato, non so esattamente come in futuro risolveremo nella pratica la questione femminile, ma so che è necessario e urgente. E’ indecente e pura barbarie ciò che succede ogni giorno alle donne nel mondo.

Non si tratta solo degli omicidi, le violenze, gli stupri, le percosse, il terrore in cui vivono molte donne, o i salari più bassi di quelli degli uomini, la sottomissione a cui sono soggette, considerate esseri inferiori e con pochi diritti, quello che mi fa veramente incazzare è che oltre metà della popolazione umana deve chinare la testa di fronte a delle condizioni umilianti e completamente sbagliate.

Sono queste donne intelligenti che accettano la loro sottomissione, schiave non dubitano che la loro condizione sia sbagliata e non si ribellano, non rivendicano quelli che sono diritti fondamentali, buoni per qualsiasi essere umano, ma non per le donne.

E non è solo il velo mussulmano che nasconde la schiavitù mentale e culturale di molte donne. Qui in Asia le peggiori bestialità che ho sentito dalle donne, spesso simili a quelle europee, parole che pensavo non avrei mai più sentito nella mia vita, mi sono state dette da donne “emancipate”, bel lavoro, studi giusti, viaggi in Europa, vestiti europei, niente velo, ma come da noi molte donne, hanno scambiato il diventare oggetti sessuali, bambolone a disposizione di maschi ritardati, con l’emancipazione.

Non stupisce neanche troppo, viviamo in un mondo, dove spesso la licenza è spacciata per libertà: ti droghi sei libero, tratti le donne come pezze da piedi o come giocattoli perché sei libero, corri dietro le mode più sceme e sei libero, ripeti come un robot le quattro idee dominanti diffuse da giornali e televisioni e credi di essere un libero pensatore, anzi pensi di essere originale. Giustifichi la violenza sulle donne e  pensi di essere un uomo come si deve. No, non lo sei. Sei complice.

Il 25 novembre c’era su internet una quantità di post di uomini incazzati, uomini che dicono di essere dalla parte delle donne, come quelli che dicono “… non sono razzista, ma…” e appena aprono la bocca viene fuori tutto il loro razzismo, incazzati perché se ne parla “troppo”.

Non è mai troppo denunciare le violenze, la condizione di oppressione.

Le chiacchere degli ultimi mesi sulle attrici, vittime di violenze, o avance non desiderate possono essere un problema marginale perché le attrici sono un’infima minoranza, ma in questo periodo sono state la punta dell’ iceberg delle milioni di donne che subiscono violenza, hanno bassi salari e pessime condizioni nel luogo di lavoro.

Ed è significativo che in un momento in cui le condizioni delle donne sono particolarmente gravi, i giornali si occupano delle attrici, è la stessa cosa di qualche anno fa, dove c’era il problema della legalizzazione delle coppie e famiglie di fatto, e i giornali si occupavano delle coppie gay e dei diritti dei gay e si guardavano bene di affrontare la questione reale che coinvolgeva centinaia di migliaia di persone e metteva in discussione la famiglia cattolica.

Fai una gran cagnara per un problema minimo, un ottimo sistema per distogliere l’attenzione da una questione grave e importante che non vuoi affrontare.

Non mi passa neanche lontanamente nel cervello il pensiero che per gli uomini oggi sia rose e fiori, ma vorrei ricordare che le donne subiscono una doppia oppressione, una come donne e l’altra come lavoratrici. Ed è fondamentale il sostegno degli uomini in una lotta che li riguarda entrambi.

 

 

Childrens targeted shocking scale. Nelle guerre attuali sparse per il mondo i bambini sono obiettivi di guerra.

* La foto in evidenza non è una mia foto. Ho scritto il post il 29 dicembre 2017, mi spiace, ma ora non mi ricordo in quale sito ho preso la foto, era free, gratuita.

29 Dicembre 2017.

Questa mattina accendo il televisore per sentire le notizie. Scelgo Al Jazeera (Emirati arabi), di solito guardo o questo canale o la BBC (Inglese) o Rtd (Russo), perché sono in inglese e perché mi permettono di confrontare le notizie e cercare di capire cosa succede nel mondo. Mi piace particolarmente Al Jazeera, mi sembrano più seri e lì trovo molte più informazioni che negli altri telegiornali. Nei Tg occidentali le informazioni sono molto più filtrate, tante notizie non passano o sono appena accennate.

Non so se ogni tanto scopro l’acqua calda, ma questa mattina ho capito, anche perché era scritto bello chiaro, che i bambini sono target – obiettivi di guerra.

Finora pensavo che fosse casuale, un effetto “collaterale” delle guerre: i bambini soldati di Boko Haram, (in un documentario uno di quei bambini, avrà avuto tredici anni, ora in un centro di rieducazione, raccontava che drogato con la cocaina, uccideva le persone come fossero animali…); le bambine o ragazzine rapite costrette a matrimoni forzati o ridotte a schiave sessuali; i bambini morti sotto i bombardamenti insieme ai parenti, quest’anno 700 solo in Afghanistan; 5000 bambini morti o feriti in Yemen dall’inizio della guerra per le sue conseguenze, bombe, colera, fame; i bambini morti nel Mediterraneo mentre fuggivano dalla guerra in Siria, o dall’Afghanistan e da altre guerre degli ultimi venticinque anni; i ragazzini rivestiti di esplosivo e obbligati a farsi saltare in aria in qualche mercato dei paesi mussulmani.

L’Unicef denuncia: i bambini sono targeted shocking scale nelle guerre moderne.

Sono obiettivi e poiché suppongo ci siano delle scale di gravità nell’attacco al nemico, i bambini stanno nella scala dello shock, cioè devono essere scioccati, così alla fine della guerra saranno dei sopravvissuti con seri problemi a riprendersi e questo sarà un’ulteriore danno per la nazione in cui vivono… Sono stuprati, usati come bombe viventi, come soldati, come schiavi, costretti a vivere per anni in campi profughi in condizioni estreme e senza frequentare la scuola.

E’ un vero attacco alla specie umana… se tocchi i bambini… vai a distruggere le basi della sopravvivenza della specie… la vita.

L’umanitarismo non serve a niente e l’indignazione pure, serve l’organizzazione per cambiare il mondo, ma questa mattina sono così incazzata… e poi non è vero che non serve l’indignazione, è il primo passo sulla strada della presa di coscienza, perché c’è un sacco di gente, totalmente indifferente, come assuefatta. Hanno il cervello talmente coperto dal grasso dell’abbondanza, intorpidito,  da non porsi domande e quando se le pongono le risposte, sono da brivido…

Gli animalisti che su vari siti di viaggio s’indignano dell’uso improprio fatto degli animali per sollazzare i turisti, come gli elefanti costretti a scarrozzare i viaggiatori, o le tigri o altri animali sedati per le foto con i turisti, sono un esempio di cosa significa avere il cervello coperto dal grasso dell’abbondanza.

Vanno nei paesi asiatici e africani, dove c’è uno sfruttamento bestiale delle persone, orari di lavoro senza fine, stipendi miserrimi, bambini costretti a lavorare per aiutare le famiglie invece che frequentare la scuola, bambine e bambini venduti come schiavi sessuali, bambini scheletrici con la pancia gonfia per la fame e questi …….. si preoccupano degli animali…

Sì, perché il passo è breve, da questa cecità passare alla giustificazione delle atrocità… 

Qualche mese fa dei video su Facebook denunciavano le atrocità della guerra in Siria.

Un video, mostrava un ospedale nel quale dei bambini feriti, scampati a un bombardamento, non piangevano più, in mezzo ad altra gente ferita, alle urla di una madre che aveva perso tutti i suoi figli, consolata da un ragazzo di 14 anni, allucinato, con il suo fratellino di pochi mesi tra le braccia, morto soffocato dalla polvere insieme a tutti i suoi famigliari e che lui non voleva abbandonare ai becchini. I bambini non piangevano più, annientati dall’orrore, avevano smesso di piangere. Si guardavano intorno smarriti, era talmente enorme quello cui assistevano che non riuscivano più a piangere.

L’altro video documentava le atrocità delle carceri siriane, le torture, gli stupri, in particolare delle donne, raccontava di una ragazza sedicenne incarcerata, massacrata, violentata talmente tanto dai soldati del governo siriano da indurla al suicidio spaccandosi la testa contro il muro della sua cella. La storia di questa ragazzina la sentii raccontare un po’ di tempo dopo in un documentario di Al Jazeera dalle donne siriane compagne di cella di quella ragazza. Era quasi impossibile stare ad ascoltare le atrocità subite da quelle donne.

Quello che mi lasciò allibita, in un sito per viaggiatori, di fronte ai pochi commenti a questo 2° filmato, tutti dello stesso tenore, fu la risposta di una ragazza italiana, tanto ignobile da indurmi a visitare la sua pagina. Giovane, una ventina d’anni, studentessa universitaria, tanto carina, pulitina, un viso da ragazza “per bene”.

La miserabile mentecatta non scrisse una sola parola sulla ragazzina violentata e  uccisa dai soldati nel carcere siriano, ma disquisì se la notizia era vera o falsa, per lei era falsa. Non si sarebbe capito il perché di quest’affermazione se non fosse che negli stessi giorni in Italia c’era un dibattito causato da Salvini sulla falsità delle notizie dei bombardamenti dell’aviazione di Assad con il gas su Khan Saykhun, che aveva causato settantaquattro morti, quasi tutti bambini e dopo qualche mese confermato ampiamente non solo dai russi, ma anche dall’ONU e da tutti i testimoni oculari.

Salvini e soci sostenevano che erano propaganda entrambi i filmati.

Prendendo per buona l’ipotesi (non lo è) di Salvini e soci, se anche fossero stati di propaganda contro la guerra o di una delle parti in conflitto, non tolgono nulla al fatto che quello che si vedeva e si sentiva raccontare nei video accade ogni giorno nelle zone di guerra in modo più o meno efferato: Siria, Africa, Iraq, Afghanistan e in ogni guerra moderna.

Mi chiedevo come poteva, la ragazza italiana essere  totalmente priva di empatia, forse era stupida… evidentemente schierata nel centro destra o nell’estrema destra, ha fatto 1+1 = 3. La sua parte politica sostiene una tesi sugli avvenimenti in Siria, lei in modo acritico la conferma.

Quella ragazza “tanto per benino” mi ha profondamente indignato:

  1. In quanto donna disprezzo le donne complici morali con gli uomini che stuprano le donne.
  2. In quanto “madre simbolica”, non riesco a sopportare il dolore di quella giovane creatura che poteva essere mia figlia.
  3. In quanto essere umano, ritengo intollerabili, disumane, simili bestialità. Odio profondamente una società che alimenta, giustifica, tollera tali atrocità, condotte da persone che hanno perso la loro umanità, su altre persone indifese, per mantenere i privilegi di pochi a scapito della maggioranza.

Guardavo la foto dell’insensibile ragazza italiana e mi chiedevo com’era possibile?

Mi sono venuti in mente due libri: “La banalità del male” di Hannah Arendt, libro mai letto, mi propongo da anni di leggerlo, ma avendo altre priorità e la giornata di ventiquattr’ore ho sempre rimandato. Non so se dopo averlo letto condividerò le sue tesi, ma dai commenti  e dalle frasi che ho sentito citare nel corso degli anni sono certa che varrà la pena di leggerlo. Lei, ebrea, fuggita negli USA, seguiva il processo a Eichmann gerarca nazista e scriveva articoli per il New Yorker, giornale americano, riflettendo sugli aspetti politici e morali, su com’era possibile che un uomo avesse potuto compiere simili orrori.

Brano preso dal sito Robe di donne: “La Arendt sostiene che la società civile aveva creato un nuovo tipo di criminale caratterizzato dalla mancanza di idee, ma non stupido, quanto senza spirito critico, e ubbidiente: un uomo che vive attraverso i condizionamenti esterni che gli sono dati dalla società, o da un capo politico, un uomo mediocre che vive per inerzia.

Eppure, questo criminale solerte, fa più paura di un mostro inumano, perché Eichmann, alla fine, avrebbe potuto essere chiunque: bastava non avere idee che potessero aiutare a comprendere che cosa era giusto e cosa sbagliato; bastava essere ligi al dovere, ubbidienti ai comandi impartiti, grandi lavoratori, e si era Eichmann, un uomo che viveva, ma non era calato nel reale e nelle sue implicazioni, che faceva parte di uno stato totalitario che plasmava le personalità a suo vantaggio.”

Di sicuro non sono d’accordo sull’affermazione che è uno stato totalitario a plasmare simili individui a suo vantaggio, oggi questo avviene nella democratica Europa, in tutto l’Occidente, nei cosiddetti paesi “liberi”. Infatti, l’affermazione della ragazza italiana è spiegata, appunto nel suo essere una persona senza spirito critico, ignorante (= mancanza di conoscenza) e manipolata dalla propaganda.

L’altro libro è “Le Benevole” di Jonathan Littell, libro di oltre 1000 pagine, interessante, avvincente, documentatissimo, ma così terribile che non sono riuscita a finire di leggere le ultime cinquanta pagine. Tra le altre, sostiene la stessa tesi, la manipolazione degli individui da parte della società. E’ stato per me impossibile finire di leggere quel libro perché in quel momento stavo vivendo in prima persona la repressione feroce e mascherata che in Europa ha disintegrato varie organizzazioni dei lavoratori e per me era chiaro che quello che era descritto nel libro stava di nuovo avvenendo, la disinformazione, la manipolazione degli individui, la repressione, avveniva lì sotto i miei occhi e il rimanente non è lontano da accadere.

… Sul controllo ideologico delle masse e degli individui, dai “Persuasori occulti” di Vance Packard scritto nel 1957 in poi sono stati scritti molti libri. Dalle facoltà di psicologia, alle ricerche delle neuroscienze nelle Università, alle aziende che cercano nuovi metodi per vendere i loro prodotti, agli strateghi delle campagne elettorali, delle campagne stampa e televisive, ai vari partiti che per mantenere un “cadreghino” (leggi poltrona in qualche comune, regione o in parlamento) sono disponibili a “fare monete false”,  agli apparati repressivi dediti a destrutturare le persone che vogliono cambiare il mondo, i cosiddetti “sovversivi”, sono tutti impegnati, spesso partendo da basi reali o dalle paure immaginarie ha falsificare la realtà, ad alimentare l’odio verso l’altro, a creare nemici immaginari, un “nemico” che una volta può essere l’emigrato, il nero, l’ebreo, il profugo, un’altra volta, il sindacato, il comunista… e così via.

Stanno desensibilizzando la gente, per prepararla alla futura guerra per la spartizione del mercato mondiale, esattamente come è successo due volte nel ‘900, al punto che di fronte alle foto del bimbo siriano dalla maglia rossa in fuga dalla guerra su un gommone, morto annegato e  arenato su una spiaggia del Mediterraneo nel 2016, ho sentito una persona dire: “…tanto gli immigrati sono solo “rumenta” (spazzatura)… (significa che non è un essere umano e da lì alla repressione, alle botte, allo sterminio il passo è breve…) e un giornalista di “sinistra” sul suo blog affermare che non si dovrebbero far vedere foto simili, “turbano”, questi sono un esempio della complicità, dell’uniformarsi ai luoghi comuni, della mancanza di senso critico, di mediocrità, della “banalità del male” ben descritta nei due libri che ho citato e della brutta china ideologica su cui stanno scivolando i paesi europei.

Se di fronte ai bambini divenuti obiettivi di guerra, ad una ragazzina stuprata e uccisa dalle violenze, ad un bambino morto annegato in fuga dalla guerra,  rimani indifferente, o peggio provi soddisfazione perché è morto un “nemico”,e se di fronte a simili tragedie un giornalista neanche di destra ma “di sinistra” ha come unica preoccupazione, non la denuncia ma la mistificazione… se un sacco di gente con la pancia piena si preoccupa delle tigri e degli elefanti invece che delle condizioni dei bambini e dei lavoratori dei paesi che allegramente visitano ….direi che siamo proprio malmessi.

E le conseguenze, conoscendo la storia del Novecento, delle crisi e delle guerre del capitalismo sono facilmente prevedibili…

 

 

 

 

 

 

 

Berlino (1)

Prima di andare a Danzica sono stata dieci giorni a Berlino. C’ero stata nel 1991, un anno dopo la caduta del Muro. Era un cantiere, gru dappertutto. Stavano rinnovando la città. Nuovi palazzi progettati da grandi architetti come Renzo Piani. Restauro dei vecchi edifici come il Bundestag e la Brandeburgo Tor. Mi aveva entusiasmato l’isola dei musei, il viale Unter den Linden, il Museo di Pergamo e la Porta d’Ishtar. Vivevo in Germania allora. In quella occidentale.Studiavo il tedesco, amavo la Germania e la storia tedesca.

img_3076   img_3073

Sono nata in un paese bruciato dai tedeschi durante la 2a Guerra Mondiale. Da bambina mio padre mi raccontava quando avevano ammassato  lui che aveva 8 anni, le donne, i bambini e i vecchi in fondo al paese con le mitragliatrici puntate, (c’era un servizio di vigilanza, all’arrivo dei soldati, ì maschi adulti erano fuggiti per non rischiare di essere spediti in Germania a lavorare come schiavi). Avevano trovato due soldati tedeschi uccisi in uno dei passaggi tra una corte e l’altra dell’antico paese fortificato e per rappresaglia volevano sterminare tutto il paese, per fortuna arrivò un contr’ordine, e i tedeschi se ne andarono senza uccidere nessuno (Scoprirono che non erano stati i partigiani, al buio i due soldati si erano sparati tra di loro o forse, dicevano in paese, la guerra era alla fine e l’ufficiale tedesco non volle caricarsi sulla coscienza tutti quei morti).

Invece qualche giorno dopo i fascisti strapparono unghie e occhi ad un povero ragazzo diciassettenne con ritardo mentale che nella sua ingenuità vestì una giacca militare trovata nei boschi intorno al paese, mentre tornava a casa, sfortuna vuole, incontrò un gruppo di fascisti, pensarono fosse un partigiano, lo torturarono e poi l’uccisero. Era lo zio di una mia amica.

Mio zio, Barba Berto, si fece 3 anni di lager, soldato sul fronte greco-albanese si era rifiutato di servire i tedeschi, era uno di quegli italiani sfigati che si fecero 10 anni di guerra.  Era di leva e fu inviato in Africa per la guerra coloniale, poi con la guerra mondiale finì prima  sul confine francese e poi si fece la guerra di Grecia e d’Albania. Nel ’43 con l’Armistizio voleva solo tornare a casa,  non aveva voluto la guerra, era stato costretto a farla.

E i fascisti della Repubblica di Salò al di là delle fesserie che si raccontavano e raccontano ancora oggi i loro epigoni avevano un unico problema salvare il “culo”, dopo vent’anni di dittatura, e conseguenti porcate, violenze, torture e repressione, dalla rabbia di chi avevano oppresso. Per questioni personali tradirono la patria di cui oggi si riempiono continuamente la bocca e furono responsabili della morte di altri milioni d’italiani, la guerra durò altri due anni.

Così mio zio finì su un treno piombato e in un lager dove soffrì la fame (perse 29 chili), diceva: “Trattavano peggio di noi solo gli ebrei e i polacchi”. Nel ’45 fu liberato dai russi, la guerra continuava e lui fu spedito verso est, in Russia. Riuscì a tornare in Italia nel ’46. Era un tipo allegro, della guerra non parlava mai davanti a noi bambini e non amava (per usare un eufemismo) i tedeschi e i fascisti, gli avevano rubato la giovinezza.

E la Croce Rossa…. Si, lui moriva di fame  e di freddo nel lager, la sua famiglia di poveri contadini si toglieva il pane di bocca, confezionava calde calze di lana e altro vestiario per inviarglielo al fronte e poi nel lager…Non ricevette mai nulla. Quello che gli apparteneva veniva girato agli ufficiali.

E poi io ho studiato e conosciuto la storia tedesca del ‘900,  la storia del Partito Socialdemocratico tedesco, la Lega di Spartaco, il rifiuto della guerra di Liebknect e di Rosa Luxemburg, l’opposizione dei lavoratori tedeschi al nazismo che non è quella degli ufficiali tedeschi che nel’44  si svegliano e tentano di uccidere Hitler, ma è quella resistenza di cui non si parla mai, ma che costò la vita ad 1 milione di lavoratori tedeschi, i lager furono inventati negli anni ’30 per reprimerli.

img_3096

A proposito di Lager:  ho scoperto anni fa e non riesco ancora oggi a farmene una ragione che nei Lager furono internati 12 milioni di persone….Vi siete mai chiesti quanti si salvarono e tornarono a casa? Beh ve lo dico io…E’ talmente enorme e mostruoso …1 milione di persone si salvò. 11 milioni morirono. 11 milioni di bambini, donne e uomini.

11 milioni di morti su 12 milioni d’internati… 

Di solito si parla dei 6 milioni di ebrei assassinati nei lager. E mi sembra giusto. Quello che non mi sta bene è che non si parla mai degli altri. E gli imbecilli che fanno del revisionismo storico per ragioni politiche, per sminuire gli ebrei, in realtà stanno nascondendo e giustificando la morte anche degli altri 5 milioni di persone. 

img_3084