Childrens targeted shocking scale. Nelle guerre attuali sparse per il mondo i bambini sono obiettivi di guerra.

* La foto in evidenza non è una mia foto. Ho scritto il post il 29 dicembre 2017, mi spiace, ma ora non mi ricordo in quale sito ho preso la foto, era free, gratuita.

29 Dicembre 2017.

Questa mattina accendo il televisore per sentire le notizie. Scelgo Al Jazeera (Emirati arabi), di solito guardo o questo canale o la BBC (Inglese) o Rtd (Russo), perché sono in inglese e perché mi permettono di confrontare le notizie e cercare di capire cosa succede nel mondo. Mi piace particolarmente Al Jazeera, mi sembrano più seri e lì trovo molte più informazioni che negli altri telegiornali. Nei Tg occidentali le informazioni sono molto più filtrate, tante notizie non passano o sono appena accennate.

Non so se ogni tanto scopro l’acqua calda, ma questa mattina ho capito, anche perché era scritto bello chiaro, che i bambini sono target – obiettivi di guerra.

Finora pensavo che fosse casuale, un effetto “collaterale” delle guerre: i bambini soldati di Boko Haram, (in un documentario uno di quei bambini, avrà avuto tredici anni, ora in un centro di rieducazione, raccontava che drogato con la cocaina, uccideva le persone come fossero animali…); le bambine o ragazzine rapite costrette a matrimoni forzati o ridotte a schiave sessuali; i bambini morti sotto i bombardamenti insieme ai parenti, quest’anno 700 solo in Afghanistan; 5000 bambini morti o feriti in Yemen dall’inizio della guerra per le sue conseguenze, bombe, colera, fame; i bambini morti nel Mediterraneo mentre fuggivano dalla guerra in Siria, o dall’Afghanistan e da altre guerre degli ultimi venticinque anni; i ragazzini rivestiti di esplosivo e obbligati a farsi saltare in aria in qualche mercato dei paesi mussulmani.

L’Unicef denuncia: i bambini sono targeted shocking scale nelle guerre moderne.

Sono obiettivi e poiché suppongo ci siano delle scale di gravità nell’attacco al nemico, i bambini stanno nella scala dello shock, cioè devono essere scioccati, così alla fine della guerra saranno dei sopravvissuti con seri problemi a riprendersi e questo sarà un’ulteriore danno per la nazione in cui vivono… Sono stuprati, usati come bombe viventi, come soldati, come schiavi, costretti a vivere per anni in campi profughi in condizioni estreme e senza frequentare la scuola.

E’ un vero attacco alla specie umana… se tocchi i bambini… vai a distruggere le basi della sopravvivenza della specie… la vita.

L’umanitarismo non serve a niente e l’indignazione pure, serve l’organizzazione per cambiare il mondo, ma questa mattina sono così incazzata… e poi non è vero che non serve l’indignazione, è il primo passo sulla strada della presa di coscienza, perché c’è un sacco di gente, totalmente indifferente, come assuefatta. Hanno il cervello talmente coperto dal grasso dell’abbondanza, intorpidito,  da non porsi domande e quando se le pongono le risposte, sono da brivido…

Gli animalisti che su vari siti di viaggio s’indignano dell’uso improprio fatto degli animali per sollazzare i turisti, come gli elefanti costretti a scarrozzare i viaggiatori, o le tigri o altri animali sedati per le foto con i turisti, sono un esempio di cosa significa avere il cervello coperto dal grasso dell’abbondanza.

Vanno nei paesi asiatici e africani, dove c’è uno sfruttamento bestiale delle persone, orari di lavoro senza fine, stipendi miserrimi, bambini costretti a lavorare per aiutare le famiglie invece che frequentare la scuola, bambine e bambini venduti come schiavi sessuali, bambini scheletrici con la pancia gonfia per la fame e questi …….. si preoccupano degli animali…

Sì, perché il passo è breve, da questa cecità passare alla giustificazione delle atrocità… 

Qualche mese fa dei video su Facebook denunciavano le atrocità della guerra in Siria.

Un video, mostrava un ospedale nel quale dei bambini feriti, scampati a un bombardamento, non piangevano più, in mezzo ad altra gente ferita, alle urla di una madre che aveva perso tutti i suoi figli, consolata da un ragazzo di 14 anni, allucinato, con il suo fratellino di pochi mesi tra le braccia, morto soffocato dalla polvere insieme a tutti i suoi famigliari e che lui non voleva abbandonare ai becchini. I bambini non piangevano più, annientati dall’orrore, avevano smesso di piangere. Si guardavano intorno smarriti, era talmente enorme quello cui assistevano che non riuscivano più a piangere.

L’altro video documentava le atrocità delle carceri siriane, le torture, gli stupri, in particolare delle donne, raccontava di una ragazza sedicenne incarcerata, massacrata, violentata talmente tanto dai soldati del governo siriano da indurla al suicidio spaccandosi la testa contro il muro della sua cella. La storia di questa ragazzina la sentii raccontare un po’ di tempo dopo in un documentario di Al Jazeera dalle donne siriane compagne di cella di quella ragazza. Era quasi impossibile stare ad ascoltare le atrocità subite da quelle donne.

Quello che mi lasciò allibita, in un sito per viaggiatori, di fronte ai pochi commenti a questo 2° filmato, tutti dello stesso tenore, fu la risposta di una ragazza italiana, tanto ignobile da indurmi a visitare la sua pagina. Giovane, una ventina d’anni, studentessa universitaria, tanto carina, pulitina, un viso da ragazza “per bene”.

La miserabile mentecatta non scrisse una sola parola sulla ragazzina violentata e  uccisa dai soldati nel carcere siriano, ma disquisì se la notizia era vera o falsa, per lei era falsa. Non si sarebbe capito il perché di quest’affermazione se non fosse che negli stessi giorni in Italia c’era un dibattito causato da Salvini sulla falsità delle notizie dei bombardamenti dell’aviazione di Assad con il gas su Khan Saykhun, che aveva causato settantaquattro morti, quasi tutti bambini e dopo qualche mese confermato ampiamente non solo dai russi, ma anche dall’ONU e da tutti i testimoni oculari.

Salvini e soci sostenevano che erano propaganda entrambi i filmati.

Prendendo per buona l’ipotesi (non lo è) di Salvini e soci, se anche fossero stati di propaganda contro la guerra o di una delle parti in conflitto, non tolgono nulla al fatto che quello che si vedeva e si sentiva raccontare nei video accade ogni giorno nelle zone di guerra in modo più o meno efferato: Siria, Africa, Iraq, Afghanistan e in ogni guerra moderna.

Mi chiedevo come poteva, la ragazza italiana essere  totalmente priva di empatia, forse era stupida… evidentemente schierata nel centro destra o nell’estrema destra, ha fatto 1+1 = 3. La sua parte politica sostiene una tesi sugli avvenimenti in Siria, lei in modo acritico la conferma.

Quella ragazza “tanto per benino” mi ha profondamente indignato:

  1. In quanto donna disprezzo le donne complici morali con gli uomini che stuprano le donne.
  2. In quanto “madre simbolica”, non riesco a sopportare il dolore di quella giovane creatura che poteva essere mia figlia.
  3. In quanto essere umano, ritengo intollerabili, disumane, simili bestialità. Odio profondamente una società che alimenta, giustifica, tollera tali atrocità, condotte da persone che hanno perso la loro umanità, su altre persone indifese, per mantenere i privilegi di pochi a scapito della maggioranza.

Guardavo la foto dell’insensibile ragazza italiana e mi chiedevo com’era possibile?

Mi sono venuti in mente due libri: “La banalità del male” di Hannah Arendt, libro mai letto, mi propongo da anni di leggerlo, ma avendo altre priorità e la giornata di ventiquattr’ore ho sempre rimandato. Non so se dopo averlo letto condividerò le sue tesi, ma dai commenti  e dalle frasi che ho sentito citare nel corso degli anni sono certa che varrà la pena di leggerlo. Lei, ebrea, fuggita negli USA, seguiva il processo a Eichmann gerarca nazista e scriveva articoli per il New Yorker, giornale americano, riflettendo sugli aspetti politici e morali, su com’era possibile che un uomo avesse potuto compiere simili orrori.

Brano preso dal sito Robe di donne: “La Arendt sostiene che la società civile aveva creato un nuovo tipo di criminale caratterizzato dalla mancanza di idee, ma non stupido, quanto senza spirito critico, e ubbidiente: un uomo che vive attraverso i condizionamenti esterni che gli sono dati dalla società, o da un capo politico, un uomo mediocre che vive per inerzia.

Eppure, questo criminale solerte, fa più paura di un mostro inumano, perché Eichmann, alla fine, avrebbe potuto essere chiunque: bastava non avere idee che potessero aiutare a comprendere che cosa era giusto e cosa sbagliato; bastava essere ligi al dovere, ubbidienti ai comandi impartiti, grandi lavoratori, e si era Eichmann, un uomo che viveva, ma non era calato nel reale e nelle sue implicazioni, che faceva parte di uno stato totalitario che plasmava le personalità a suo vantaggio.”

Di sicuro non sono d’accordo sull’affermazione che è uno stato totalitario a plasmare simili individui a suo vantaggio, oggi questo avviene nella democratica Europa, in tutto l’Occidente, nei cosiddetti paesi “liberi”. Infatti, l’affermazione della ragazza italiana è spiegata, appunto nel suo essere una persona senza spirito critico, ignorante (= mancanza di conoscenza) e manipolata dalla propaganda.

L’altro libro è “Le Benevole” di Jonathan Littell, libro di oltre 1000 pagine, interessante, avvincente, documentatissimo, ma così terribile che non sono riuscita a finire di leggere le ultime cinquanta pagine. Tra le altre, sostiene la stessa tesi, la manipolazione degli individui da parte della società. E’ stato per me impossibile finire di leggere quel libro perché in quel momento stavo vivendo in prima persona la repressione feroce e mascherata che in Europa ha disintegrato varie organizzazioni dei lavoratori e per me era chiaro che quello che era descritto nel libro stava di nuovo avvenendo, la disinformazione, la manipolazione degli individui, la repressione, avveniva lì sotto i miei occhi e il rimanente non è lontano da accadere.

… Sul controllo ideologico delle masse e degli individui, dai “Persuasori occulti” di Vance Packard scritto nel 1957 in poi sono stati scritti molti libri. Dalle facoltà di psicologia, alle ricerche delle neuroscienze nelle Università, alle aziende che cercano nuovi metodi per vendere i loro prodotti, agli strateghi delle campagne elettorali, delle campagne stampa e televisive, ai vari partiti che per mantenere un “cadreghino” (leggi poltrona in qualche comune, regione o in parlamento) sono disponibili a “fare monete false”,  agli apparati repressivi dediti a destrutturare le persone che vogliono cambiare il mondo, i cosiddetti “sovversivi”, sono tutti impegnati, spesso partendo da basi reali o dalle paure immaginarie ha falsificare la realtà, ad alimentare l’odio verso l’altro, a creare nemici immaginari, un “nemico” che una volta può essere l’emigrato, il nero, l’ebreo, il profugo, un’altra volta, il sindacato, il comunista… e così via.

Stanno desensibilizzando la gente, per prepararla alla futura guerra per la spartizione del mercato mondiale, esattamente come è successo due volte nel ‘900, al punto che di fronte alle foto del bimbo siriano dalla maglia rossa in fuga dalla guerra su un gommone, morto annegato e  arenato su una spiaggia del Mediterraneo nel 2016, ho sentito una persona dire: “…tanto gli immigrati sono solo “rumenta” (spazzatura)… (significa che non è un essere umano e da lì alla repressione, alle botte, allo sterminio il passo è breve…) e un giornalista di “sinistra” sul suo blog affermare che non si dovrebbero far vedere foto simili, “turbano”, questi sono un esempio della complicità, dell’uniformarsi ai luoghi comuni, della mancanza di senso critico, di mediocrità, della “banalità del male” ben descritta nei due libri che ho citato e della brutta china ideologica su cui stanno scivolando i paesi europei.

Se di fronte ai bambini divenuti obiettivi di guerra, ad una ragazzina stuprata e uccisa dalle violenze, ad un bambino morto annegato in fuga dalla guerra,  rimani indifferente, o peggio provi soddisfazione perché è morto un “nemico”,e se di fronte a simili tragedie un giornalista neanche di destra ma “di sinistra” ha come unica preoccupazione, non la denuncia ma la mistificazione… se un sacco di gente con la pancia piena si preoccupa delle tigri e degli elefanti invece che delle condizioni dei bambini e dei lavoratori dei paesi che allegramente visitano ….direi che siamo proprio malmessi.

E le conseguenze, conoscendo la storia del Novecento, delle crisi e delle guerre del capitalismo sono facilmente prevedibili…

 

 

 

 

 

 

 

Che tristezza… ho passato l’estate in un Rifugio Alpino.

Fine settembre 2014.

E’ finita la stagione estiva in montagna…

Ho lavorato in due rifugi. Ho lavorato per 16 ore al giorno senza un’ora di pausa, se non la mezz’ora scarsa del pranzo e della cena, a 60 euro al giorno! Ho abbandonato il 1° rifugio per varie ragioni: mi chiamavano a lavorare nei week-end, o per quattro giorni la settimana, a causa delle pessime condizioni meteo qualche settimana non ho lavorato per niente e… per la follia dei gestori del rifugio.

Poi dopo aver vagato in giro per le Alpi a cercare lavoro in altri rifugi, ho lavorato dall’inizio d’agosto fino al 15 settembre in un altro rifugio. Qui condizioni “più umane” 12,5 ore il giorno, poi pausa della colazione, pranzo, cena e due ore di pausa vera e otto ore di sonno. “Naturalmente” tutto in nero… per 1000 euro al mese.

I gestori in questo caso erano delle persone gentili con cui si poteva lavorare e vi garantisco che non è scontato.

A proposito non sto parlando dal profondo dell’Africa nera, o della lontana Asia e nemmeno dell’Est Europa, e neanche del profondo sud dell’Italia, bensì dal Piemonte… dal profondo nord dell’Italia. E non sono nera. E neanche immigrata.

Sono una donna piemontese, non giovanissima, alla quale la crisi economica iniziata nell’agosto del 2007 ha distrutto l’attività imprenditoriale, il tutto sommato ad altri problemi. Vedi la legge di Murphy “Se qualcosa può andare male, sicuro che andrà male “!

Reggere una crisi per sette anni o hai le spalle economicamente molto coperte da quantità notevoli di capitali o s’impongono inesorabilmente le leggi che regolano il sistema economico in cui viviamo.

Sono profondamente delusa. E molto arrabbiata.

Sono nata in montagna. Amo la montagna. Da sempre ho fatto escursioni, arrampicate, passeggiate in giro per i monti. Non avevo mai pensato prima di andare a lavorare in un rifugio… anche perché avevo di meglio da fare.

mammola

Causa crisi lavorativa e desiderio di passare un periodo in montagna per “chiarirmi le idee” su cosa fare nel prossimo futuro – ossia pensare a come riuscire a mettere insieme il primo con il secondo e magari anche il dolce – sono partita a cercare lavoro nei rifugi come molti altri “pollastri”, e come tutti (verificato da varie chiacchierate con colleghi di altri rifugi) con una visione molto romantica e per niente realistica. In testa avevo come tutti i ”pollastri”: la montagna, la disponibilità che trovi di solito in montagna, la solidarietà che esiste tra gli alpinisti, ebbene….scordatevela! Non ha nulla a che fare con il lavoro in un rifugio alpino.

Qui c’è una cosa molto simile alla schiavitù, mascherata da “… qui, ci si deve adattare, siamo a 2000 metri” “si dorme tutti nella stessa stanza” o buco che sia, “si fa una vita comune”, “si lavora quanto serve”, “stare in rifugio è come in barca vela”. Il che sottintendo che c’è un negriero, che non hai un momento libero (non esiste proprio), lavori di continuo, la montagna non la vedi mai…

Tra l’altro, un giorno, mi sono fermata a guardare la montagna da una finestra e quando sono scesa la moglie del gestore, si stava lamentando che mi aveva beccato alla finestra – non me n’ero neanche accorta. Il marito le ripeteva: “Sì, ma ti rendi conto tutto il lavoro che ha fatto?”. Effettivamente non mi ero fermata un attimo da almeno dieci ore. E, urka… avevo osato guardare dalla finestra!

Un’altra cosa assurda è il cibo: lavori sedici o tredici ore al giorno, per poterlo fare hai bisogno di energia e quindi di cibo e invece vorrebbero darti da mangiare un piatto di pasta, magari abbondante, anzi neanche quello, perché un giorno a cui al gestore giravano particolarmente le scatole con la moglie, si siede a tavola, guarda nella padella che il cuoco stava mettendo in tavola e esclama “Poi, io e te, rivediamo le porzioni eh, è una quantità esagerata”, il cuoco esterrefatto, a bassa voce dice, ma c’è Carlo che ne mangia sempre due piatti”.  Infatti, non rimase neanche un filo di pasta nella padella e non solo, …io avevo una fame boia, perché un piatto di pasta se lavori 16 ore non ti fa neanche il solletico allo stomaco…! Ed ho scoperto parlando con gente che ha lavorato in montagna che più di un gestore, magari sottovoce oppure detto alla moglie pensando di essere inascoltati diceva “Eh qui si mangiano tutto!!!”. Da mettersi le mani nei capelli!

I gestori si lamentano di continuo, il tempo, il governo, le tasse. Le tasse… sono una lagna disgustosa, e sembra sempre che sono al centro del mondo, i puntelli della società, in realtà sono quattro gatti, sono evasori fiscali, pagano in nero  i loro dipendenti (non tutti) e li pagano con stipendi da fame.

, al colloquio ti dicono lo stipendio mensile è di 1800 euro, tu pensi, “Non male”, soprattutto se il lavoro che fai da anni è andato “a ramengo”, praticamente defunto. Ti accennano che c’è molto da lavorare, ma non ti dicono che lavorerai 16 ore al giorno. Lavorando 6 giorni su 7 significa che ti pagano 4,7 euro l’ora lordi. Una miseria!

E poi qualcuno parla di libertà di scelta. Questi sono i peggiori ipocriti. Raramente in questo sistema c’è la possibilità di scegliere. Esistono momenti storici, dove,  i lavoratori  in generale hanno un forte potere contrattuale, ma di solito non esiste nessuna scelta, esiste la NON scelta : accettare condizioni di lavoro capestro o morire di fame. 

La scelta è se lottare per migliorare i propri salari e condizioni di vita oppure no. Quando è possibile.

Ha metà ‘800, Marx sosteneva la lotta per la riduzione d’orario alle otto ore. La sua necessità. Famosa è la frase:  8 ore per lavorare, 8 ore per riposare, 8 ore per dormire. Ho provato, fino in fondo questa estate, la validità di questa tesi.

Ho compreso perché più di un gestore di rifugi, in chiacchierate informali, sostenevano o si lamentavano che “I giovani non reggono il lavoro in montagna!” oppure  “I ragazzi reggono al massimo un mese” (io, pensavo: sarà l’altitudine!) oppure “si, sono ragazzi che vanno in montagna, però poi dopo una settimana o due scoppiano e se ne vanno!” o ipocritamente “Si, amano la montagna, poi però in montagna spesso il tempo è brutto e leggere un libro per un po’ va bene, poi se ne vanno…” (il problema non è la noia, lavori talmente tanto e a lungo che il libro non riuscirai mai ad aprirlo…).

Oppure “Preferiamo gente giovane”, io ingenuamente pensavo: “Sarà per le agevolazioni fiscali…”. Poi scopro che le agevolazioni centrano fino ad un certo punto, tanto, pagano con voucher o in nero tutti quanti, la questione è che un giovane di solito, non sempre,  ha più energie (nelle due ore di pausa i miei colleghi ventenni andavano a dormire, io facevo una passeggiata sulle cime, lì intorno) e almeno un mese dura prima di crollare.

Questa esperienza mi ha rammentato un libro, letto molti anni fa, nel quale si ricordava che all’inizio dell’ottocento, a causa della giornata lavorativa di 14-16-18 ore, venne distrutta una generazione di lavoratori. Distrussero fisicamente, uccisero, nel vero senso della parola, migliaia di lavoratori, l’età media era scesa a 22 anni tra i lavoratori delle fabbriche inglesi. Lavoravano 6-7 giorni su sette, dormivano pochissimo, si nutrivano malamente perché avevano salari miserrimi, spesso si stordivano con alcool dalla disperazione, e le donne erano così sfinite che non riuscivano più a occuparsi dei figli. Figli malnutriti, a causa dei bassi salari , che crescevano in ambiente malsano, (erano i quartieri operai ottocenteschi nella fumosa Londra) con una mortalità infantile altissima.

Furono gli industriali più illuminati e meno idioti che compresero la necessità di ridurre la giornata lavorativa, qualcuno per spirito umanitario, altri perché sapevano farsi i conti. Non potevano continuare con simili condizioni semplicemente perché gli sarebbe mancata la manodopera che serviva al lavoro di fabbrica. E fecero approvare dal Parlamento inglese il “Job act”.

E ora anche noi abbiamo il “Job act”, (con la differenza che fa il percorso inverso) appena approvato, che mette nero su bianco una prassi che va avanti più o meno apertamente da un po’ di anni. Il massimo di precarietà, peggioramento delle condizioni di lavoro, aumento dell’orario e riduzione del salario e di conseguenza peggioramento delle condizioni di vita.

Sì, questa estate in montagna è stata molto utile: mi ha chiarito le idee!

Soprattutto su cosa è oggi il mondo del lavoro.

 

 

 

Urra! Passero’ l’estate in un rifugio alpino.

Primavera 2014.

URRA’! Passerò l’estate in un rifugio alpino.
Oggi assomiglio vagamente a Snoopy dopo che ha mangiato un biscotto, cammino a un metro da terra, sorridendo, dolcemente levito.

Un’idea che mi girava per la testa da un po’ di tempo. Lasciare la città per qualche mese con l’obiettivo di buttarmi alle spalle il passato, lavorare duro, decidere i nuovi sentieri da seguire in città nel prossimo futuro e soprattutto Vivere la Montagna, quella vera e dura, quella che ti mette alla prova.

Ho intenzioni “serie”. Voglio arrivare in vetta alle maggiori cime del Parco Orsiera-Rocciavrè. Monte Orsiera, il Rocciavrè, la Cristalliera, ecc.
Sprofonderò tra i fiori profumati, nell’erba dei prati tra i 2000 e 2900, dove non rimane che la nuda roccia, negli occhi le sfumature dei blu del cielo, dei laghi alpini, delle viole, dei “chiu cuc” (genziana in franco-provenzale), tra il verde dei prati, e il grigio dei sassi e delle rocce alpine.

 

DSCN3101_edited
Viole di città a marzo.

Ogni settimana, nel giorno di riposo dalle fatiche del lavoro in rifugio, organizzerò un’escursione.

Comincerò con l’Orsiera, la “mia” montagna. Sono nata sul versante opposto, in Val di Susa. Ogni tanto mi allontano e mi dedico ad altro poi regolarmente ritorno.
Racconterò le escursioni. La vita in rifugio. La gente che va in montagna. Chi frequenta i rifugi come questo, raggiungibile in estate con l’auto, ma anche punto di partenza per passeggiate impegnative, quindi veri alpinisti, e famigliole, cittadini che al massimo fanno 10 passi oltre la portiera della propria auto.

Sono salita su, la prima volta, a metà maggio per il colloquio di lavoro. Partenza da Torino, stazione di Porta Nuova, alle 6.55 con l’autobus per il Sestriere.
Viaggiamo verso Pinerolo, poi lungo la Val Chisone, Perosa Argentina, Villar Perosa, è un salire e scendere di studenti, un delirio di voci, di molti sguardi allegri e qualcuno triste e assonnato.

Ascolto la storia delle disavventure sentimentali di una loro compagna di scuola e i commenti di solidarietà o disapprovazione. Tre di loro alla fine decidono di scendere e saltare la prima ora. Un piccoletto con lo sguardo calmo di chi sa andare per la sua strada, nonostante lo stuzzicano, non scende.

Poco dopo sale un ragazzo. Parlano tra loro della scuola. Sono meccanici. Stanno imparando a riparare, a smontare le macchine. “Hai visto, la Punto che hanno portato su? Non riuscivo a salirci, era tutta schiacciata. Per svitare il perno, mi sono infilato tra il sedile e il volante…” Si lamentano della mancanza di materiale. Con fierezza si raccontano come risolvono i problemi anche senza gli attrezzi giusti. Sono rappresentativi del “genio italico”, la disorganizzazione sociale salvata dalle capacità dei singoli, orgogliosi di svolgere un lavoro ben fatto.

Scendo dopo due ore a Depot, poco prima di Finestrelle. Sono le 9.00. Chiedo un passaggio ad un furgone che trasporta biancheria pulita all’Hotel di Pra Catinat. A Pra Catinat scendo, non si può proseguire con l’auto fino al 31 maggio.

A sorpresa sono avvolta dal profumo dei pini. Respiro. Sto bene.
M’incammino verso il Rifugio, tra i pini e i prati coperti di fiori gialli e viole profumate, il sentiero sale dolcemente. Un sentiero-balcone sulla Val Chisone, spettacolare il paesaggio e la vista sulle montagne. Tre alpinisti mi danno indicazioni, ho dimenticato la guida sul letto!

L’incontro successivo è con un cervo, sono controvento non sente il mio odore, infatti, mi osserva con calma e non fugge. Poco prima del rifugio una chiassosa marmotta mi da il benvenuto.

Giro del Monviso: Alla ricerca di un lavoro in un Rifugio Alpino.

La foto del Monviso in evidenza è di Michele Rosso

I prossimi 3 post sono stati scritti nel 2014. Credo siano ancora attuali. Quell’estate, a causa della crisi economica senza fine, il lavoro che avevo da vent’anni era giunto quasi al capolinea. Piena d’entusiasmo, pensai di cercarmi un lavoro per la stagione estiva, tanto il mio lavoro d’estate era fermo. I seguenti tre post raccontano i mesi da metà maggio a metà settembre 2014, passati prima alla ricerca di un lavoro, poi al lavoro tra le montagne piemontesi nell’estate più piovosa degli ultimi due secoli. Non pioveva così tanto dal 1803!

Estate 2014.

Sto cercando lavoro nei rifugi alpini. Ho deciso di fare una parte del Giro del Monviso toccando 5 rifugi e sentire se hanno bisogno di personale.

Scendo dal pullman dopo 3 ore di viaggio  a Castello di Pontechianale, 1603 metri di quota, due passi dal confine francese. Torno indietro di qualche decina di metri, attraverso un ponte sull’impetuoso torrente Vallanta, raggiungo il rifugio dell’Alevè, sono gentili, ma non hanno bisogno di personale, ci sono pochi clienti.

Poco prima del rifugio parte il ripido sentiero che porta verso  il vallone di Vallanta e al Rifugio Vallanta a 2450 metri di quota, alla base del Viso e della punta Gastaldi. Sono fresca e riposata, parto con un buon passo. Il cartello all’inizio del sentiero indica  2 ore e 30 per raggiungere il rifugio.

Comincio a salire alle 10 del mattino, tardissimo, infatti incontro parecchi alpinisti che stanno scendendo dalla montagna!

Fino ai 1912 metri delle Grange Gheit il sentiero sale ripido poi la salita è più dolce fino ad un centinaio di metri sotto il Vallanta, dove si riprende decisamente a salire. Incontro un gruppo di donne, che faticosamente salgono, chiedo informazioni: dopo il Vallanta voglio raggiungere il Quintino Sella,  sono indecisa se fermarmi a dormire al bivacco delle Forciolline, dedicato ad Alessandra Boarelli, la prima donna che scalò il Monviso nel 1864, modernissimo e attrezzato, oppure salire al bivacco Bertoglio decisamente spartano.

maggio 2014 016

Non conosco la zona. Prima di partire ho visto su Internet percorsi e foto, ma salendo mi sono resa conto che c’è ancora molta neve e il tempo è instabile, le previsioni non sono buone.

Come capita spesso in montagne la nebbia sale all’improvviso, per ora il sole tiene, ma mentre cammino, mi volto e la vedo salire. Le cime più alte appaiono e poi scompaiono tra le nuvole.

Il paesaggio è spettacolare e la Natura rigogliosa. I prati sono verdi e pieni di fiori alpini, dominano i gialli, i blu, i rosa. Salendo vedo le stelle alpine, anzi incrocio una francese estasiata che continua a ripetermi “Edelweiss, Edelweiss”, effettivamente trovarle così vicino al sentiero e in un luogo così facile è raro.

Faccio un pezzo di sentiero chiacchierando con il gruppetto di donne, una di loro è un’alpinista, conosce bene i luoghi che voglio raggiungere, ma quest’ anno non c’è ancora stata, mi consiglia di chiedere al gestore del Vallanta. Dopo un po’ le saluto, salgono troppo lentamente.

Riprendo a salire con passo rapido, e dopo una mezzora incontro una finlandese, mi fermo a chiacchierare, non capita tutti i giorni d’incontrare qualcuno che viene da così lontano! Parla sei lingue, mi racconta che sono quattro settimane che cammina tra le montagne. Mi dice che su al passo c’è molta neve, ed è ghiacciata.

Ha un’attrezzatura molto leggera e mi fa notare che la mia è troppo pesante, effettivamente ho due zaini! …ma se voglio risparmiare è bene che evito di dormire nei rifugi o di fare lauti pranzi a caro prezzo.

Attualmente, anche se non ancora ufficialmente, sono praticamente disoccupata. E l’attrezzatura che ho sulle spalle mi salverà la vita la notte stessa!

Intanto il gruppetto di donne ci raggiunge e una sfotticchiando mi dice “ …ma come? Sei ancora qua, ti vedevamo lontana salire rapidissima…”. Dopo un po’ saluto la finlandese. Riparto, raggiungo le signore, le superò e salgo veloce verso il rifugio, anche se quando riprendo a salire faccio una notevole fatica, sembro scoppiata, non ci si deve mai fermare a lungo come ho fatto io con la finlandese, perché si perde il ritmo e ci va un po’ a riprenderlo. Finalmente dopo 2 ore e 15 arrivo al rifugio Vallanta. Prima di entrare mi fermo a mangiare i panini e la frutta che ho nello zaino.

maggio 2014 008

 

Dopo trenta minuti arriva il gruppetto di donne con la lingua di fuori! Entriamo nel rifugio, una è la madre di due giovani dipendenti, chiamano il gestore, un uomo burbero come sono spesso i gestori dei rifugi. Sono arrivata alla conclusione che alcuni sono veri e propri asociali. Sarà l’altitudine? Vivere per mesi sopra i 2000 o i 3000 metri forse rende un po’ orsi! O forse è solo un’atteggiamento che rientra nel mito del Gestore di rifugi: di solito una guida alpina, un uomo tosto, duro, solitario e scorbutico che sfida la montagna. 

Alla mia domanda: “Ha bisogno di personale? Cerco lavoro.” Mi risponde con un No categorico. “Piove sempre.” “Non ci sono clienti.” E comincia a lamentarsi dei giovani, che non sono più quelli di una volta, “Non resistono un mese”.

Il gestore mi sconsiglia il passo delle Forciolline per la neve e per la difficoltà del percorso, in buona parte su roccia e attrezzato con corde di ferro per non volare giù. Io sono da sola e il tempo non promette nulla di buono. Decido di andare al Bivacco Bertoglio.

Scendendo incontro una donna alpinista simpaticissima, facciamo un pezzo di strada insieme parlando di montagna e a 1900 metri ci lasciamo, perché lei non è attrezzata per passare la notte in bivacco, anche se è molto dispiaciuta di dover scendere a valle.

In questa giro in montagna incontro quasi solo donne, gli uomini sembrano una specie in via d’estinzione!

Sulla destra orografica del torrente Vallanta, a un bivio, il sentiero attraversa il bosco dell’Alevè, l’unico fitto bosco esistente in Italia con il puro Pino Cimbro, splendido pino sempreverde dall’aspetto tormentato e maestoso, residuo di antiche ere, e prosegue nel Vallone delle Giargiatte verso il bivacco Bertoglio, il passo S.Chiaffredo e il passo Gallarino verso il Rifugio Quintino Sella punto di partenza per raggiungere il Monviso per la via normale.

Prendo il sentiero che attraversa il bosco di pini, è molto bello, ma sale bruscamente. Comincio a sentire la stanchezza, e devo salire per altre due ore e mezza! Non sono allenatissima e dopo un po’ lo sento.

Faccio una tappa dopo una mezz’oretta per mangiare una tavoletta di cioccolata. Intanto sale la nebbia. Più salgo, più diventa fitta. E pioviggina.

E’ tardo pomeriggio, la luce nel bosco sotto la pioggerellina e nella nebbia fluttuante diventa sempre più fioca. Cammino ascoltando i rumori e i suoni che provengono dalla profondità del bosco, ogni tanto si apre una radura. Salendo la vegetazione si dirada e cominciano le rocce.

Sono sempre più stanca e comincia a dolermi il ginocchio, tanto da impedirmi quasi di camminare. Ad un certo punto mi chiedo se è il caso di tornare indietro, ma sono ormai troppo in alto e a scendere con un ginocchio come il mio è anche peggio. Mi guardo intorno, cerco un ramo da usare come bastone e anche se siamo al limitare del bosco, lo trovo. E provo un vero sollievo, senza quel bastone non credo sarei riuscita a camminare ancora per molto. Perché accidenti non ciò pensato prima!

Poi spariscono i pini ed è solo nuda roccia. Si sale su una ripida pietraia con il sentiero tracciato benissimo e anche i segnavia che seguo con attenzione sono visibili. Per fortuna, ogni tanto la nebbia di dissolve, posso vedere dove sono e capire la direzione, poi si richiude. A metà pietraia incontro due alpinisti, ci salutiamo, pensavo di essere a mezzora dal bivacco, invece mi dicono che arrivano da lì e manca ancora quasi un’ora. Sono così stanca che penso: ma no, si sbagliano. Invece non si sbagliano per niente. Un’alpinista mi spiega che il bivacco si trova a sinistra su un roccione sopra al sentiero, dove c’è una strettoia tra le rocce prima del lago Bertin e i due laghi successivi in una specie di “valle” glaciale che sale dolcemente verso il passo S.Chiaffredo. Continuo a osservare le rocce e le cime intorno a me… e del bivacco non c’è ombra.

Sono sfinita e non me ne rendo conto.

Quando raggiungo la strettoia, non vedo il bivacco, ma vedo l’indicazione verso l’alto, 10 minuti. Sono stati tra i più lunghi minuti della mia vita. Salgo sulle rocce scoscese, bagnate, tanto che scivolo, cado sulle rocce e non vedo il bivacco. Ho maledetto i “deficienti” che chissà per quale ragione erano andati a costruire un bivacco in un posto così inaccessibile! Finalmente vedo il bivacco spuntare tra le nebbie, sfinita lo raggiungo. Sono infreddolita. Mi guardo intorno, ogni tanto le veloci nubi di montagna si alzano e si vede il paesaggio. Spettacolare! Sono lì tra i picchi, c’è solo roccia, guardo verso il basso…quanta strada o fatto! Sono le 6 di sera. Sono a 2770 metri.

Apro il bivacco, una piccola costruzione in lamiera, colorata  di giallo e rosso, dentro ci sono nove posti letto, cioè 3 letti a castello rudimentali e un piccolissimo spazio tra i letti. Faccio una cena frugale con il cibo che ho nello zaino. Il freddo aumenta. Pioviggina. Desolata mi accorgo di aver perso l’ombrello. Rimango un po’ fuori a guardare il paesaggio, ma fa troppo freddo.

Mi preparo velocemente il letto, apro il mio sacco a pelo, prendo 5 coperte dagli altri letti e le metto una sull’altra sopra il mio sacco a pelo. Sta diventando buio e piove sempre più forte. La lampadina della mia pila fa pochissima luce. Per fortuna c’è una finestra. Apro la persiana di ferro. Tremo dal freddo. Mi metto il pigiama, mi rimetto i pantaloni, tre maglie, più il pile uno sull’altro, mi infilo nel sacco a pelo sotto 5 coperte e continuo ad avere freddo. C’è un’umidità bestiale. Tuona e piove sempre più forte, si alza anche il vento. Sembra il diluvio universale.  

E’ una vera tempesta.

Sono lì, da sola. Il rifugio più vicino è a 2 ore di distanza! Comincio ad avere un cerchio alla testa. Soffro l’altitudine. Ho forse è la paura! Piove sempre di più. E’ impressionante. Di solito mi piace la pioggia… me lo ripeto, ma piove talmente forte che mi fa paura, finché mi addormento. Mi sveglio alle due di notte, sto morendo di caldo, comincio a svestirmi sempre chiusa nel sacco a pelo, un po’ per volta mi levo tutto anche il pigiama. Evidentemente mi sono riposata e il mio corpo sfinito dalla stanchezza è tornato  in condizioni normali e così la mia temperatura.

Piove sempre. Fatico a riaddormentarmi. Alle tre mi risveglio di botto con tutti i sensi all’erta. Vedo con gli occhi della mente un animale fuori dal bivacco, sembra una cerva (no, siamo troppo in altro) o una pecora (ma, no è troppo grande), la visione sparisce e comincio a sentire un animale che si muove e cammina intorno al bivacco, gira un po’ lì intorno e poi se ne va. Guardo l’ora sono le tre e mezza. Avevo messo la sveglia alle cinque, la sposto alle sei. Voglio dormire.

Il mattino mi sveglio, fa freddo. Esco dal bivacco. E osservo la montagna intorno a me. Non c’è nebbia. Osservo il percorso che devo seguire per superare i passi e girare intorno alla punta Trento.

 Grigia roccia nell’alba.

Bellissimo e struggente. Il paesaggio delle cime rocciose è tanto bello da far male.

Ci sono tre laghi in successione e c’è neve ma nulla di pericoloso. Mentre sto osservando il paesaggio, mi accorgo che sul passo c’è un velo di nubi, nel giro di pochi minuti cominciano a salire velocissime, mi volto e vedo che la stessa cosa sta succedendo sul versate opposto da dove sono salita. In un attimo capisco che passerà poco tempo prima di essere immersi nella nebbia e non posso permettermi di scendere dalle rocce, su cui si trova il bivacco, nella nebbia, perché rischio di ammazzarmi. Corro nel bivacco, velocissima arrotolo il sacco a pelo, rimetto tutte le mie cose negli zaini, chiudo la finestra, chiudo il bivacco e comincio a scendere.

Intanto la nebbia sta avvolgendo tutto.  Arriva quando raggiungo il sentiero alla base della roccia.

Sono al sicuro, mi rendo anche conto di quanto è stato facile scendere dal bivacco e dello sfinimento fisico della sera precedente. Ora devo solo seguire i segnavia e fare un po’ d’attenzione e la nebbia non è così fitta. Sale e scende, si scioglie un po’, poi si richiude. Comincio a salire verso il primo passo seguendo il sentiero, sono nella nebbia, ma non mi preoccupo. Ho impresso in mente il paesaggio visto dall’alto del bivacco, non cammino alla cieca. Passo accanto al lago Bertin e al lago Lungo, c’è neve ma non troppa. Subito faccio fatica a salire, sono  in alto, ma presto riprendo ad andare su decisa, sono scesa a 2700 metri, ora devo salire fino a 2770 del passo S. Chiaffredo, poi a 2730 del passo Gallarino e poi scendere a 2640 al rifugio Quintino Sella. Mi hanno detto che è solo lunga, non difficile, infatti così è.

Riprende a piovere, scendendo dal bivacco ho ritrovato l’ombrello, mi riparo. Mi bagno lo stesso. Sotto la pioggia fitta e sottile faccio colazione. Cammino e sembra non arrivare mai. Quando sono quasi al rifugio che non vedo perché immerso nella nebbia comincio a incrociare qualche alpinista che sale. Me la prendo comoda. Arrivo dopo due ore. Al rifugio ordino  un’abbondante colazione con del tè bollente, finalmente qualcosa di caldo!

Rimango lì a riposarmi qualche ora, intanto smette di piovere e anche la nebbia si dirada. Chiedo del ghiaccio per il ginocchio dolente e gonfio. Decido di scendere a Pian del Re, a 2000 metri, dove nasce il Po’.

Il tempo migliora velocemente, esce il sole.

Attraverso alcuni nevai, intanto mi godo il paesaggio, scendo lentamente anche per non forzare il ginocchio. Infatti, non ho problemi.

Incontro parecchia gente che sale.

Arrivo al lago Fiorenza a mezzora da Pian del Re, c’è il sole, mi sdraio hai bordi del  laghetto alpino e me la godo un sacco, pranzo e poi mi addormento. Sto benissimo. Scendo.

Domando ancora a tre rifugi se hanno bisogno di personale e tutti mi danno la stessa risposta: piove sempre, ci sono pochissimi clienti, sarà per il prossimo anno.

Prendo la navetta che scende al Pian della Regina, dovrò prendere altri tre autobus per arrivare a Torino.

A posteriori direi che non potevo scegliere anno peggiore. E’ dal 1803 che non piove così tanto nei mesi di giugno e luglio!

 

P.S. Vedi l’articolo scritto prima di cominciare a lavorare in rifugio: Urrà! Passerò l’estate in un rifugio alpino.

Altro P.S. Vedi articolo successivo: Ho lavorato in un rifugio alpini….la miseria che delusione!!

 

 

 

TALLIN (2). In attesa del visto per la Russia.

Dopo essere stata sull’isola di Saremaa ritorno a Tallin.

Voglio fare il visto per la Russia. Vado all’Ambasciata Russa, mi dirottano verso la loro agenzia viaggi ufficiale Travel Agency Vaatevinkel. Qui trovo una signora russa gentilissima, parla inglese e mi spiega cosa devo fare.

Per il visto turistico, durata 30 giorni:

  • consegno due copie del modulo scaricato dal sito  internet dell’Ambasciata,
  • allego una foto tessera,
  • la prenotazione dell’ostello a San Pietroburgo,
  • il passaporto con scadenza di oltre 6 mesi dopo la fine del viaggio. 
  • L’assicurazione per il viaggio la fa l’agenzia, 9 euro e qualche cent.   
  • 65 euro il costo del visto.              

Vuole sapere l’indirizzo del mio alloggio a Tallin…non glielo dò perchè ho cambiato ostello al mattino e non mi ricordo l’indirizzo. La città in agosto è piena di turisti, ho prenotato solo i primi tre giorni, in 10 giorni cambierò 3 volte di ostello!

Vuole conoscere il mio itinerario in Russia: San Pietroburgo, Mosca, Transiberiana con un paio di fermate, Vladivostok e poi Cina. Viaggio da sola, mi dice che non è proprio tanto sicuro, di fare attenzione. Mi da qualche consiglio. Con nostalgia mi dice che sono vent’anni che non torna in Russia. Ritorno dopo 10 giorni per ritirare il visto.

WP_20160810_21_45_32_Pro
Le spettacolari torri rotonde delle mura medioevali

Quando sono arrivata la prima volta a Tallin 20 giorni prima sono “fallen in love” (innamorata, quanto mi piacciono il suono e il significato di queste parole in inglese!) della città. Una città mediovale, in buona parte ricostruita, ma splendida. Le città  di Danzica, Riga, Tallin durante la 2a Guerra Mondiale furono quasi rase al suolo dai bombardamenti dell’aviazione tedesca e sovietica. Il mio è stato un vero “colpo di fulmine”, infatti quando sono tornata, guardo la città, storco il naso e penso: sembra finta! Ferma nel tempo, come possono essere altre città come Venezia o Bruges. Bellissime. Però molto simili a vecchie signore sfatte… e rifatte, con un vistoso maquillage,  un pò finte, fuori dal tempo.

WP_20160810_21_35_53_Pro
L’altissima chiesa gotica Olav’ Church al tramonto.

Decido di approfondire la conoscenza della città. Consiglio di camminare senza una meta precisa,  lungo le antiche mura, nelle vie più lontane dalla Raekoja Plats, la piazza principale; su uno dei suoi lati c’è la più antica farmacia europea ancora attiva, fu aperta nel 1422. Ci sono luoghi come le case colorate e la piazza che partono dalla chiesa gotica di St. Olav  che incantano.

Giro per le vie, entro nelle chiese, mi perdo nelle viuzze salendo verso la collina, attraverso l’antica porta che chiudeva la notte l’ingresso al quartiere dei nobili. Avevano timore della ribellione dei mercanti, dei marinai e contadini. Case eleganti, antiche, medioevali, rinascimentali, antiche chiese e l’imponente ottocentesca Alexander Nevskij  la più grande cattedrale ortodossa dei paesi baltici, proprio di fronte al Parlamento estone colorato di rosa. Tra le case una piazzetta con vista panoramica sulla città. Sono tornata più volte la sera, verso il tramonto a vedere la città riempirsi di luci.

Nel museo della Chiesa di S. Nicola (Niguliste Kirik), costruita alla fine del 1400, c’è La Danza Macabra di Bernt Notke, vale una visita solo per vedere questo grande dipinto su legno della fine del ‘400, un tempo lungo 30 metri!

IMG_3865
Vecchio veliero ottocentesco.

Visito tra gli altri il Museo della Marina. Molto interessante, collocato nella torre rotonda “La grassa Margherita” parte della cinta muraria medioevale e della Grande Porta Costiera, su 3 piani, è la storia navale della città di Tallin e dell’ Estonia. A piano terra c’è una mostra dedicata ai Vichinghi.

IMG_3878.JPG
Attrezzatura da palombaro

Dopo aver visitato il Museo Navale esco dalla Grande Porta Costiera, ad un passo dall’ingresso e vado verso il mare. Fuori dalle mura c’è un quartiere deindustrializzato, vecchie fabbriche dismesse, alcune dell’800 restaurate e portate a nuova vita. Archeologia industriale. Su tutto svetta un’altisssima ciminiera in mattoni rossi.

IMG_3835
Il vecchio quartiere industriale fuori dalle mura medioevali.

Nel vecchio quartiere operaio in un edificio cadente  c’è quello che pare un Centro Sociale, ma non è, è un centro culturale finanziato dal comune dove fanno concerti ed esposizioni d’arte, si beve birra, si ascolta musica e si socializza!

IMG_4247

Superato il quartiere, sulla destra proprio sul mare, di fronte ad un piccolo desolato imbarco per la Finlandia c’è un’ edificio immenso, del secondo novecento, completamente abbandonato, decorato da Street Art e immondizia. Cemento, Linee dritte, prospettive lineari.

Grandi scale portano in alto, il mare è lì ai suoi piedi, le navi da crociera e della guardia costiera si perdono nell’orizzonte e nel sole.

IMG_4236
Ingresso con colonne – simile all’ingresso di un’antico tempio

Torno più volte. Gli edifici dell’900 abbandonati sono simili ad antiche cattedrali. Mi danno una sensazione d’inquietudine profonda. Rappresentano bene la vita. I segni del tempo. Sono grandiosi,  un tempo orgogliosa espressione della grandezza umana ora nell’abbondono, nella decadenza esprimono chiaramente il senso del limite,  della vita e della morte e proprio per questo sono stupendi e mi emozionano.

IMG_3851photoshop (3)_edited
Monaco in contemplazione sulla grande scala.

 

RIGA (2). Tra Medioevo, Art Nouveau, passaporti rubati e neonazisti….

Rosone riflesso nell’acqua della più antica fonte battesimale della Lituania.

Circa un’anno fa sono stata a Riga.

Ogni tanto in viaggio mi capita di arrivare in una città  dove inizialmente intendo fermarmi per due giorni e poi restarci per 10 giorni o mesi…intanto continuare a chiedermi: “Che cavolo ci faccio qui!”.

Riga è una di queste città. Ora però devo renderle giustizia perché è  una bella città.

Ha belle case e piazze medioevali, come la Gilda delle Teste Nere associazione di mercanti del 1300, o le case dei Tre Fratelli in una stretta viuzza,   un quartiere Liberty (o Art Nouveau o Jugendstil) intorno alle vie Alberta Iela e Elisabeth Iela, considerato patrimonio dell’umanità, edifici moderni  tra i quali una biblioteca spettacolare, la spiaggia di Jurmala, il mare vicino. Ho scoperto alcuni locali fuori dai giri per turisti dove si mangia divinamente e con prezzi bassi. Ha sculture in plein air, antiche chiese altissime come le St. George e St. Peteris Baznica del 1200 e musei da vedere.

IMG_3654
La nuova Biblioteca vista dal centro storico.

Mentre ero qui sono successe alcune cose curiose che mi costringono a romanzare il mio soggiorno…

Arrivo in città da Gdanks (Danzica,Polonia) in autobus. Vado all’ostello prenotato via Internet e arrivo “Nel cortile d’Amelie” (indicazione di fantasia). L’avevo scelto affascinata dal nome. Sapeva di antico, di nostalgia, di buono… Si trova in un vecchio edificio ristrutturato in fondo ad un cortile. Sul tetto una terrazza per gli ospiti. Mi riceve un’italiano del sud. Mi aspettava. Esteriormente è un uomo del sud ma non è molto socievole. Niente feste, sta sulle sue.

IMG_3687 (2)
St. Peter Banzica, spettacolare architettura.

Una ragazza lituana mi accompagna al 1° piano dove c’è un bellissimo sottotetto, grandi tronchi sostengo il tetto, parquet in terra, letti a castello in legno su un lato, di fronte le finestre con qualche tavolino e delle vecchie poltrone, una porta in fondo si apre su una camera matrimoniale, l’atmosfera è calda e accogliente.  Mi assegnano un letto, scelgo la branda superiore. Si stupiscono sempre della mia scelta…si aspettano che scelga il letto inferiore…forse perchè non sono più giovanissima! Boh! In realtà in questo modo mi metto in sicurezza…non garantisce, ma è più difficile essere aggrediti se sei in alto e puoi controllare la situazione.

WP_20160802_20_13_06_Pro.jpg
Palazzo Jugendstil tra Albert Iela e Elisabeth Iela

Lascio zaino e trolley e faccio il mio primo giro in centro città, l’ostello si trova vicino al quartiere Liberty  e a 10/15 minuti a piedi dal centro storico medioevale. Riga non è una città vistosa come può essere Tallin. E’ una città elegante di cui scopri la bellezza un pò per volta. E’ immersa nel verde. Un verde scuro, deciso, lucido, di paese dove piove spesso, ci sono parchi e giardini pieni di gente, di bambini.

IMG_3763.JPG
Parco cittadino con ponte e lucchetti dell’amore eterno. L’internazionalizzazione delle scemenze. C’è n’è uno in ogni città europea.

Quando torno in ostello scopro piacevolmente che è pieno di giovani, ragazzi e ragazze in arrivo da tutta Europa. Simpatici, socievoli con i quali tenterò di migliorare il mio inglese. Restiamo fino a tardi a chiacchierare. Tra gli altri, una ragazza austriaca del Nord Tirolo e un ragazzo Viennese. Entrambi molto belli. Lui, 23 anni, alto, elegante, scuro di carnagione, sembra un mediorientale, infatti il padre è d’origini iraniane fuggito in Europa al tempo della rivoluzione Komeinista e poi sposato con una ragazza austriaca. Gente benestante.  Immagino i problemi che avrà avuto questo ragazzo nella Vienna razzista. E’ raffinato, molto vissuto, viziato. E simpatico.  Ha fatto un’Erasmus qui.

IMG_3584
Squisito dolce tradizionale Lettone con  pane di segale, panna montata, cannella e…

Conosce molto bene la città. Con la viennese con cui amoreggia (sono arrivata all’improvviso… si baciavano alla grande!) e un giovane turco ci porterà una notte a scoprire un famoso birrificio in un cortile di una vecchia fabbrica deindustrializzata.  (Accidenti, ho dimenticato il nome!).

IMG_3592 (2)
Fregio Art Nouveau

Qui fanno delle ottime birre aromatizzate, solo in Belgio e in certi villaggi tedeschi ho bevuto delle birre così buone. 8/9 boccali di birra, ognuno diverso dagli altri, fatti girare per la degustazione. Io avendo raggiunto l’età della ragione da un pezzo, conosco i miei limiti alcoolici  e non ho più bisogno di dimostrare nulla a nessuno onde per cui quando mi avvicino al mio limite chiudo, mentre i ragazzi devo dimostrare di essere dei duri, ecc. e bevono come delle spugne.

Al ritorno avendo scarpe con i tacchi alti in una strada dissestata di periferia, il giovane viennese mi offre il suo braccio, mi s’incolla addosso per “aiutarmi”. In realtà se non si attaccava al mio braccio dubito assai sarebbe riuscito a raggiungere l’ostello in posizione verticale, devo dire che aveva stile e reggeva bene la birra. Queste cose mi fanno crepare dal ridere!

IMG_3427
Simboli massonici su Palazzo Liberty

Nei giorni successivi visitiamo il Museo di Fotografia, anche perchè il giovane turco vuole fare una mostra delle sue opere nel museo. Ha un appuntamento con la direttrice.

Un paio di giorni dopo, prima di partire per la Finlandia mi accompagnano al Central Market-Central Tirgus.  In enormi Hangar rifugio e garage dei Dirigibili Zeppelin, ora c’è il più grande mercato coperto d’Europa, fornitissimo di specialità locali, erbe e frutti a cui diamo la caccia.  Giro tra i banchi affascinata.

IMG_3482.JPG
Interno Museo Nazionale Belle Arti
IMG_3519 (4)
Interni Museo Naz. d’Arte

E qui succede una cosa che attira la mia attenzione. Già nei giorni precedenti alcune allusioni tra di loro, dei sottointesi, frasi non finite… avevano fatto sorgere nella mia mente un punto interrogativo. I tre ragazzi sono diretti in Finlandia,  si danno appuntamento lì, ma prima visitano città diverse, giungono in Finlandia da percorsi differenti.

IMG_3466 (2)
Porta di Palazzo Art Nouveau

Quando arriva il momento dei saluti, si abbracciano, io guardo i banchi del bazar, ma li osservo con la coda dell’occhio distrattamente. L’austriaca si butta tra le braccia del turco in un caloroso abbraccio… la ragazza non pensa di essere osservata, un secondo prima, il braccio con cui gli cingerà il collo,  si alza deciso nel saluto nazista!!

Intanto nell’ostello vanno e vengono gruppi di europei di varie nazionalità, russi e finlandesi arrivano per acquistare alcolici molto più convenienti che nei loro paesi. Arriva un gruppo di 10 olandesi o belgi diretti in Russia. Una cosa che spicca in questo gruppo di maschi in viaggio e in altri che arriveranno dopo è il testosterone, sono aggressivi, arroganti, sembrano pentole sotto pressione e… vanno in Finlandia. Penso tra me e me “…dovrebbero frequentare più spesso intimamente e in modo intelligente le loro coetanee!”.

IMG_3722.JPG
Sculture Liberty

Una mattina mi sveglio, sento uno strano movimento nel grande sottotetto, brusii di voci e bisbigli, capisco che è successo qualcosa, scendo mezza addormentata a piano terra:  c’è il proprietario pallido, la faccia tirata, nervoso; gli olandesi seduti su un divano stanno discutendo concitati. Un poliziotto in borghese compila un modulo. C’è un nuovo ospite seduto su una poltrona, osserva sornione con uno strano sorriso. Chiedo all’italiano ma cos’è successo? Lui, pallido: “Questa notte hanno rubato 8 passaporti agli olandesi!”.

Nella parete di fronte ci sono gli armadietti di “sicurezza” dove lasciare computer, soldi, documenti. Strabuzzo gli occhi: “Cavoli, mi è andata bene ieri sera volevo lasciare il computer lì, per fortuna l’ho portato sopra.” “No”, mi dice, “hanno aperto solo l’armadietto dei passaporti!”. Huao, penso, se li sono curati.

WP_20160805_14_23_27_Pro.jpg
Sculture all’aperto

La notte la reception non funziona, per entrare c’è un codice da digitare su un tastierino esterno. C’è un ragazzo, in città per un periodo di prova per un lavoro, che gira per l’ostello con la testa bassa come un cane bastonato, scopro dopo, ha anche compiti di controllo, ma quella notte dormiva. L’italiano mi dice seccato “Dei lavoratori lituani non ti puoi fidare”. Capisco che lavora per lui.

Nel pomeriggio  il viennese se ne va. Rimane la ragazza del Nord Tirolo.

Il nuovo arrivato è argentino, dice… La sera va a fare baldoria con gli olandesi e un altro gruppo appena arrivato, aggressivi, sempre troppo testosterone. Mi invitano. No, grazie. L’austriaca accetta l’invito. Deve essere un posto particolarmente elegante, la ragazza si veste da sera…Nel cuore della notte la sento rientrare, da sola, il suo letto è di fronte al mio, ha un aspetto molto strapazzato…i vestiti in disordine…probabilmente è sbronza… non ha il viso allegro…mah?!

WP_20160806_17_47_21_Pro.jpg
Venus of Willendorf 21th century

Incrocio l’italiano, faccio due chiacchiere, nel mentre gli domando che tipo di polizia si occupa di crimini come il furto dei passaporti. L’Interpol, risponde.

Intanto qualcuno mi informa che il giorno dopo, sabato, si può visitare gratis uno dei palazzi più alti della città, è un hotel. Al 23° piano c’è un bar con grandi vetrate e una vista panoramica sulla città favolosa. Decido di andarci.

IMG_3661 (3)
Il bar panoramico al  23° piano.

La mattina dopo l’argentino si aggrega. Mi racconta un pò di sè. Ha viaggiato molto in tutto il mondo. In Argentina è proprietario di un ostello, gestito da una donna, lui è sempre in giro. Mi racconta di sua madre, al tempo della dittatura fascista era stata perseguitata  per le sue scelte politiche e costretta ad andare all’estero per salvarsi la vita. Gli dico che io e sua madre siamo sorelle.  Intanto s’informa sul percorso del mio viaggio, capisco da alcune sfumature della chiacchierata che conosce perfettamente le ragioni della mia partenza dall’Italia. Sta indagando. Cerca di capire se sono coinvolta.

Mi chiede informazioni sul proprietario dell’ostello di cui sò niente, a parte la regione di origine. Mi fà la battutta “Mafioso?”, io casco dalle nuvole, mi stringo nelle spalle: “…ma, non sò, non è siciliano…”. Abbiamo proprio una pessima fama…quello probabilmente è stato costretto ad emigrare a causa della mancanza di lavoro nel Sud Italia, succede un fattaccio e la prima cosa che si chiedono è se mafioso. Tra l’altro sarebbe un bel deficiente. Rubare dei passaporti nel suo ostello! E sono sicura non è stato lui, perchè ho visto la sua faccia la mattina dopo il furto.

WP_20160802_20_35_34_Pro (2)
Antico locale in  Krisnaja Valdemara iela dove cucinano buoni  piatti lettoni per i cittadini di Riga.

Quando torno in ostello, vado in terrazzo. Piove spesso da queste parti, non perdo l’occasione per abbronzarmi le poche volte che il sole spunta tra le nuvole! Mi raggiunge l’italiano ora più socievole. Gli faccio presente che l’argentino mi ha chiesto se lui è un mafioso. Fa un lieve sorriso e commenta: “Sì, se sei italiano, è la prima cosa che pensano! Gli domando se l’argentino è dell’Interpol. Conferma.

Un paio di giorni dopo scoprirò che la domanda era pertinente! Il ragazzino, bello addormentato, mi dice che lavora per lui, nel suo CASINO’!!! Huaooo. Non credo che tutti gli emigrati italiani vadano all’estero ad aprire un casinò!

IMG_3753
Uno dei tanti dolci tipici buonissimi preparati nel locale di Krisnaja Valdemara iela.

Da subito, alla notizia del furto comincio a fare ipotesi su chi può aver rubato i passaporti. Mi guardo intorno, osservo la gente che gira nell’ostello, ripenso agli ospiti già partiti.

  • Escludo il proprietario dell’ostello, semplice emigrante, business man o mafioso,   perchè non è un deficiente e la mattina era paonazzo, per lui era un problema vero!
  • La porta non è stata scassinata, il ladro o i ladri conoscevano il codice per aprire la porta che da sul cortile. Quindi erano o sono ospiti dell’ostello (in questo caso bel sangue freddo!) o ex ospiti  appena partiti o qualcuno che lavora lì. Gli olandesi proprietari dei passaporti erano in ostello da soli due giorni…qualcuno ha colto l’occasione per rubare 8 bei passaporti!
  • I dati dei passaporti erano riferiti a giovani tra i venti e i trentanni anni, tutti alti, biondi e con gli occhi chiari…mi chiedo a chi potevano servire dei passaporti con una descrizione fisica simile. Di certo non ha dei mafiosi del Sud Europa o dei Turchi o dei terroristi mediorientali…
  • Mi chiedo se può essere la mafia russa, come qualcuno mi aveva suggerito, ma poi… cavolo ….
  • E lì mi ritorna in mente la Filandia… almeno 3 gruppi diversi di giovani arroganti palestrati, aggressivi, con le teste rasate e diretti in Filandia…Il saluto nazista dell’austriaca al turco; il turco che da brandelli di  discorsi e dai commenti sul tentativo di golpe in Turchia di qualche giorno prima mi aveva fatto pensare essere un militare fuggito dopo il fallito golpe o un ex militare, di sicuro non simpatizzava per Erdogan. Tra l’altro anche lui era vissuto a Riga per un periodo. Subito avevo pensato a qualche militare della Nato inviato lì a presidiare i confini europei a seguito degli attriti e le sanzioni contro la Russia. Dopo quei brandelli di discorsi avevo ipotizzato che l’Erasmus del viennese poteva essere una bugia e che anche lui fosse un soldato Nato o roba simile…. E’ risaputo che i militari spesso hanno simpatie fasciste o di  destra. Avevo anche ipotizzato ci fosse la settimana successiva un raduno di neonazisti e fasciti da tutta Europa! Troppa gente “giusta” nell’aspetto, nell’atteggiamento, nel vestiario diretta lì negli stessi giorni. Non poteva essere casuale.                                                                                                               La Finlandia è nota per i vari gruppi neonazisti e fasciti violenti, razzisti e anche assassini. Forse… rubano dei passaporti per compiere crimini per autofinanziarsi…??
  • C’è un’ultima ipotesi, ma questa la tengo per me, perchè se fosse vera, dovrei tornare all’ipotesi della mafia russa, che ha commissionato il furto a uno o più deficienti, ingenui, affamati di soldi e nel caso troppo stupidi…e se così fosse a quest’ora lì avrebbero già beccati!
IMG_3447
Palazzo Art Nouveau con i gatti nel centro storico.

Rimango ancora qualche giorno a Riga, vagabondando tra le antiche case medioevali e i palazzi Liberty con bei gattoni neri con la coda alzata sui tetti in gesto di disprezzo in una vecchia sfida; visitando antiche chiese protestanti con i campanili decorati da galli segnavento guardiani contro il male; ascoltando musica e passeggiando lungo la Daugava.

IMG_3456.JPG
Case mediovali.

Un giorno mentre cammino nelle tortuose vie del centro storico e osservo divertita una casa medioevale con all’interno un ristorante dal nome FELICITA’ ( in lingua italiana ) e con una scritta in ferro battuto “vini della tenuta di ALBANO CARRISI” proprio di fronte alla scultura dei “Tre cantori di Brema”, sento il suono di un’ organo uscire dalla porta di una chiesa minore, entro, mi siedo tra i banchi vuoti… ed ascolto uno dei più bei concerti di musica vocale mai sentiti.

Il caso vuole che un grande tenore dei Paesi Baltici quel giorno facesse le prove del suo concerto proprio lì. Brutto, basso, grasso, calvo, in tuta da ginnastica… e una voce indescrivibile, divina, sublime. Era talmente bravo e la voce così bella da commuovermi…

Poi prendo il mio zaino, il trolly e parto per Tallin, Estonia.

IMG_3459 (2).JPG

 

 

 

 

Tra mistero, paganesimo, pendoli e cacciatori di tombe. La chiesa di S. Caterina di Karja. Isola di Saaremaa.

La Chiesa di Santa Caterina di Karja è uno dei posti più strani che mi è capitato di vedere…

Dopo aver visitato i Mulini a vento di Angla, avevo qualche ora di tempo prima di prendere l’ autobus per tornare indietro a Saaremaa. Ero indecisa se andare fino a Leisi quasi a picco sul mare, 6 km a piedi e prendere lì l’autobus, ma mi ero dimenticata l’orario di ritorno. Rischiavo di restare a piedi, e 35 km per tornare a piedi fino a Saaremaa erano un pò tanti! Troppi.

I mulini di Anglia.

Chiedo informazioni nel piccolo Museo di storia locale,  c’è qualcosa d’altro di bello da vedere qui in zona? Una donna mi dice a 2,5 km c’è la Chiesa di Karja.

La Chiesa di Karja.

Ero proprio indecisa. Arrivo in fondo al prato dei Mulini dove c’è l’incrocio per Karja, mi piazzo in mezzo all’incrocio…dove vado? La chiesa di Karja è stata costruita tra la fine del 1200 e l’inizio del 1300, ma chiese del genere ne ho viste in quantità nella mia vita.

Decido per Karja.

E’ una bella giornata di sole.  La strada attraversa grandi prati e campi con file di pali della luce, e boschetti; mentre con il naso per aria seguo il volo di una farfalla un grosso serpente mi passa tra i piedi, per lo spavento faccio un salto olimpionico…quando torno indietro per capire se è velenoso o no è ormai scomparso nell’erba alta.

La chiesa si vede da lontano bianca, alta, tra il verde degli alberi e nel sole. Però senza una ragione precisa più mi avvicino più mi sento inquieta. 

Karja è una località (küla) di 234 abitanti nella contea di Saaremaa, in Estonia. Fa parte del borgo di Leisi.

La chiesa di Karja, dedicata a Santa Caterina e un tempo anche a S.Nicola protettore dei naviganti, un misto di stile gotico e romanico, è una chiesa-fortezza, forse costruita alla fine del Duecento. Serviva da rifugio agli abitanti del villaggio vicino, durante invasioni, guerre e scorrerie. Sull’isola molte chiese avevano questa funzione e supportavano i baroni tedeschi, conquistatori di queste terre in epoca medioevale. Questo uso è evidenziato nella Cronaca di Henrik il Lituano, la più essenziale e completa storia delle conquiste Tedesche dei paesi Baltici nel Medioevo . 

Al mio arrivo, fuori dalla chiesa, su una panchina è seduto un uomo. Un uomo che ho già incontrato altre volte nei miei giri sull’isola. Un tipo strano. Altissimo, magro, i capelli arruffati. E ogni volta resta lì a fissarmi con insistenza.

I paesi baltici sono gli ultimi ad essere cristianizzati in Europa. Dalla 1a Crociata del Nord iniziata nel 1199 al 17°secolo, anche dopo la cristianizzazione  i popoli baltici continuarono a praticare i loro riti tradizionali, in una secolare coesistenza e sovrapposizione. Ci  furono 5 crociate, una 1206-1261 contro l’isola di Saaremaa.

Questo dà un’idea dello spirito di ribellione e della determinazione degli estoni e degli abitanti di Saaremaa in particolare a difendere la propria cultura e la propria terra! Isola quasi al centro del Mar Baltico, chiude il golfo di Riga, strategica per il controllo delle terre e della navigazione verso i Paesi Baltici, la Russia, la Finlandia e verso il Mare del Nord per millenni fu campo di battaglia e preda ambita dai vichinghi, danesi, germani, russi,  finlandesi. 

Entro nella chiesa, mi siedo su un banco a metà navata, dove c’è luce. Alte, strette bifore con vetri colorati illuminano l’interno.  Comincio a guardarmi intorno e sorpresa scopro che è un posto speciale. Normalmente le sculture, gli affreschi nelle chiese sono piene di simboli, ogni figura è legata alla teologia, alla storia della chiesa, molti sono criptici, comprensibili solo ai teologi, a specialisti di storia dell’arte.

Affresco-donna con le mani sul seno e tra le labbra un foro. Chissà cosa significa?

Ma qui ai classici simbolismi cristiani si aggiunge qualcosa di molto, molto più antico. Nei capitelli, sugli affreschi, sulle volte a crociera, sopra l’altare ci sono strane gargouille,  triscele colorate, pentagrammi o pentacoli, diavoli senza pantaloni (scoprirò  che la chiesa in cui sono finita casualmente è famosa per gli antichi affreschi apotropaici, ossia scaramantici, utili ad allontanare forze maligne) oltre ai semplici disegni decorativi medioevali sui muri in parte erosi dalla muffa e dall’umidità. Un vero peccato, rischiano di perdere una rara testimonianza di un passato remoto della storia umana di cui si è persa memoria e rimangono solo poche tracce.

Sono un miscuglio di simbolismo cristiano e simboli precristiani, indoeuropei, mediorientali. Una meraviglia!

Affresco.

Giro per la chiesa osservando curiosa e tanto per non cambiare quando trovo qualcosa di molto interessante ho giusto scaricato le batterie della macchina fotografica e del telefonino…una maledizione! Per cui ho 4 foto dell’interno e 2 dell’esterno.

Lo spilungone entra e si siede ad un banco sulla fila opposta alla mia. Mi guarda. Esce. Intanto la guardiana della chiesa, una dimessa donna di mezza età spunta  in piena luce dietro le sbarre di una porta, infondo al buio di una stanza laterale.  Sento che mi osserva, la guardo, più continua a fissarmi, più diventa agitata. Non penso, dico Boh?

Capitello.

Entrano una coppia con una bambina piccola. Io mi risiedo e quello che sento lì mi innervosisce. Penso: Boh?

Però incuriosita voglio conoscere la storia della chiesa. All’ingresso c’è un banchetto con dei libri , a parte una brossura scritta in inglese con quattro insignificanti informazioni storiche, i pochi altri sono in estone. Compro quello più corposo, dai disegni mi dice che è uno studio sui simboli. Intanto la guardiana mi gira intorno sempre più agitata. Mi chiede se sono da sola. Ad un certo punto esce dal portale dell’ingresso e chiama qualcuno, vedo nei prati dall’altra parte della strada un cane bianco correre avanti e indietro come un siluro. La guardiana mi dice che sta chiamando suo figlio.

Lo spilungone si è riseduto sulla panchina. La donna lo guarda nervosa e poi gli intima più volte di andarsene. Lui non fa una piega e poi gli dice qualcosa in finnico. Io li guardo con la faccia di una che non capisce la situazione. Lei alla fine mi dice è un bad man. Non gli do più retta, torno dentro a guardare i libri.

Entra anche lei e mi dice a gesti che deve chiudere, ok, ma fammi vedere ancora questo libro.  Comincia a chiudere un’anta del doppio portale…e in un secondo capisco che vuole chiudermi dentro. Spingo l’altro battente e M’infilo tra le due porte, lei cerca d’impedirmi d’uscire. Mi sparo fuori dalla chiesa come un bulldozer e nella stupenda luce del pomeriggio respiro. Intanto mi chiedo che cavolo di situazione è questa? La donna si allontana e continua a chiamare qualcuno.

Giro attorno alla chiesa su un lato ritrovo la coppia che discute sul significato delle antiche pietre tombali. Mentre osservo arrivo in un punto dove sento qualcosa d’inquietante, mi sposto di qualche metro…affievolisce…ritorno e riprovo per un pò di volte…sempre la stessa forte, intensissima sensazione. (Ipotesi: nel terreno,  rocce, minerali impregnate di magnetismo terrestre particolarmente intenso…Non sono un fisico).

Continuo a camminare, a un certo punto alzo gli occhi ad un’altezza di 25 metri c’è una finestra con due grosse sbarre di ferro piegate, sembra che un gigante abbia preso tra le mani le sbarre e con tutte le forze abbia cercato di piegarle per uscire…o entrare…! Rimango lì a bocca aperta.

Ho finito il giro. La coppia se ne andata. Per tornare sulla strada principale devo passare davanti allo spilungone. E’ in evidente attesa …di me…

Decido che la miglior difesa è l’attacco…non aspetto che mi parli… chiedo “Chi sta chiamando la guardiana?”…lui  ” Suo figlio.” invece spunta il cane bianco, si allontanano insieme verso delle baracche nel boschetto dietro la chiesa. L’uomo dice: “Suo figlio!” Io pensò, orca… un’altro matto!

Lo saluto cordialmente e cerco di allontanarmi…lui si alza e mi segue.

O merda… sono sola in mezzo alla campagna, non passa una macchina manco a pagarla, una squinternata con un cane-figlio ha appena cercato di chiudermi dentro un’antica chiesa piena di simboli esoterici, uno strano spilungone ha deciso che sono la cosa più interessante che ha visto da un sacco di tempo, non posso neanche scappare perchè ha le gambe lunghe il doppio delle mie….

….decido di…fare conversazione!

Quando voglio so essere amabile…soprattutto se voglio tenere le distanze!

Mi racconta che è ………(Europa occidentale),  arrivato un’estate sull’isola, vent’anni fa, e non se ne più andato. Arriviamo ad un’incrocio mi dice “Poco più avanti c’è un cimitero…se vuoi te lo faccio vedere…ho passato lì la notte!”

O cazzo, penso io…Dato che ho letto anni fa che  i matti non vanno contraddetti..con un bel sorriso gli faccio “ah però…interessante! Che ci facevi nel cimitero?”

Lui: Scavavo tombe!

Ehh!? Gli guardo le mani…effettivamente ha le mani sporche di terra…

Si, in quel cimitero ci sono almeno 4 strati di tombe antiche, l’uno sull’altro, sono sepolti gli antichi baroni tedeschi che occuparono l’isola nel medioevo.

Io, riprendo colore e la mia voce torna normale,  comincio a capire…

Rifiuto l’invito,  nonostante sono molto curiosa…non mi sembra proprio il caso! Mi propongo di tornarci da sola un’altro giorno. A curiosare…

Intanto mi racconta la storia delle conquiste medioevali tedesche dell’isola.

Sono stata per anni una libraia antiquaria, un bellissimo lavoro, affascinante, interessantissimo, impari continuamente qualcosa di nuovo, ma un lavoro altamente a rischio per i soldi che girano e per i matti. Si, i collezionisti sono dei veri matti squinternati, c’è chi si fa di cocaina e chi si fa di libri o magari tutti e due ed è disponibile a fare follie per una cosa che gli interessa, infatti ho sempre evitato con cura di acquistare e vendere certi libri come ad esempio i libri di magia ed esoterismo, avevo inquadrati i   personaggi…comunque non mi ha evitato problemi con questi pazzi da legare.

Lo spilungone mi dice che il giorno prima lui e un suo amico isolano che sa usare un pendolo sono andati a caccia di antichi reperti nei dintorni. Non hanno trovato nulla. (Non chiedetemi come sia possibile che con un pendolo da rabdomante si possono trovare antichi oggetti di metallo,non ne ho la più pallida idea…).

Anche in Italia ci sono persone che cercano oggetti antichi sui luoghi di antiche battaglie, anni fa un mio cliente mi regalò, dei bottoni di epoca napoleonica e delle palle da fucile che aveva raccolto su uno dei tanti campi di battaglia napoleoniche italiane. Vanno in giro per campi e prati con rilevatori di metalli a caccia di monete e oggetti vari.  Non ho idea se tutto questo è legale.

Poi ci sono quelli più ricchi e organizzati che fanno rilevazioni aeree e trovano oggetti preziosi. Poi ci sono i classici tombaroli, toscani, romani, calabresi, siculi…mi hanno raccontato che al Sud negli anni ’60 molta gente si è arricchita scavando tombe e vendendo anfore, oggetti vari agli americani, ai tedeschi e agli svizzeri. Questo sicuramente è illegale!

Lo spilungone mi dice che quando sono passati davanti alla chiesa il pendolo del suo amico aveva cominciato a vorticare paurosamente… “c’è una strana energia lì… sono venuto qui altre volte…”

Sono di Torino. A Torino ci sono un sacco di squinternati che fanno messe nere,  ci sono strane associazioni, e un sacco di favole sul triangolo magico Torino-Lione-Praga e il Santo Graal che pare sia nascosto chi dice alla Gran Madre chi in qualche cantina del centro storico, lì viveva Roll famoso sensitivo, e massoni che fanno orge e riti satanici per ingraziarsi qualche “spirito” e fare migliori affari e molte altre assurdità del genere.

Ogni tanto finiscono sui giornali per qualche fattaccio. Mi raccontava un vecchio collega che dopo uno di questi “incidenti” si sono immersi e sono molto cauti, viaggiano sotto traccia, è vero che sono coperti dal loro denaro, ma non devono esagerare se non vogliono finire nei guai (leggi galera) come tutti gli altri comuni mortali….

Quando leggevo qualche notizia nella cronaca cittadina ho sempre pensato : sono dei frustrati, dei veri poveracci mentalmente parlando, che o nella vita hanno combinato poco o non capisco niente del mondo in cui vivono o sono molto superstiziosi e compiono ridicoli riti per migliorare la loro misera vita. Ora penso siano anche pericolosi e fuori di testa.

Lo spilungone mi segue come un cagnolino, deciso a farsi adottare.  C’è gente che ha le pulci, io invece raccolgo cani smarriti a due zampe, di solito, con il tempo, si rivelano brutti cani rognosi, e nonostante l’esperienza di vita, in fondo mi fa un pò di tenerezza. Alla fine lo semino promettendogli che forse il giorno dopo ci rivedremo alla stazione per vedere le grandi scogliere del nord dell’isola e se invece parto per Tallin, tornerò sull’isola e verrò a cercarlo.

Lui mi invita a passare l’inverno a casa sua…è randagio ma ha una casa… Anzi al suo paese possiede un intero villaggio…il suo interesse per i baroni aveva un senso…la storia della sua famiglia.

Forse aveva solo bisogno di una coperta per l’inverno!

Meglio la Russia!! Vado a Tallin a fare il visto per la Russia.

P.s. In un prossimo post racconterò cosa penso dei Sensitivi. Della superstizione, del ciarpame costruito intorno per fare bussiness.

Dell’ignoranza e a volte credulità delle persone, il voler credere in spiriti, dei, angeli, come diceva Marx é “… il sospiro della creatura sopraffatta…” e che rinunciare a questa consolazione illusoria “esige che si deve rinunciare a una situazione che ha bisogno d’illusioni…” qui si riferisce alla religione “oppio dei popoli” e alla necessità di cambiare una società che per miliardi d’individui è sfruttamento, miseria, guerra, 12 ore di lavoro 7 giorni su 7, oppure disoccupazione, bassi salari e pressione continua per mantenere gli Standard di vita in Occidente. Le persone sopraffatte  e disperate si creano illusioni per sopportare il presente.

E si creano illusioni di fronte a fenomeni naturali che non hanno nulla di misterioso, di divino, di spirituale…come qualcuno mi ha detto qualche tempo fa …è Vita…semplicemente vita. Pura Materia e Pura Fisica.  Dna e centinaia di migliaia di anni di storia dell’Homo Sapiens.

P.s. E’ evidente da una serie di cose successe sull’isola  che lì c’è ancora gente che pratica antichi riti…(vedi: Wikipedia/neopaganesimo baltico ed europeo).

P.s. L’immagine in evidenza non è una mia fotografia. L’ho presa dal sito di Wikipedia.

Saaremaa. I crateri del meteorite di Kaali.

Sono arrivata a Kaali con l’autobus dalla stazione di Saaremaa.  Le corse giornaliere non sono molte, però in orari buoni per visitare con comodo l’isola.   http://visitestonia.com

A Kaali, all’interno dell’isola di Saaremaa, caddero dei meteoriti.  I crateri di diverse dimensioni sono sparsi tra i prati e i boschi. Sono 9. Il più grande, è il secondo al mondo per dimensioni, 150 metri di diametro, con all’interno un piccolo lago.

Secondo recenti studi, l’energia dell’impatto ebbe lo stesso effetto della Bomba di Hiroshima, per 6 km intorno al luogo dell’impatto le foreste furono incenerite.

Considerato un luogo sacro, sul bordo del cratere vi sono resti di antiche mura ed edifici probabili luogo di culto di antiche religioni animiste del passato, pare che nella prima Età del ferro il cratere fosse circondato da un muro lungo 450 m., profondo 2,5 m. e alto 2 m.

Tutti i visitatori vanno a vedere quello più grande, gli altri sono un pò nascosti.

Ho passato due ore sotto la pioggia battente seduta su un tronco al riparo degli alberi all’interno del 2° cratere. Ho attraversato un boschetto, ho seguito un sentiero che finiva tra due fattorie, stavo per tornare indietro quando a 300 metri ho visto un cerchio di alberi e ho capito che non poteva che essere lì, alla fine ho attraversato un orto e ho individuato tra due campi un piccolo sentiero, in fondo c’erano gli alberi in cerchio, ho cercato un passaggio tra la sterpaglia e sono entrata all’interno del cratere…

Non mi stupisce che fossero considerati luoghi sacri. Entri nel cerchio circondato dagli alberi,  le fronde verdi chiudono quasi completamente l’apertura verso il cielo, muschio verde sugli alberi, sulle pietre, in terra, ti sembra di entrare in un tempio.  Anche qui muri diroccati… una sorgente…un albero cresciuto proprio al centro del cratere…E un pò per il suono della pioggia che cade sulle foglie, gli uccellini che cinguettano al riparo, le farfalle che volano lievi, i fiori selvatici, provo una piacevole sensazione di pace.

 

 

Parnu. Estonia.

Costretta ad andarmene da Tallin per mancanza di posti letto decido di andare a Parnu, considerata la capitale estiva dell’Estonia. Qui secondo gli abitanti di Tallin il mare è caldo… Non v’illudete il mare è praticamente gelido…! Mai fatto il bagno…pioveva e quando c’era il sole la massima temperatura erano 15 gradi, però è un bel posto. Le spiagge sul Mar Baltico non sono mai affollate come le spiagge italiane o del Mediterraneo, sono meno lotizzate, più selvagge, diverse.

Parnu è una cittadina balneare attrezzata: c’è il mare, la spiaggia, basse dune, prati verdi, modernissimi edifici, spa, paludi, parchi, giochi per famiglie, file di belle casette di varie epoche, un piccolo centro con case antiche, il centro sembra quasi un’isola con il fiume Parnu che scorre attorno e sfocia nel Mar Baltico, e tutto intorno le foreste… perfetto da girare in  bicicletta.

Una delle case più antiche di Parnu.
Antico Locanda del 16° sec. a Parnu.

Il 15 di agosto…c’erano 11 gradi! Seduta su una panchina sulla spiaggia con un maglione e un’impermeabile autunnale, pensavo “Voglio tornare a casa!!”.

Barche sul fiume Parnu che circonda la cittadina
Il cartello chiede il rispetto della privacy delle donne .

Sulla stessa spiaggia, in fondo,  un cartello chiede il rispetto della privacy delle signore nude ad abbronzarsi al sole, questa tradizionalmente e’ la spiaggia delle donne.

Vecchie case nelle vie di Parnu.

Essendo una zona ventilata  è molto praticato il Kitesurfing.

Ero ospite dell’ostello Vintsi Hostel, 1,5 km dal centro, molto spartano in un cortile di una vecchia casa, gentili il proprietario e la sua ragazza, italiana di Napoli, ma senza smancerie. Un ostello da backpacker.

Paesaggio visto dalla passerella che attraversa la palude e i laghetti per arrivare al mare.

A circa 1 km c’è il mare, passeggiando tra le casette si arriva alla spiaggia, in fondo, dove si confonde con le paludi e nel mare cresce l’erba. Qui hanno costruito una passerella e delle piattaforme sopra dei laghetti a pochi passi dal mare. Si possono osservare dall’alto i coraggiosi che fanno Kitesurfing, i bovini nella palude, fare birdwatching, osservare il paesaggio.

Spiaggia a Parnu.

Un giorno sono rimasta lì due ore a cercare di convincere un airone bianco ad alzarsi in volo, volevo fare una bella foto, ma il maledetto mi osservava con aria indolente , sembrava dirmi: “la Proloco non mi paga abbastanza per fare anche questo sforzo!”.

Credo il periodo migliore per venire qui sia tra giugno e luglio.

Vecchia Lada = Fiat Millecento