Gita a Burana Tower e a Ak-Beshim. Kirghizistan.

Post pubblicato su Vivere e viaggiare in Kirghizistan, blog iniziato e lasciato a metà dell’opera! Ripubblico il post perchè mi è piaciuta molto la gita e La Torre di Burana e dintorni meritano una visita.

29 Aprile 2018.

Ieri per festeggiare il mio compleanno ho visitato i resti di due antiche città. Ak-Beshim, l’antica Suyab, città del V-VI secolo, a circa 6 km da Tokmok, poi Il minareto di Burana (Burana Tower)e quello che rimane dell’antica Balasagun, città fiorente tra il X e XIII secolo. Si trova a 13,5 km da Tokmok e 15 da Ak Beshim.

A 25 km da lì nel grande pianoro di quella che è la Valle del Chuy, ci son le rovine di un’altra città ancora più antica, Krasnovonoe, qualche secolo BC. 

DSCN3600
La piana del Chu, sullo sfondo una delle catene che formano le montagne Tian Shian.

Sono arrivata da Bishkek a Tokmok con un marshrutka per 50 Som, e 80 km di strada, era possibile arrivare nei dintorni di Burana con un altro marshrutka, e poi fare un pezzo a piedi nei prati. Quella era la mia intenzione, una simpatica signora conosciuta nel viaggio voleva accompagnarmi fino al bazar a prendere il nuovo autobus, se non ché parlando con i taxisti  che ci hanno circondati appena scesi dall’autobus ho avuto conferma di quello che temevo, non c’era nessun collegamento con Ak Beshim. Dopo una trattativa serrata e divertente con uno di loro, che cercava di conquistarmi prospettandomi una quantità industriale di serpenti nei prati che avrei attraversato e altre cose terrificanti, tra le risate dei suoi colleghi e le mie finte smorfie di terrore, ho deciso che 750 som, (11euro) pur essendo una cifra esagerata, valevano la pena per farmi scarrozzare in giro per i villaggi e le campagne dei dintorni.

DSCN3709
Burana Tower. Campo di Bal-bals.

In Kirghizistan ci sono pochi resti delle antiche civiltà, non perché non ci sono state antiche città,  queste terre erano al crocevia di importanti rotte commerciali e di grandi imperi, dalla Cina le merci andavano verso Occidente  sull’Antica Via della Seta,Mediterraneo, Europa, Medio Oriente, Paesi Arabi; qui passarono tutti, dal mongolo Gengis khan, agli eserciti degli imperatori cinesi della dinastia Tangagli ughuriai turchi dell’impero ottomano, e prima ancora gli imperi iranidi,  il problema sta sicuramente nelle invasioni e poi nei materiali da costruzione, le mura degli edifici erano costruite in fango, terra, poi con mattoni crudi, dal X sec. circa in poi in mattoni cotti. Non so in quale periodo, ci fu una decadenza che disperse le città e la popolazione vivendo di pastorizia divenne o tornò a essere completamente nomade.

DSCN3755
Burana Tower.

I kirghisi, mi raccontava il mio erudito taxista, non sono originari di queste terre, ma provengono dalle zone intorno al fiume Enissei, i primi abitanti erano Sciti, successivamente s’insediarono popolazioni Uighure, che furono cacciate al di là delle montagne del Tian Shan, dopo cruente battaglie con i kirghisi. La città fece parte di un Kanato turco. I cinesi occuparono per qualche secolo la zona. Ak Beshim è importante per la storia del Buddismo, ci sono le antiche rovine di un tempio,  secondo il mio taxista, una spedizione americana qualche anno fa concluse che un tumulo, una collinetta con mura di antichi edifici era di epoca cinese ed era un tempio di Shaolin. (Sarebbe interessante sapere come sono arrivati a tale conclusione visto il poco rimasto! Da ragazzina volevo fare l’archeologa… è un lavoro in cui occorre conoscenza ma anche grande immaginazione!  Nel piccolo museo della Torre di Burana ci sono gli oggetti ritrovati che portano all’identificazione delle varie rovine). Qui hanno ritrovato resti di templi buddisti, fortificazioni cinesi, ossari  zoroastriani, chiese nestoriane, bal-bals turchi.

DSCN3628
Missione archeologica giapponese su quel che resta di un tempio buddista.

In questo periodo c’è una missione archeologica giapponese che sta portando alla luce degli antichi edifici.

Camminando sui sentieri sterrati dell’area si trovano una quantità di pezzi di cotto, mattoni e altro consumati dal tempo. Il taxista mi voleva regalare un pezzo di terracotta, interessante, aveva subito una cottura, era in parte invetriato e aveva disegnato delle linee decorative, poteva essere parte di un piatto o di un vaso. Al mio rifiuto mi ha fatto notare che in terra era pieno di pezzi di terra cotta  e che era un ricordo della gita. E che lì intorno avevano trovato pezzi d’argento, d’oro, monete e molto altro. Insomma i tombaroli sono internazionali! (Scherzo, ma da noi le leggi sono severissime sul commercio di oggetti antichi).

DSCN3603
Ak-Beshim. Rovine.

Ho preso la terracotta e lo messa nello scavo dei giapponesi andati a pranzo! Sono stata a lungo appassionata di archeologia e di storia e mi emoziono di fronte ai resti del passato dell’umanità, ma proprio per questo ritengo siano patrimonio collettivo e vadano conservati per l’interesse di tutti e non all’interno della collezione  o della casa di qualcuno. Non era questo il caso essendo un pezzo 10×5 cm, però poteva essere il tassello per comprendere la storia di quel posto.

Ammetto però che ogni volta che vado a visitare un museo o una galleria d’arte, scelgo sempre uno o due quadri o oggetti che “mi porterei a casa”, e visto le migliaia di musei, gallerie d’arte e archivi che ho visto nella mia vita avrei una collezione fantastica! Se fosse possibile che senso avrebbe?  Nessuno.

Se voglio rivedere queste bellezze, so dove sono, se non le posso raggiungere le cerco su internet, e con me milioni di altre persone. Sono la bellezza del mondo. Ci sono delle cose che non si possono vedere in esclusiva, sarebbe meschino e miserabile perché appartengono al mondo, siamo noi, la nostra specie che nel corso dei millenni nonostante tutte le brutture è riuscita a evolvere ed esprimere cose grandiose.

DSCN3673
Burana Tower. Particolare.

Il taxista mi raccontò che avevano fatto rilevazioni satellitari e sotto le collinette lì intorno c’erano mura di antichi edifici, ma non avevano soldi per portarli alla luce, chi aveva le redini dello stato preferiva intascare i soldi…

All’ingresso dell’area di Ak Beshim (non c’è un ingresso), sulla destra ci sono i resti alcuni edifici in terra, le pareti hanno piccoli buchi, quando arrivo, uccellini vari scappano da tutte le parti perché lì c’è il loro nido! E lì ho visto una cosa fantastica, che non avevo mai visto in vita mia, solo sui libri: un Upupa! Bellissima, la cresta giallo-arancio dorata, è fuggita velocissima, era così inaspettata che non sono riuscita a fotografarla. Ho continuato a camminare in alto sulle rovine, quando qualche decina di metri più in là succede la stessa cosa, due Upupa fuggono velocissime, niente foto neanche questa volta, accidenti a me!

upupag
Upupa. Dal vero sono bellissime. (foto del sito DigiscopingItalia)

Altra cosa bella è il paesaggio della valle del Cu (Chuy), la grande piana verde e sullo sfondo, ma vicine, le montagne. Ieri nel sole,  nella luce e nei colori vividi della primavera era spettacolare.

Riprendiamo l’auto e andiamo alla Torre di Burana.

La Torre di Burana è stata costruita nel XI secolo sui resti della città di Balasagun, costruita dai Sogdiani secoli prima. Dall’alto della Torre si vede la grande piana fertile tra le montagne del Tian Shan e si comprende il perché qui per molti secoli fiorirono antiche città.

Era da un pezzo che volevo visitare il sito di Burana, però guardavo le foto su internet e mi passava la voglia di andarci… mi sembrava misero…

Io sono italiana e nel paese da cui vengo, ogni città, villaggio o buco che sia, ha almeno una torre o un castello medioevale, delle chiese romaniche, o gotiche, delle mura romane, o delle tombe etrusche o dei resti del neolitico o dei petroglifi,  onde per cui sono abituata molto bene!

Invece val proprio la pena di fare una gita fin lì!

1° Il paesaggio. E’ stupendo. Le montagne innevate, il verde dei prati, il grigio dei campi arati, le pecore, le mucche e i pastori a cavallo. Ieri poi, 28 Aprile, era primavera, sole caldo, cielo blu, blu, prati verde smeraldo, da stare lì incantati a guardarsi intorno e basta…

DSCN3783
Pastore a cavallo tra le rovine del sito di Burana Tower.

2° Il minareto in mattoni cotti, molto più bello dal vero che su Internet, si può visitare. Si salgono 70 alti scali, all’interno di una stretta scala a chiocciola, al buio. Ci sono un paio di finestre lungo la scala. C’è coda, si sale solo quando l’ultimo è uscito, non passano due persone per volta. E’ alta 24 m., in passato era il doppio, ma è crollata a causa di un terremoto. Quando arrivo in cima e osservo intorno il paesaggio ho un attimo di felicità.

DSCN3744
Burana Tower. Un Bal-bal.

3° I Bal-bals. Le steli funerarie, provengono da varie zone del Kirghizistan. Sono belle. Figure scolpite, appena accennate, con decorazioni che descrivono il personaggio cui sono dedicate.

DSCN3727
Burana Tower. Petroglifo con inciso uno Stambecco.

4° I Petroglifi, incisioni rupestri su pietroni, cervi, camosci, uomini. Sono diffusi in tutto il Kirghizistan.

DSCN3773

5° La gente che visita il sito. E’ un posto allegro. Scolaresche, turisti, gruppi di giovani, coppie di sposi con annessi fotografo e amici/e un po’ bevuti e allegri.  Gli sposi che ho fotografato erano felici, ma veramente, avevano la leggerezza della felicità. Non capita spesso in Europa leggere sul viso di due giovani sposi quello che ho visto ieri in quei due ragazzi. Poi, cavalli e cani che girano per il sito.  Un cane mi ha adottato e per tutte le ore che sono stata lì, mi ha accompagnato. Paziente, mentre fotografavo, si sedeva e mi osservava. Poi ripartiva con me.

DSCN3735
Burana Tower. Il cane che mi ha “adottata” tra i Bal-bals.

E tutti quanti felici di farsi fotografare. Ti ringraziano perché li hai fotografati. Questo un po’ in tutto il Kirghizistan. Tempo fa, fotografai un’anziana donna in un cortile, prima le chiesi se potevo, poi le dissi che se era d’accordo l’avrei messa sul mio blog, che l’avrebbero vista in Europa e in molti altri paesi. Lei ci pensò un po’ su, mi chiese in tutto il mondo? Sì, le dissi. Lei con grande serietà mi guardò e con il capo mi disse di sì.

DSCN3756
Ragazzi kirghisi in gita a Burana Tower.

Trekking a Saimaluu Tach. Kirghizistan.

Ho passato tre giorni tra le montagne del Sud del Kirghizistan.

Abbiamo attraversato il paese da Bishkek, la capitale, fino a Naryn, poi invece di proseguire per il confine cinese siamo andate ad ovest, verso Kazarman a circa 150 km da Zalalabad ( o Jalalabad) confine con l’Uzbekistan. Eravamo quattro donne, dovevamo controllare il percorso verso Saimaluu Tach, uno dei trekking di preparazione, di acclimatazione, prima di affrontare il Pamir e il picco Domachii alto 5130 metri.

IMG-20180726-WA0102 (2)
Dintorni di Naryn.

Andando verso sud il paesaggio cambia continuamente, si passa attraverso zone climatiche molto diverse, è quasi incredibile per un’europea come me la varietà delle montagne, degli altopiani, i colori, i deserti e le vallate verdi circondate da montagne di varie forme completamente brulle, secche. Sono evidenti i movimenti della terra, ci sono alte montagne, montagne basse tondeggianti, altre sembrano dei cappelli appoggiati uno a fianco all’altro, altre sono morene lunghissime perfettamente tronche, come fosse passato un falegname con una pialla! Ci sono dei canyon sotto il livello del terreno, formazioni carsiche, onde di terra tagliate e colorate, valli verdissime nel deserto. Abbiano attraversato tutto il deserto di Ak-Tala, il deserto bianco… in realtà l’altopiano era verde, perché quest’anno ha piovuto tanto, dove di solito c’è erba secca e gialla c’erano distese di erba verde!

IMG-20180726-WA0097 (2)
Sullo sfondo la città di Naryn. Il fiume Naryn è uno dei due fiumi che va a formare il Syr-Daria.

Mi ha entusiasmato vedere cosa a prodotto il movimento della crosta terreste…

Devo ringraziare quattro cretini che ci hanno dato un’indicazione sbagliata, se ho visto un percorso tra le montagne bellissimo. I deficienti ci hanno fatto allungare il percorso di oltre 6 ore… tutto su sterrato, il viaggio doveva durare otto ore invece ne abbiamo fatte quattordici di ore. Mentre ci allontanavamo con il fuori strada mi ero voltata, avevo visto che stavano sghignazzando… Bisogna avere le pigne in testa per fare una cosa simile. Centinaia di chilometri tra le montagne, dove s’incontrano solo cavalli, qualche mucca e piccoli asinelli che stanno comodamente in mezzo alla strada e qualche rara yurta con tanti bambini curiosi che corrono felici a vedere e a dare il benvenuto a chi arriva.

IMG-20180726-WA0026 (3)
Una piccola moschea tra le montagne

Il nostro percorso in fuoristrada e stato tutto tra i 2000 e i 3030 metri.

Fino a Naryn, le strade sono asfaltate, poi sono dei begli sterrati, quando ci siamo accorte dell’errore, erano le 7 di sera, Natacha, la nostra guida e autista, tostissima donna, nascosta dietro un aspetto di delicato fiore femminile,  guidava da 10 ore, eravamo vicini a una miniera d’oro, un tempo importante, ora il villaggio nato intorno alla miniera è in decadenza. Grandi camion diretti alla miniera ci sfioravano nel tramonto.

Arrivati a Kazarman, abbiamo cenato e poi veloci a dormire, alle 6 dopo colazione siamo partite verso la nostra meta: Saimaluu Tasch.

IMG-20180724-WA0267 (2)
La nostra meta là sullo sfondo.

Abbiamo raggiuto dopo qualche chilometro tra le montagne delle yurte, dove ci attendevano le guide con i cavalli.

Dalle yurte siamo scese di qualche centinaio di metri verso un impetuoso torrente di montagna, lo abbiamo attraversato una prima volta su un traballante ponte tibetano, accomodato al momento dalle guide, poi di nuovo più avanti, questa volta a cavallo, perché era impossibile farlo a piedi. Poi per un’ora e mezza il sentiero saliva lentamente prima di diventare ripido.

IMG-20180724-WA0275

Io ero scoppiata. Non riuscivo a respirare, mai successo prima nella mia vita… ma dopo  quasi un anno senza muovermi, non è strano. Non ero allenata, ero stata in montagna solo due volte, e una volta per buona parte del tempo l’avevo passata a mangiare trote!

Sono partita dai circa 800 metri di Bishkek per arrivare intorno ai 2000 m. di Kazarman e poi cominciare a salire. Ho resistito un’ora e mezza, poi per non essere d’intralcio alle altre che erano lì per lavoro, ho deciso di montare a cavallo, non avevo mai fatto un trekking a cavallo… mi è piaciuto un sacco!

IMG-20180724-WA0246 (2)
Sul nevaio.

I cavalli in fila erano tranquilli, ho fatto delle belle foto, per tre ore mi sono goduta il paesaggio comodamente dall’alto di una sella. Siamo passati in mezzo all’erba alta, la flora che da noi è alta cinquanta centimetri, qui è alta 2 metri, abbiamo attraversato un grande nevaio, ripidi pendii erbosi e alla fine siamo arrivati a 3600 m. su un piccolo pianoro circondato dalle cime.

IMG-20180724-WA0102
Il “mio” cavallo può finalmente mangiare l’erba senza essere strattonato.

A metà strada abbiamo incontrato altre guide con i cavalli che stavano pulendo il sentiero e tagliando l’erba e abbiamo cambiato le guide.

In tre abbiamo fatto buona parte del percorso a cavallo, solo la nostra chef, Natacha, responsabile dell’agenzia la maison du voyager   ha fatto tutto il percorso a piedi.

IMG-20180724-WA0015 (2)
Famosa questa pietra simbolo degli antichi riti in onore del sole.

Arrivati a 3600 metri abbiamo lasciato i cavalli, di fronte a noi una pietraia saliva verso il colle, abbiamo passato l’ora successiva tra i pietroni alla ricerca dei Petroglifi, le iscrizioni rupestri, le più antiche hanno migliaia di anni e testimoniano il culto del sole degli antichi abitanti della regione, Sciti. Ci sono incisioni evidentemente di varie epoche successive: cervi con le grandi corna ricurve,  ghepardi delle nevi,  i serpenti simbolo della vita, scene di caccia, il ragazzo con attorno al capo i raggi del sole, ho visto su una pietra un animale identico a quelli della grotta di Altamira, scatto una foto ma si scarica la batteria, cerco un telefonino in prestito, torno indietro e in mezzo a tutti quei pietroni… non trovo più la pietra! Le iscrizioni più antiche sono anche le più belle, fatte con cura, eleganti e precise.

Al ritorno ho percorso il sentiero tutto a piedi. A parte i dieci minuti di una salita dove la guida dei cavalli ha voluto a tutti costi farmi salire a cavallo, perché riteneva che in un punto avrei avuto problemi con le scarpe che avevo…

IMG-20180724-WA0043 (2)
Nella pietraia a caccia di petroglifi.

Effettivamente ho fatto un’idiozia, sono andata in montagna con le scarpe da ginnastica, dopo aver passato la vita a criticare “gli scemi” che andavano in montagna con scarpe inadatte e poi cadevano o si ammazzavano rotolando giù dalle scarpate!

Ho attraversato il grande nevaio con le scarpe da ginnastica e come logica vuole ho rischiato di brutto di farlo tutto con il sedere, scivolavo da maledetti e non solo, raggiunta la terra era di quelle friabili che non teneva, e rischiavo continuamente di scivolare… un’idiozia, ma quando sono partita non avevo ben capito dove andavamo, pensavo fosse una passeggiatina… Accidenti alle lingue straniere! Era lo studio del percorso per l’ultimo trekking di preparazione prima di andare sulle cime del Pamir !

IMG-20180724-WA0166 (2)
Nei prati pieni di fiori blu oltre i 3000 metri.

Non ho avuto nessun problema a salire, mi hanno spiegato che salendo i cavalli in fila non possono che andare avanti, a scendere la questione cambia, bisogna saperli controllare con le redini. Cosa che non so fare. A salire non avevo nessun timore e il cavallo sentiva la mia sicurezza. A scendere, ho cambiato cavallo, sentivo che non era sicuro di se, o forse lui sentiva che non ero troppo tranquilla, anche perché pochi minuti prima avevo rischiato di scivolare sul nevaio.  Il sentiero era strettissimo, da un lato lo strapiombo di centinaia di metri, dall’altro il muro d’erba della montagna. Il cavallo ha fatto un movimento brusco con il corpo, io ero sbilanciata a sinistra verso la montagna, sono scivolata, potevo tenermi, ma nella frazione di secondo in cui è avvenuto il tutto, non ho capito bene cosa stava avvenendo e ho deciso che era meglio lasciarmi andare verso la montagna che cadere nello strapiombo, essendo strettissimo sono scivolata sotto il cavallo che mi ha scavalcato e … ho continuato a piedi!

IMG-20180724-WA0018
Petroglifi. Scena di caccia e serpente.

Intanto i kirghisi a cavallo che avevamo incontrato salendo avevano fatto un ottimo lavoro per chi sarebbe passato di lì dopo … due giorni, mentre per me con le scarpe scivolose, è stato faticoso, l’erba appena tagliata si agganciava ai piedi … ho fatto dei voli olimpionici!

Dopo quattro ore di discesa al torrente abbiamo trovato altri cavalieri ad attenderci per farci passare.

Dopo dieci minuti, il mio cavallo comincia a scalciare, infastidito dal cavallo che ci seguiva, forse erano stanchi e nervosi. L’ultimo pezzo l’ho fatto a piedi. Se voglio andare a cavallo devo imparare un po’ a conoscerli. I cavalli kirghisi sono molto quieti, ma comunque sono cavalli e un’idea di come si controllano è bene averla.

IMG-20180724-WA0157
Masha e la nostra guida dei cavalli.

Raggiunte le yurte abbiamo ripreso il fuori strada e raggiunto Kazarman per la cena. Stanche e contente abbiamo chiacchierato con altri escursionisti europei e poi a nanna. 

Il terzo giorno alle sei abbiamo fatto colazione e siamo partite in direzione di Naryn, poi Koch Kor, abbiamo fatto varie tappe per pranzare, vedere magazzini di prodotti locali, visitare guest house e dopo 16 ore abbiamo raggiunto Bishkek.

Io stanca e felice di aver fatto il mio primo vero trekking kirghiso.

 

IMG-20180724-WA0105

 

 

Ancora…Parigi

Per tutti quelli che amano l’arte:  SABATO 21 MAGGIO 2016  – NUIT EUROPEENNE DES MUSEES – NOTTE EUROPEA DEI MUSEI

A Parigi e in tutta L’ile de France come nel resto dell’Europa dalle 18 a mezzanotte, in qualche museo già dalle 16 e 30 porte aperte, ingresso gratuito a mostre, esposizioni, concerti, performance, visite commentate, giochi per le famiglie, piece teatrali, video e molto altro ancora nei musei.

A Parigi un’altro museo da vedere assolutamente è il MUSEO Du QUAI BRANLY , il Museo dell’ Arte e Cultura di  Asia, Oceania, Africa e delle Americhe, dedicato alle culture non-europee . Si trova vicino alla Tour Eiffel, ha una collezione di 450.000 oggetti, 3500 vengono esposti a rotazione ogni sei mesi. La facciata del museo è un muro verde vivente, costituito da 15.000 piante di 150 varietà diverse provenienti da Cina, America, Europa centrale e Giappone creato dal botanico Patrick Blanch. L’edificio è circondato da una vera e propria oasi verde  di 169 alberi e 72.000 piante. l’Interno, gli oggetti esposti sono indescrivibili, dalle pitture degli aborigeni australiani, alle maschere delle isole oceaniche, agli abiti marocchini, indiani d’america e d’asia o vietnamiti, gli ornamenti,  ai totem delle popolazioni americane, alle maschere africane. E’ da vedere.

 

IMG_1861   IMG_1864

 

Ho visto la mostra “Sciamani e divinità in epoca precolombiana in Ecuador” molto interessante analizzava il ruolo sociale degli sciamani e il loro far da tramite con le divinità.