Bishkek (7). Le “saponette” del Tagiko.

Il Kirghizistan è una delle cinque repubbliche dell’Asia Centrale ex USSR, con Kazakistan, Uzbekistan, Tagikistan e Turkmenistan diventate indipendenti 25 anni fa con il crollo dell’Impero Russo. Hanno una storia millenaria comune, ma ognuna per ragioni economiche, di materie prime, di storia collettiva e personale politico ha risposto in modo diverso all’indipendenza.

Sono stata in giro per i primi tre paesi per mesi…ho evitato il Tagikistan dopo aver conosciuto un uomo, Tagiko appunto… me l’hanno presentato come imprenditore, commerciava in “saponette”, nella sua vita precedente faceva il “regista”… voleva a tutti i costi che andassi con lui a Dushanbè su uno dei suoi camion, trasportava la sua “ merce” in Tagikistan… Mi faceva avere subito il Visa.

DSCN2223

 

Dopo il problema culturale con i suoi… mutandoni, si era offeso e sentito ferito nella sua mascolinità, mi aveva fotografato e avevo temuto una ritorsione. Chiarita la situazione, i nostri rapporti in ostello erano tornati sereni, ma poi… l’ho sentito parlare al telefono più volte con dei “Generali”…al telefono sparava ordini a destra e a sinistra… il giorno prima di partire è arrivato in ostello con un suo “amico”…che nella sala comune dove stavo lavorando mi ha osservato a lungo, aveva stampato in faccia il cartello “sono dei servizi segreti”…

DSCN0497

Mi si sono drizzati i capelli in testa, non per pensare subito male, magari il tagiko era un semplice, onestissimo imprenditore, ma avevo letto su Internet che attraverso il Tagikistan, passano tonnellate di droga provenienti dall’Afghanistan dirette negli altri paesi dell’Asia Centrale per raggiungere la Russia e l’Europa. In Tagikistan è un “business di stato”, onde per cui ho pensato che era bene il caso di continuare a rifiutare i suoi inviti.

Non credo sarebbe stato divertente… salire su uno dei suoi camion, trovarmi alla frontiera tra Kirghizistan e Tagikistan, confine dove ci sono problemi territoriali, e a un controllo dei doganieri scoprire di essere salita su un camion pieno di “saponette di eroina”, essere arrestata e finire in un carcere asiatico con un’accusa di spaccio di droga!!!

WP_20170327_19_09_50_Pro

La sera prima di partire gli ho promesso che dopo il mio viaggio in Uzbekistan sarei andata a Dushambè, lui mi ha lasciato indirizzi, vari n° di telefoni…intanto mentre parlavo, nella mia mente, si formava il gesto…dell’ombrello!

Con il cavolo che vado in Tagikistan, non voglio finire a fare l’Odalisca in quel di Dushambè!!!! 

Tra parentesi aveva moglie e cinque figli…

WP_20170508_20_11_22_Pro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...